Vergogna Renzi: pensioni rubate ancora!

MILANO ore 14:08:00 del 14/04/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Economia, Nuove Leggi, Politica - Pensioni

Vergogna Renzi: pensioni rubate ancora!

Così nel Programma nazionale delle riforme (che accompagna il Documento di economia e finanza), a pagina 8 fa capolino la fregatura previdenziale. O meglio la proroga della fregatura già rifilata dal governo Letta, e prima ancora da Monti e addirittura da

Altro che 80 euro: Vergogna Renzi, fa cassa coi pensionati. Ecco la mazzata in arrivo

Il governo non dimentica i pensionati. Non dimentica – di certo – di tosarli. Di sicuro con una spesa previdenziale/assistenziale di oltre 272 miliardi l’ anno il governo ha gioco facile a cambiare (ridurre) qualche decimale per racimolare milioni. E così nel Programma nazionale delle riforme (che accompagna il Documento di economia e finanza), a pagina 8 fa capolino la fregatura previdenziale. O meglio la proroga della fregatura già rifilata dal governo Letta, e prima ancora da Monti e addirittura da Tremonti.  Scrive il Tesoro: «È prevista in via temporanea (temporanea dal 2008 circa, ndr), una proroga delle disposizioni decise per il triennio 2014-2016 in materia di revisione del meccanismo di indicizzazione dei trattamenti pensionistici superiori a tre volte il minimo (circa 1.510 euro, ndr), con un risparmio di spesa – al netto degli effetti fiscali – che ammonta a circa 355 milioni nel 2017 e circa 750 milioni nel 2018».

Ma c’ è dell’ altro: per far vedere che il governo taglia le spese, il Pnr indica agli enti nazionali di previdenza e assistenza (come l’ Inps, ma non solo), di ridurre «le spese correnti (…) per almeno 53 milioni nel triennio 2016-2018». Il che potrebbe anche andare bene se non fosse che l’ Inps da anni avverte che continuando a ridurre il budget si rischia di andare ad intaccare i servizi ai cittadini. Che già impazziscono abbondantemente per districarsi nel rapporto con l’ ente previdenziale.

Mentre si taglia con una mano, con l’ altra si fa finta (a chiacchiere) di promettere qualcosa. Appare sempre più complicato – come dimostra il fantomatico piano per elargire gli ormai famosi 80 euro anche al popolo dei pensionati al minimo (2,2 milioni sotto i 510 euro, 3,5 sotto i 580 euro al mese) – dare seguito alle promesse. Renzi – nell’ angolo mediatico per i contraccolpi del lo scandalo petroliferio in Lucania – si è fatto prendere la mano, salvo poi accorgersi che per mantenere la promessa fatta via Facebook servivano 3 miliardi l’ anno. Tanti, moltissimi, sicuramente troppi considerando lo stato ordinario delle finanze pubbliche e, soprattutto, che il Pil il prossimo anno crescerà solo dell’ 1,2% (il governo aveva assicurato che sarebbe volato oltre l’ 1,6%). Giuliano Poletti ieri è tornato a ventilare gli 80 euro, salvo poi precisare che se «sarà possibile con la sostenibilità dei conti». Ma il Def stesso dimostra che i conti non saranno proprio brillanti.

Tradotto in soldoni non adeguando (per l’ ennesima volta), le pensioni superiori ai 1.500 euro al mese al costo della vita (inflazione che non c’ è), il governo risparmierà nei prossimi 24 mesi oltre 1 miliardo. E poco importa se chi incassapoco più di 1.500 euro al mese proprio un nababbo non è. E poco importa che sul pasticcio già piovono ricorsi e il governo è già dovuto intervenire nei mesi scorsi con un decreto contentino. Però quel miliardo di risparmio comunque deve far comodo e quindi si ripropone questa limatura dei trattamenti pensionistici.

Autore: Luca

Notizie di oggi
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO
I giornali di partito? Ci sono costati 238 milioni, E SONO FALLITI LO STESSO

-

I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo stesso)
I giornali di partito ci sono costati 238 milioni di euro (e sono falliti lo...

FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta
FUORI GLI ITALIANI: a Tenerife scoppia la rivolta

-

Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a Tenerife e alle Canarie: connazionali che non sempre si comportano nel migliore dei modi e vivono onestamente. E l’aumento di episodi di truffe o microcriminalità commessi da i
Negli ultimi anni è aumentato enormemente il numero degli italiani residenti a...

250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016
250mila italiani sono scappati da questo Paesi nel 2016

-

In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si emigra come negli anni del dopoguerra: nel 2016 sono 250mila gli italiani scappati all’estero. La cifra ha superato i flussi degli immigrati in Italia.
In Italia a partire dalla crisi del 2008 e specialmente nell’ultimo triennio, si...

SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento
SMARTPHONE KILLER: incidenti mortali in aumento

-

La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale in Italia, superando l’eccesso di velocità, e la guida in stato di ebbrezza. Siamo di fronte a una vera e propria emergenza.
La “distrazione da smartphone” è diventata la prima causa di incidente stradale...

Valle D'Aosta: la silenziosa regione dalla CORRUZIONE, TRUFFE ED ILLEGALITA' D'ORO!
Valle D'Aosta: la silenziosa regione dalla CORRUZIONE, TRUFFE ED ILLEGALITA' D'ORO!

-

Inchieste penali e della Corte dei Conti, bilanci truccati, liquidazioni milionarie e migliaia di euro che spuntano dai cassetti. Benvenuti nei palazzi della politica della Valle d’Aosta.
Inchieste penali e della Corte dei Conti, bilanci truccati, liquidazioni...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati