Video shock! VERGOGNA IN PARLAMENTO

(Roma)ore 18:06:00 del 02/11/2016 - Categoria: Politica

Video shock! VERGOGNA IN PARLAMENTO

Lo ha affermato nel corso di una puntata ella trasmissione “Quinta colonna”. Queste le sue parole

L’importo del prestito è generalmente compreso tra un minimo del 15% e un massimo del 50% del valore dell’immobile dipendentemente dall’età del mutuatario (più alta l’età, maggiore l’importo del finanziamento) e dal valore dell’immobile.

Altro che bonus per i pensionati che vivono in miseria, ne tanto meno aumenti di pensione, la proposta fatta da Alessia Morani (vicecapogruppo del Pd alla Camera) per chi non arriva a fine mese, ha più di 60 anni di età ed è proprietario della sua casa o di un immobile è il “prestito vitalizio ipotecario”.
Lo ha affermato nel corso di una puntata ella trasmissione “Quinta colonna”. Queste le sue parole:

<>

Questa affermazione ha scatenato un putiferio in studio, seguito dalla affermazione di Giorgia Meloni: “non citare il prestito vitalizio ipotecario, è un modo per far rubare la casa all’ anziano dalla banca“.

E’ un po’ come stringere attorno al collo  dei familiari un cappio da cui potranno liberarsi solo svendendo la casa o regalandola alla banca,  ipotecarsi la casa che hanno comprato con una vita di lavoro magari con il progetto di lasciarla ai figli, i quali per averla dovranno risarcire la banca.
E’ l’ennesima soluzione da parte di un partito che mostra sempre di più il suo appoggio alle banche a discapito dei cittadini.

Il prestito vitalizio è un finanziamento a lungo termine assistito da ipoteca di primo grado sull’immobile di residenza. Il finanziamento è ideato in modo tale da non prevedere rimborsi di alcun tipo, nemmeno per gli interessi, fino alla morte del contraente, (ovvero, se cointestato a una coppia di ultra sessantenni, con la scomparsa del coniuge più longevo). Spese e interessi vengono capitalizzati e sono dovuti solo a scadenza. Il rimborso, a meno di rimborso volontario anticipato da parte del sottoscrittore, è a carico degli eredi. Il prestito non prevede quindi il pagamento di alcuna rata per tutta la sua durata ma capitale e interessi sono capitalizzati fino a scadenza e maturano interessi.

l prestito vitalizio deve essere rimborsato in un’unica soluzione dagli eredi e/o aventi causa, normalmente entro i 10-12 mesi successivi alla scomparsa del più longevo dei contraenti. Gli eredi hanno due possibilità: se vogliono conservare l’abitazione, possono rimborsare con la liquidità a loro disposizione, oppure l’abitazione potrà essere venduta e quanto dovuto a fronte del finanziamento rimborsato con il ricavato della vendita.

Andiamo nei dettagli sul prestito vitalizio ipotecario.

Hai 89 anni, prendi la miseria di 650 euro di pensione, non riesci ad arrivare a fine mese e sei costretta a scegliere tra curarti e pagare le tasse? Ecco la geniale soluzione del Pd illustrata ieri sera a "Quinta Colonna" da Alessia Morani: regalare la tua casa alla banca attraverso la vergogna del prestito vitalizio ipotecario, un furto legalizzato ai danni degli anziani. Non ci credete? Guardate questo video e fatelo girare! Prendi una miseria di pensione e sei proprietario della tua casa o di un immobile?La soluzione per il PD è  il “prestito vitalizio ipotecario”.Il VIDEO SHOCK

Qualora non ci fossero eredi, o questi non procedessero al rimborso, il finanziamento viene estinto con la vendita dell’immobile, ma sempre allo scadere dei 12 mesi dalla data di scadenza del finanziamento.>>.

Se ciò non avviene, o non vi sono eredi la banca si prende la casa e può venderla  al valore di mercato, valore che si decurta del 15% all’anno.

Come si può apprendere da wikipedia:
<< il prestito vitalizio ipotecario è una particolare tipologia di finanziamento senza rate, destinato a persone fisiche con più di 60 anni di età con un titolo di proprietà su un immobile residenziale.

Vi mostriamo di seguito il video dell’ intervento della Morani a “Quinta Colonna”. Buona visione

In sintesi, il prestito vitalizio ipotecario prevede che chi ha più di 60 anni può ipotecare la sua casa per avere subito dei soldi liquidi, ricevendo un prestito compreso tra il 15% e il 50% del valore della casa. Il pensionato non deve risarcire la banca e rimane il proprietario del suo immobile fino alla sua morte. Al momento della morte gli eredi devono  restituire alla banca il totale dei soldi prestati più interessi in un’unica soluzione normalmente entro un anno dalla scomparsa.

Autore: Luca

Notizie di oggi
La Russa usava la carta di AN per GIOIELLI E ABBONAMENTI SKY - VERGOGNA
La Russa usava la carta di AN per GIOIELLI E ABBONAMENTI SKY - VERGOGNA
(Roma)
-

L’accusa è di essersi appropriato e di avere utilizzato 38mila euro in sette anni, prelevandoli direttamente dalle casse di Alleanza Nazionale. Il parlamentare di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa rischia il processo per peculato
L’accusa è di essersi appropriato e di avere utilizzato 38mila euro in sette...


(Roma)
-


L'unico insetto resistente ad ogni insetticida è il "phtirus pubis" detto...

Prodi, l'uomo che ha introdotto l'Euro: 'IL M5S? NON PRONTO PER GOVERNARE'
Prodi, l'uomo che ha introdotto l'Euro: 'IL M5S? NON PRONTO PER GOVERNARE'
(Roma)
-

Prodi e`il guru di sinistra che un giorno ebbe a dire < con l'euro lavorerete un giorno di meno guadagnando di piu`>
Prodi e`il guru di sinistra che un giorno ebbe a dire < con l'euro lavorerete...

ESODO - Italiani scappano, governanti restano
ESODO - Italiani scappano, governanti restano
(Roma)
-

Prosegue senza sosta la fuga degli italiani all'estero stremati dalla pressione fiscale del nostro Paese provano a far respirare le tasche altrove.
Prosegue senza sosta la fuga degli italiani all'estero stremati dalla pressione...

REINTRODURRE LA LEVA OBBLIGATORIA per insegnare i veri valori ai nostri giovani
REINTRODURRE LA LEVA OBBLIGATORIA per insegnare i veri valori ai nostri giovani
(Roma)
-

LA LEVA OBBLIGATORIA È STATA ABOLITA DAL 2005, E DA ALLORA SI NOTA VISIVAMENTE UNA GRAN DIFFERENZA CARATTERIALE E NON SOLO TRA CHI L’HA FATTA E CHI NO.
LA LEVA OBBLIGATORIA È STATA ABOLITA DAL 2005, E DA ALLORA SI NOTA VISIVAMENTE...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati