YouTube: pagamenti solo dopo 10mila visual!

(Bari)ore 11:13:00 del 11/04/2017 - Categoria: , Tecnologia

YouTube: pagamenti solo dopo 10mila visual!

Con un'inversione di tendenza Google ha deciso di chiudere i cordoni della borsa del suo sito di video sharing: solo chi ha raggiunto almeno diecimila visualizzazioni riceverà denaro per i video pubblicati e gli altri dovranno accontentarsi della fama.

Tempi duri per gli YouTuber. Con un'inversione di tendenza Google ha deciso di chiudere i cordoni della borsa del suo sito di video sharing: solo chi ha raggiunto almeno diecimila visualizzazioni riceverà denaro per i video pubblicati e gli altri dovranno accontentarsi della fama. Il cambio arriva dopo cinque anni di apertura totale: tutti prima potevano diventare dei collaboratori del tubo tramite lo YouTube Partner Program (YPP), iniziare a caricare video e incassare. I soldi arrivavano dalle pubblicità inserite in testa ai filmati e, ovviamente, più aumentavano le visualizzazioni, maggiori erano gli introiti. Un sistema facile e ultraliberista che ha contribuito alla crescita esponenziale del Tubo ma che ha anche diversi problemi.

I replicatori di video virali

Visto il facile guadagno in tanti hanno iniziato a sfruttare contenuti altrui per guadagnare preziose visualizzazioni. Sono sorti così dei canali che ripubblicavano video rubati qua e là senza esplicitarne l'autore e il bello è che parliamo solamente di film, cortometraggi e video musicali ma anche di filmati già postati su YouTube. Navigando sul sito non è difficile imbattersi in quei canali che postano regolarmente video integrali di altri YouTuber a distanza di poche ore e magari con il titolo modificato così da acchiappare qualche clic in più. Secondo YouTube stessa sono centinaia di migliaia, una macchina da soldi colossale che dispensa denaro a chi non ne ha diritto.

Youtuber certificati

Per ricorre ai ripari, prima YouTube ha creato uno strumento che consente di denunciare eventuali abusi ma ora ha scelto di seguire la linea dura. Tra poche settimane inizierà un processo di revisione per i nuovi creatori che vorranno partecipare all'YPP: dopo aver raggiunto 10 mila visualizzazioni i canali dovranno sottoporsi all'esame della propria attività e dimostrare che il pubblicato è tutto farina del proprio sacco. Va detto che per uno YouTuber di talento la soglia di diecimila visualizzazioni è molto bassa e per aiutare i futuri autori a raggiungerla il sito ha creato la YouTube Creator Academy, una scuola virtuale con tanti consigli utili. Il prossimo PewDiePie, dopotutto, potrebbe essere uno di noi.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Siri o il tuo speak intelligente...nel tuo salotto!
Siri o il tuo speak intelligente...nel tuo salotto!
(Bari)
-

Alexa, Google Assistant, ma anche Siri e Cortana: gli assistenti vocali diventano una presenza fissa nel tuo salotto
Alexa di Amazon e Assistant di Google, poi Cortana di Microsoft e Siri di Apple....

Come ricaricare correttamente lo smartphone?
Come ricaricare correttamente lo smartphone?
(Bari)
-

Le batterie al litio incorporate nella maggior parte degli smartphone hanno un ciclo di vita di circa due anni ma un utilizzo scorretto può ridurne notevolmente la durata.
Le batterie al litio incorporate nella maggior parte degli smartphone hanno un...

Cos'e' il 5G e cosa cambia
Cos'e' il 5G e cosa cambia
(Bari)
-

Dal primo telefono cellulare alle reti 4G, la comunicazione mobile è cambiata moltissimo in poche decadi.
Dal primo telefono cellulare alle reti 4G, la comunicazione mobile è cambiata...

Come evitare la spunta blu Whatsapp
Come evitare la spunta blu Whatsapp
(Bari)
-

COME EVITARE LA SPUNTA BLU WHATSAPP - Da quando WhatsApp ha aggiunto la funzione della doppia spunta blu nei messaggi è più difficile leggere una conversazione senza farlo sapere al mittente.
COME EVITARE LA SPUNTA BLU WHATSAPP - Da quando WhatsApp ha aggiunto la funzione...

Truffe telefoniche: i numeri da NON richiamare
Truffe telefoniche: i numeri da NON richiamare
(Bari)
-

Non ci si può distrarre un attimo che un’altra truffa è in agguato. Questa ricorda tanto i virus che parecchi anni fa rubavano traffico quando si doveva ancora comporre un numero di telefono per usare Internet.
Non ci si può distrarre un attimo che un’altra truffa è in agguato. Questa...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati