Virginia Raggi, cosa sapere

(Roma)ore 11:09:00 del 29/12/2016 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Politica

Virginia Raggi, cosa sapere

In pratica noi dall’ anno prossimo dovremmo iniziare ad indebitarci con le banche per mantenere la città metropolitana, figuriamoci poter erogare servizi (manutenzione di scuole, strade provinciali ecc).”

Questo video non è stato trasmesso in nessun tg. La sindaca Raggi già a novembre aveva annunciato un bilancio in rosso. Tra le cause sembra esserci la  FINTA abolizione delle province di Renzi, che sono state etichettate come “città metropolitane”.

Un video che risale a novembre che non è stato mai trasmesso da nessun tg, forse per non smascherare un altro pasticcio dell’ allora in carica Governo Renzi.
Nel novembre scorso infatti, nel corso della presentazione del Primo rapporto statistico sull’area metropolitana romana la sindaca di Roma Virginia Raggi ha preso la parola in conferenza stampa, nella quale aveva annunciato una previsione di bilancio in rosso per il 2017 riguardante la città metropolitana di Roma (provincia).

Ecco di seguito le parole della sindaca:


“Vi dico una cosa che sto scoprendo in questi giorni. Come sapete il sindaco di Roma è anche il sindaco della città metropolitana (Provincia di Roma). Quest’anno abbiamo chiuso il bilancio benino, ma dall’ anno prossimo cominceremo a chiudere i bilanci in rosso. Le principali entrate della città metropolitana sono costituite dalla tassazione sulle tasse di circolazione, proprietà automobilistica (bollo auto), e circa il 50, 60% devono essere retrocesse allo stato.
Motivo per il quale dall’ anno prossimo noi non avremo neanche i fondi per ripagare i costi della struttura, dove sono i risparmi della ittà metropolitana?

In pratica noi dall’ anno prossimo dovremmo iniziare ad indebitarci con le banche per mantenere la città metropolitana, figuriamoci poter erogare servizi (manutenzione di scuole, strade provinciali ecc).”

Poi conclude riferendosi al NO espresso riguardo le olimpiadi del 2024:

Vista l’attuale situazione “Indebitarci ulteriormente per le olimpiadi non avrebbe garantito quel livello minimo di servizi che un ente locale deve garantire, sarebbe stato veramente da irresponsabili dire di SI.”

Questi sono i danni causati dalla FINTA abolizione delle province del Governo Renzi, una riforma che sembra fatta apposta per far indebitare gli enti costringendoli a rivolgersi alle banche. 

Vi mostriamo di seguito l’intervento sopra citato del sindaco Raggi:

[video]

http://www.jedanews.it/blog/politica/dichiarazione-raggi-citta-metropolitana/

Autore: Luca

Notizie di oggi
George Soros, il business della droga CHE NON TI DICONO
George Soros, il business della droga CHE NON TI DICONO
(Roma)
-

George Soros è uno degli influencer comportamentali dei nostri tempi. Se i “valori” propugnati dai movimenti anarchici e libertari degli anni 60′ e 70′, infatti, trovano continuità nell’attuale espressione del sistema capitalistico, abitano an
George Soros è uno degli influencer comportamentali dei nostri tempi. Se i...


(Roma)
-


E ora Salvini dice che Sala deve restare al suo posto. Evidentemente, con il...


(Roma)
-


Non é stato sufficiente l'alibi dell'ostentato grido: onestà, onestà per...

Stato DOVE SEI? Terremoto, pensioni, iva, servizi: L'ITALIA SOFFRE
Stato DOVE SEI? Terremoto, pensioni, iva, servizi: L'ITALIA SOFFRE
(Roma)
-

La manovra di bilancio di Aprile scorso, avviata come decreto, diventa legge in seguito alla sua approvazione al Senato. In soli due mesi è riuscita a superare tutto l’iter parlamentare per diventare legge effettiva alla velocità della luce.
La manovra di bilancio di Aprile scorso, avviata come decreto, diventa legge in...

Italia a secco: allarme SICCITA'
Italia a secco: allarme SICCITA'
(Roma)
-

Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da conserva Made in Italy duramente colpito dalla siccità, ma a soffrire è l’intero bacino idrografico del Po, sotto del 65% rispetto alla media stagionale, dal quale dipende il 35
Tra la provincia di Parma e quella di Piacenza si coltiva 1/4 del pomodoro da...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati