William Shakespeare: la verità sulla sua storia

(Udine)ore 12:40:00 del 05/05/2016 - Categoria: Cultura, Denunce - William Shakespeare

William Shakespeare: la verità sulla sua storia

La questione shakespeariana esplose sul finire dell’ottocento, e tenne occupati diversi studiosi a livello mondiale per i primi due decenni del secolo scorso.

Anzi, detto in termini più brutali, Shakespeare era un vero e proprio ignorante: non possedeva un solo libro, e sapeva a malapena scribacchiare la propria firma. Non esiste un solo documento storico che lo descriva come uno “scrittore”, mentre esistono Shakespearedocumenti da cui risulta che egli fosse un uomo d’affari, dedito alla compravendita di terreni e all’usura (difficile pensare che un usuraio possa avere lo stesso animo nobile di chi ha scritto “Romeo e Giulietta”). I testi shakespeariani inoltre rivelano una approfondita conoscenza della vita di corte, della nobiltà e dell’aristocrazia – tutte cose fuori dalla portata di un “commoner” come Shakespeare – mentre utilizzano spesso dei termini altezzosi e derisori proprio nel descrivere la classe sociale a cui Shakespeare apparteneva. Ma è dalla lettura stessa delle sue opere che si rivela la probabile falsità del suo presunto autore: il vocabolario dei testi shakespeariani utilizza oltre 20.000 parole, mentre nel linguaggio parlato dai commoners in quell’epoca il vocabolario era limitato ad un decimo circa di quella cifra.

E’ come se di colpo il famoso “pastore lucano” si mettesse a dissertare di “fenomenologia della coscienza fra logica e trascendenza”. Lo stesso testamento autografo di Shakespeare rivela la piccolezza del mondo in cui viveva quest’uomo: si preoccupa di chiarire in modo dettagliato a chi vadano in eredità i suoi terreni, le sue proprietà e le sue cose private, ma si dimentica completamente di menzionare i suoi libri, i suoi scritti, ed almeno una ventina di opere mai pubblicate. Dubitare quindi della vera identità di questo autore è più che legittimo. Ma a questo punto si pone la domanda: chi mai si sarà nascosto dietro al su nome, e perchè mai avrà scelto di restare anonimo? Ed è qui che inizia il vero divertimento.

Questa persona è William Shakespeare. Secondo molti storici, non fu affatto William Shakespeare a scrivere le monumentali opere che gli vengono attribuite, ma fu qualcun altro che utilizzò il suo nome, perché non voleva apparire pubblicamente come il reale autore di quelle opere. La questione shakespeariana esplose sul finire dell’ottocento, e tenne occupati diversi studiosi a livello mondiale per i primi due decenni del secolo scorso. Le motivazioni che portano a dubitare che sia stato Shakespeare a scrivere le opere che portano il suo nome sono diverse, ma si basano tutte su un assunto fondamentale: essendo nato, cresciuto e vissuto nel piccolo paesino di Stratford-upon-Avon – una cittadina dedita al commercio e alla pastorizia, ad un centinaio di chilometri da Londra – Shakespeare non poteva possedere la cultura letteraria e la conoscenza necessarie per scrivere le opere immortali che portano il suo nome.

Nel corso della storia, moltissime persone sono morte senza che i loro meriti gli venissero riconosciuti dalle generazioni che le hanno seguite. Ma c’è anche una persona che rischia di aver fatto l’esatto contrario: ovvero, di avere ricevuto grandiosi onori nel corso della storia, senza esserseli minimamente meritati.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi

(Udine)
-


ENRICO BRIGNANO "ECCO COSA FARE SE TROVI UN LADRO IN CASA" Il comico romano in...

Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO
Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO
(Udine)
-

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.
Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al...

I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?
I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?
(Udine)
-

IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34 ANNI VIVE A CASA CON I GENITORI, UNA PERCENTUALE DI QUASI 20 PUNTI SUPERIORE ALLA MEDIA DI TUTTI I 28 PAESI UE (48,4%), LA PIÙ ALTA DELL'UNIONE DOPO LA CROAZIA
IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere
(Udine)
-

«Assenza di concreti e attuali indicatori di rischio», sentenziò il Viminale.
FANNO PROPRIO PENA. FORSE NECESSITA UNA PICCOLA BENEFICENZA DA PARTE DEL POPOLO...

Cornice, cosa conoscere
Cornice, cosa conoscere
(Udine)
-

Possiamo scegliere una combinazione armonica, abbinando un soggetto classico ad una cornice tradizionale e un soggetto moderno ad un supporto di design contemporaneo; è possibile giocare anche sul contrasto: proviamo a inserire un'opera d'arte attuale in
Cornice Milano - Le cornici sono gli elementi che definiscono e completano...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati