Varese notizie: italiani in strada, immigrati in hotel!

VARESE ore 07:38:00 del 07/09/2015 - Categoria: Cronaca, Denunce - Immigrati

Varese notizie: italiani in strada, immigrati in hotel!

Varese notizie: italiani in strada, immigrati in hotel!Manichini neri senza testa contro l’arrivo dei profughi

Manichini neri senza testa contro l’arrivo dei profughiIn provincia di Varese i cittadini rifiutano l’arrivo degli Immigrati e mettono in scena un macabro spettacolo

Tradate, nel varesotto, i cittadini non ci stanno all’arrivo di 64 profughi previsto nei prossimi giorni, e si oppongono riproducendo manichini neri senza testa piazzati in mezzo alla strada con una scritta che recita: “Gli italiani in strada, gli immigrati in Hotel”.

Un’immagine inquietante che esprime un rifiuto netto, una scena ricostruita proprio alla rotonda di via Barbara Melzi, la strada che porta all’ingresso dell’istituto religioso che ospiterà i 64 richiedenti asilo provenienti dall’Africa.

Un campo di accoglienza che sarà gestito dalla Croce Rossa provinciale su mandato del Prefetto di Varese, in accordo con l’amministrazione comunale, le suore canossiane proprietarie della struttura e con il supporto di decine di volontari e associazioni. Un arrivo non gradito. Domenica mattina e’ previsto un presidio autorizzato di Forza Nuova, mentre nel pomeriggio e’ prevista una protesta da parte della lega Nord cittadina.

Ma il macabro allestimento dei due manichini neri senza testa e’ davvero sotto gli occhi di tutti i passanti, bambini e adulti. Per questo, Il primo cittadino di Tredate, Laura Cavalotti, condanna immediatamente l’accaduto: “Innanzitutto si deve condannare il metodo utilizzato da questi sconosciuti: occorre un confronto democratico tra persone che dialogano tra loro, anche con idee opposte, non serve a nulla un anonimato che punta solo a scioccare, per altro dicendo falsità. Questa amministrazione sta facendo tutto per gli italiani in difficoltà, tramite i servizi sociali che ascoltano tutti e con i quali sono stati avviati molti progetti. La situazione dei cittadini non c’entra nulla con l’integrazione dei profughi che arriveranno a Tradate». Un allestimento che, seppur macabro, evidenzia nei cittadini uno stato di insofferenza, disperazione ed esasperazione. Chissà se il Prefetto, dopo le proteste in corso, cambierà idea deviano i profughi verso altre destinazioni.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi


-


ENRICO BRIGNANO "ECCO COSA FARE SE TROVI UN LADRO IN CASA" Il comico romano in...

FATE GIRARE: Ti e' arrivato questo avviso? FAI ATTENZIONE!
FATE GIRARE: Ti e' arrivato questo avviso? FAI ATTENZIONE!

-

NOTIZIA DI POCO FA!! QUESTO AVVISO STA ARRIVANDO A TUTTI! FATE ATTENZIONE.. DOVRETE PAGARE MOLTO!!! ECCO PERCHÈ.. ASSURDO!
NOTIZIA DI POCO FA!! QUESTO AVVISO STA ARRIVANDO A TUTTI! FATE ATTENZIONE.....

Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO
Di cellulare si muore: STUDI SCIENTIFICI LO DIMOSTRANO

-

Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al cervello triplica negli adulti e quintuplica nei giovani. Le aziende commissionano falsi studi per nascondere gli effetti nefasti sull’uso del telefono, ma difendersi si può.
Dopo 10 anni di utilizzo del cellulare la possibilità di ammalarsi di tumore al...

I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?
I Bamboccioni italiani? Indipendenti a 40 anni! Colpa dello Stato o dei Genitori?

-

IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34 ANNI VIVE A CASA CON I GENITORI, UNA PERCENTUALE DI QUASI 20 PUNTI SUPERIORE ALLA MEDIA DI TUTTI I 28 PAESI UE (48,4%), LA PIÙ ALTA DELL'UNIONE DOPO LA CROAZIA
IN ITALIA QUASI IL 66% DEI «GIOVANI ADULTI», OVVERO LE PERSONE TRA I 18 E I 34...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere

-

«Assenza di concreti e attuali indicatori di rischio», sentenziò il Viminale.
FANNO PROPRIO PENA. FORSE NECESSITA UNA PICCOLA BENEFICENZA DA PARTE DEL POPOLO...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati