WhatsApp, a rischio la nostra privacy

(Napoli)ore 18:07:00 del 13/11/2016 - Categoria: Denunce, Tecnologia

WhatsApp, a rischio la nostra privacy

La vulnerabilità di molti sistemi di segreteria telefonica è nota, e purtroppo non tutti i gestori telefonici hanno reso i propri sistemi invulnerabili a tutto ciò, visto che l’accesso ai messaggi registrati da altri telefoni è reso disponibile anche alle

 

A portare alla luce tutto questo è stata una società di informatica milanese, che si occupa appunto di gestione e sicurezza offensiva e difensiva informatica.

In pratica basta avere il numero telefonico della vittima che vogliamo seguire ed è fatta. La vulnerabilità di molti sistemi di segreteria telefonica è nota, e purtroppo non tutti i gestori telefonici hanno reso i propri sistemi invulnerabili a tutto ciò, visto che l’accesso ai messaggi registrati da altri telefoni è reso disponibile anche alle altre utenze telefoniche con un Pin di sicurezza che spesso è lasciato a valori preimpostati, e addirittura tutti uguali.

Camuffando il numero di telefono, chiamate con quello della vittima (cosa facilmente realizzabile anche con Skype), ecco li che alcune segreterie (tipo Wind oppure 3 Italia) aprono le proprie porte senza neppure chiedere il Pin.

Questo sistema è anche collegato alla procedura applicata dai principali sistemi di instant messaging, come ad esempio Whatsapp o Telegram, per autenticare i propri utenti su Web: questa verifica dell’utenza stessa può essere fatta anche con un codice comunicato telefonicamente da una voce sintetizzata.

Una volta che il telefono di chi vogliamo spiare è spento, la chiamata finisce in segreteria, portando con sé anche il codice di sicurezza. A questo punto il gioco sferrare l’attacco è cosa fatta: non resta che accedere alla segreteria e “mettersi in ascolto” su Internet.

http://www.lospillo.net/

 

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Mafia Capitale, per Buzzi e Carminati NON C'E' Associazione Mafiosa
Mafia Capitale, per Buzzi e Carminati NON C'E' Associazione Mafiosa
(Napoli)
-

Se invece che in romanesco avessero parlato in corleonese sarebbero mafiosi, le minacce non sono diventate atti (allora non sarebbero tali), i politici sono solo intrallazzatori, Carminati in quanto fascista non può essere mafioso(?).
Se invece che in romanesco avessero parlato in corleonese sarebbero mafiosi, le...

Povia denuncia tutti su Rai1: NON MI INVITERANNO PIU', VERO? VIDEO
Povia denuncia tutti su Rai1: NON MI INVITERANNO PIU', VERO? VIDEO
(Napoli)
-

Si può essere d’accordo o meno con le opinioni di Povia ma di certo bisogna riconoscergli un grande coraggio.
Si può essere d’accordo o meno con le opinioni di Povia ma di certo bisogna...

La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
(Napoli)
-

L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila tonnellate), preceduto solo da Spagna e Francia, mentre siamo il secondo consumatore di fungicidi (oltre 65mila tonnellate utilizzate in un anno).
L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila...

Medjugorje? Un falso che frutta MILIONI
Medjugorje? Un falso che frutta MILIONI
(Napoli)
-

Bravi i pastorelli ad inventarsi un futuro nel mondo dello spettacolo.D'altronde non rubano niente,regalando un momento di felicità ai milioni di gonzi che vogliono partecipare alla festa,hanno creato un businnes per migliaia di operatori turistici.
Bravi i pastorelli ad inventarsi un futuro nel mondo dello spettacolo.D'altronde...

Google Car: ecco la prova ambulanza!
Google Car: ecco la prova ambulanza!
(Napoli)
-

La Google car, l’auto senza conducente, continua a crescere e ad acquisire nuove capacità. In un recente post pubblicato su Medium i responsabili del progetto, che dal 2016 si chiama Waymo, spiegano come la loro creatura stia imparando a riconoscere le si
La Google car, l’auto senza conducente, continua a crescere e ad acquisire nuove...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati