Valle d'Aosta, un'agricoltura al femminile

AOSTA ore 23:21:00 del 18/10/2014 - Categoria: Cronaca, Curiosità, Lavoro

Valle d'Aosta, un'agricoltura al femminile

Il 50% delle aziende ha al proprio interno quote rosa impegnato o sul lavoro o nella gestione manageriale

Se pensavate che l'agricoltura fosse un mestiere tipicamente maschile, preparatevi a ricredervi. In Valle d'Aosta, dove tutto funziona per gran parte in Maniera diversa rispetto al resto dell'Italia, c'è un esercito di donne che lavora nei campi, gestisce aziende e porta avanti decine e decine di imprese col proprio lavoro fisico e organizzativo. Insomma, non si potrà più dire d'ora in avanti la classica frase "braccia rubate all'agricoltura" riferendosi esclusivamente al sesso forte. Tutt'altro, soprattutto nella Regione a Statuto speciale, dove l'agricoltura continua ad essere una delle risorse essenziali per guadagnare il pane alla fine del mese. Certo, una caratteristica che non è mai venuta meno.

Le donne hanno sempre lavorato nei campi, diventando nel tempo ottime braccianti che aiutavano i mariti, svolgendo senza nessun problema anche i lavori più pesanti. Ma al giorno d'oggi, con la società che si modifica in ogni minuto, scoprire che quel passato non è andato perso in un certo senso fa stare ancora meglio. Oggi infatti ci sono donne che ricoprono il ruolo di leader di aziende agricole. Con quale percentuale? Le sorprese stanno tutte qui.

I dati spiegano come il lavoro agricolo è, per il 50%, gestito da imprese al femminile. C'è quantità, ma c'è anche qualità. Nessuna si improvvisa contadina, bracciante, manager. Le competenze specifiche non mancano. E, con una facile ironia, molte hanno fatto esperienza... sul campo. Infatti i dati relativi all’impegno femminile nelle imprese agricole più importanti e più strutturate è molto elevato, molto più che altrove; le ditte che assumono personale sono condotte, per quasi il 30% da donne (93 su 346). Inoltre, il 50% delle aziende a guida rosa sono accreditate alla vendita diretta dal circuito Campagna Amica. Insomma, il settore non si ferma. E siccome la crisi ha picchiato forte anche sull'agricoltura eliminando dal mercato tutte le aziende di minor levatura, le donne hanno dimostrato di saper resistere, di mantenere la loro fascia di mercato senza doverla cedere ad altri. Un risultato straordinario visti i tempi cupi. Cosa potrà succede da questo momento in poi? Difficile prevederlo.

Certo è che, in Valle d'Aosta, le donne svolgono un ruolo essenziale in agricoltura, settore in cui negli ultimi anni hanno contribuito in maniera determinante alla diversificazione delle imprese e al loro adattamento al mercato, nel concreto attraverso la multifunzionalità del settore agricolo. Un riconoscimento che arriva dalle istituzioni così come dalle associazioni di categoria. Nella speranza che tutto proceda per il meglio e a passo spedito. In nessuna parte d’Italia si raggiungono questi numeri così importanti, un po’ per ragioni culturali e un po’ per problematiche nella costruzione del settore primario. Che, forse anche a seguito di previsioni errate, è stato accantonato troppo spesso rispetto al dovuto.

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

 

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Anche tu passi le giornate cosi'?
Anche tu passi le giornate cosi'?

-

Molti credono di essere liberi ma non lo sono affatto, sono semplicemente “schiavi moderni”.
Molti credono di essere liberi ma non lo sono affatto, sono semplicemente...

Mandorle, lo snack perfetto per chi soffre di diabete e cattivo colesterolo
Mandorle, lo snack perfetto per chi soffre di diabete e cattivo colesterolo

-

Fonte di vitamine e sali minerali, di proteine vegetali, di fibre e di calcio: le mandorle, come un po’ tutta la frutta secca, sono un alimento utilissimo al nostro organismo.
Fonte di vitamine e sali minerali, di proteine vegetali, di fibre e di calcio:...

La sinistra DEMOCRATICA? Bruciati manichini di SALVINI E DI MAIO - VIDEO
La sinistra DEMOCRATICA? Bruciati manichini di SALVINI E DI MAIO - VIDEO

-

Studenti in piazza bruciano i manichini di Salvini e Di Maio
Torna l’autunno e tornano le mobilitazioni studentesche (di...

Prof Giacinto Auriti: ecco perche' il reddito di cittadinanza e' un diritto di TUTTI. VIDEO
Prof Giacinto Auriti: ecco perche' il reddito di cittadinanza e' un diritto di TUTTI. VIDEO

-

Prof Giacinto Auriti: Una mamma non poteva mantenere un altro figlio. Aveva già due figli, il terzo figlio non lo poteva mantenere e ha voluto l’aborto.
Prof Giacinto Auriti: Una mamma non poteva mantenere un altro figlio. Aveva già...

Sei di Destra? Ecco perche' e' GIUSTO ricordare CHE GUEVARA
Sei di Destra? Ecco perche' e' GIUSTO ricordare CHE GUEVARA

-

In occasione dei cinquantuno anni dalla morte di Ernesto “Che” Guevara, ha destato scalpore un post della sezione romana di Gioventù Nazionale (FdI) dove si ricorda e celebra il Comandante della rivoluzione cubana.
In occasione dei cinquantuno anni dalla morte di Ernesto “Che” Guevara, ha...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati