Vaccino: una nuova legge

(Bari)ore 21:03:00 del 25/05/2017 - Categoria: , Nuove Leggi, Salute

Vaccino: una nuova legge

Dai 6 ai 16 anni, incece, l'iscrizione non sarà vietata, ma scattano tutta una serie di misure per cui: bisogna presentare a scuola il certificato delle vaccinazioni avvenute o attestare di essere in lista di attesa per alcune vaccinazioni.

I vaccini saranno quindi obbligatori nelle scuole per i bambini tra i 0 e i 6 anni e le famiglie che non rispetteranno questo obbligo incorreranno a sanzioni "dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle già esistenti". Inoltre i bambini non vaccinati non potranno iscriversi a scuola.

Dai 6 ai 16 anni, incece, l'iscrizione non sarà vietata, ma scattano tutta una serie di misure per cui: bisogna presentare a scuola il certificato delle vaccinazioni avvenute o attestare di essere in lista di attesa per alcune vaccinazioni. In caso poi di mancata vaccinazione il preside o il direttore scolastico deve effettuare immediatamente la segnalazione alla Asl, la Asl deve chiamare la famiglia, dando un tot di giorni per vaccinarsi. Nel caso in cui i genitori si rifiutassero di vaccinare i figli, si applicano una serie di sanzioni molto pesanti.

"È una scelta importate che qualifica il governo nel campo della protezione della salute", ha detto Paolo Gentiloni annunciando il via libera al decreto, "Operiamo con decreto perché ci sono state alcune decisioni delle Regioni e su questo punto il governo sente l'esigenza e il dovere di dare un indirizzo. È un dato di fatto la mancanza di misure appropriate e il diffondersi di comportamenti e teorie antiscientifiche ha provocato un abbassamento dei livelli di protezione. Non si tratta di uno stato di emergenza, ma si tratta di preoccupazione".

"È ovvio che vietando l'accesso alle scuole dell'infanzia intendiamo dare un messaggio molto forte alla popolazione e a queste coorti infantili", ha spiegato poi il ministro Beatrice Lorenzin, "Pensiamo che verrà coperta una larga parte della popolazione italiana". E sulle polemiche col ministro Valeria Fedeli che crede non si possa vietare l'istruzione dopo i 6 anni, la Lorenzin spiega. "Rispetto alla scuola dell'obbligo ci siamo molto confrontati, ma l'obiettivo del governo e in particolare del ministero della Salute è aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita dei ragazzi".

Autore: Luca

Notizie di oggi

(Bari)
-


Dieta equilibrata? L'industria alimentare, negli ultimi decenni, ha investito...

Dieta Plank per perdere 10kg in fretta
Dieta Plank per perdere 10kg in fretta
(Bari)
-

La dieta Plank (o Planck) è una strategia di dimagrimento repentino ed iperproteico che prende il nome da Marx Planck.
La dieta Plank (o Planck) è una strategia di dimagrimento repentino ed...

Dieta della pasta per perdere 4kg in 7 giorni
Dieta della pasta per perdere 4kg in 7 giorni
(Bari)
-

Dieta. Sembra uno scherzo, eppure si può perdere peso e restare in forma mangiando la pasta. Spesso si dice che per perdere peso bisogna eliminare, ma essi rappresentano il 40 % del nostro fabbisogno energetico giornaliero.
Dieta. Sembra uno scherzo, eppure si può perdere peso e restare in forma...

Ammollo di Legumi e Cereali: tutti i segreti e a cosa serve
Ammollo di Legumi e Cereali: tutti i segreti e a cosa serve
(Bari)
-

Errate tecniche di preparazione e cottura dei cereali integrali e legumi sono alla base di molte affermazioni del tipo “A me i cereali integrali non piacciono” o “Io non li digerisco” o “Sono troppo duri da masticare”.
Errate tecniche di preparazione e cottura dei cereali integrali e legumi sono...

Diete lampo per perdere tanti Kg in poco tempo
Diete lampo per perdere tanti Kg in poco tempo
(Bari)
-

A parte rarissime eccezioni, a nessuno piace stare a dieta: per questo motivo, ogni volta che c’è necessità di perdere peso e si incappa in regimi alimentari che promettono grandi risultati in pochissimo tempo, la speranza si accende.
A parte rarissime eccezioni, a nessuno piace stare a dieta: per questo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati