Volete sapere le vere emergenze? In Italia 1,2 bambini vivono in condizioni di poverta'! assoluta!

(Roma)ore 16:13:00 del 17/11/2018 - Categoria: , Denunce, Economia

Volete sapere le vere emergenze? In Italia 1,2 bambini vivono in condizioni di poverta'! assoluta!

L’organizzazione non governativa denuncia come in Italia 1,2 milioni di minori vivano in condizioni di povertà assoluta e come vi sia un enorme divario educativo tra quartieri poveri e ricchi delle città.

1,2 milioni di bambini e adolescenti vivono in Italia in condizioni di povertà assoluta: a rivelarlo è l'ultimo dossier di Save The Children, spiegando che a influenzare sul futuro dei più giovano non sono però solo le condizioni economiche delle famiglie ma anche i contesti in cui i ragazzi vivono.

Secondo l'Ong, "la segregazione educativa allarga sempre di più la forbice delle disuguaglianze, soprattutto nelle grandi città. Pochi chilometri di distanza, tra una zona e l'altra, possono significare riscatto sociale o impossibilità di uscire dal circolo vizioso della povertà", nota ancora l'organizzazione non governativa.

All'interno di una stessa città, l'acquisizione delle competenze scolastiche da parte dei minori segna un divario sconcertante. A Napoli, ad esempio, i ragazzi senza diploma di scuola secondaria sono il 2% al Vomero, ma ben il 20%a Scampia. Proporzione simile a Palermo, con il 2,3% a Malaspina e il 23% a Palazzo Reale. A Roma, nei quartieri benestanti a nord della città, i laureati (più del 42%) sono quattro volte quelli delle periferie esterne o prossime al Gra nelle aree orientali della città (meno del 10%). Ancora più netta la forbice a Milano, dove a Pagano e Magenta-San Vittore (51,2%) i laureati sono 7 volte quelli di Quarto Oggiaro (7,6%).

Anche dai test Invalsi emerge un importante divario educativo. A Napoli, per esempio, una distanza siderale di 25 punti Invalsi divide i bambini dei quartieri più svantaggiati da quelli che abitano a Posillipo, a Palermo sono 21 quelli tra Pallavicino e Libertà, a Roma 17 tra Casal de' Pazzi e Medaglie d'Oro e a Milano 15 punti dividono Quarto Oggiaro da Magenta-San Vittore. "È assurdo che due bambini che vivono a un solo isolato di distanza – commenta Valerio Neri, direttore generale di Save the Children – possano trovarsi a crescere in due universi paralleli. Rimettere i bambini al centro significa andare a vedere realmente dove e come vivono e investire sulla ricchezza dei territori e sulle loro diversità, combattere gli squilibri sociali e le diseguaglianze, valorizzare le tante realtà positive che ogni giorno si impegnano per creare opportunità educative che suppliscono alla mancanza di servizi". –

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Tutti gli sgravi della Manovra: dai bonus asili nido e cultura alle detrazioni casa
Tutti gli sgravi della Manovra: dai bonus asili nido e cultura alle detrazioni casa
(Roma)
-

La manovra del cambiamento non ha modificato granché le detrazioni e i bonus fiscali già esistenti.
La manovra del cambiamento non ha modificato granché le detrazioni e i bonus...

1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro
1 Italiano su 2 scontento e PESSIMISTA sul futuro
(Roma)
-

Italiani e risparmi: il 54% è pessimista sul futuro, fondo pensione la copertura più gettonata
Aumento delle tasse, costo della vita, pensioni basse, precarietà del lavoro....

Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104
Bollo Auto 2019: tutte le agevolazioni con la Legge 104
(Roma)
-

Bollo auto 2019, per agevolazioni fiscali auto: il verbale deve contenere le esatte informazioni e deve essere aggiornato, analizziamo quando e come.
Bollo auto 2019, le nuove disposizioni per l’esenzione con legge 104,...

Non dobbiamo mai comprare questi 10 cibi al supermercato!
Non dobbiamo mai comprare questi 10 cibi al supermercato!
(Roma)
-

Molti degli alimenti che consumiamo non arrivano dalla nostra terra, ma sono importati da altri paesi e sono anche i cibi più pericolosi e da evitare.
Ecco la lista dei 10 cibi più inquinati al mondo – Molti degli alimenti che...

Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
Terremoto Emilia, colpa delle trivelle?
(Roma)
-

Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni imprudenti, a caccia di “shale oil” nel sottosuolo?
Terremoto in Emilia: 27 morti, nel maggio 2012, per colpa di operazioni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati