Urlare ai bambini gli danneggia il cervello

(Roma)ore 15:04:00 del 13/10/2017 - Categoria: , Denunce, Salute

Urlare ai bambini gli danneggia il cervello

Alzare la voce non ti darà più ragione. Inoltre, utilizzare questo come risorsa educativa può essere del tutto controproducente. Infatti, quando gridiamo ai bambini stiamo solo riconoscendo che sia loro che noi abbiamo perso il controllo.

Alzare la voce non ti darà più ragione. Inoltre, utilizzare questo come risorsa educativa può essere del tutto controproducente. Infatti, quando gridiamo ai bambini stiamo solo riconoscendo che sia loro che noi abbiamo perso il controllo. Urlare è un segnale che la situazione ci è sfuggita di mano e non sappiamo come affrontarla.

Negli Stati Uniti si usa dire che urlare ai bambini è come usare il clacson mentre si guida l’auto, e di solito genera gli stessi risultati. Inoltre, normalmente non gridiamo dopo un’attenta e profonda riflessione perché riteniamo che sia la tattica più efficace, urliamo perché non sappiamo cos’altro fare.

Le situazioni che ci portano ad alzare la voce sono molteplici, ma si è visto che l’isolamento materno e l’esaurimento nervoso sono le cause principali. In effetti, molti genitori riconoscono che dietro alle loro urla si nascondono stress e fatica.

In pratica, quello che ci porta a gridare non è tanto il comportamento del bambino, ma piuttosto la nostra incapacità di affrontare la situazione, probabilmente perché le nostre risorse cognitive ed emotive sono esaurite.

Le urla influenzano lo sviluppo psicologico e cerebrale dei bambini

Uno studio condotto presso l’Università di Pittsburgh ha scoperto che gridare regolarmente ai bambini, come forma di disciplina, nasconde molti rischi per il loro sviluppo psicologico, compreso quello che sviluppino un comportamento aggressivo o, al contrario, iper-timido.

Questi psicologi analizzarono 976 famiglie ed i loro bambini per due anni, e scoprirono che gridare quotidianamente, come parte dello stile educativo, poteva predire l’insorgenza di problemi comportamentali negli adolescenti di 13 anni o sintomi depressivi in quelli di 14.

Inoltre, scoprirono che invece di minimizzare i problemi, le grida tendono ad aggravare la disobbedienza. Venne constatato inoltre che il “calore” dei genitori; cioè, il loro amore e il grado di sostegno emotivo non riducevano l’impatto psicologico delle urla. Ciò significa che il segno lasciato dalle urla non si cancella con un abbraccio o un gesto d’amore.

Un’altra ricerca condotta da un gruppo di psichiatri della Harvard Medical School ha fatto un ulteriore passo avanti: i risultati avvertono che l’abuso verbale, come le urla e l’umiliazione, può alterare in modo significativo e permanente la struttura del cervello infantile.

Questi ricercatori analizzarono il cervello di 51 bambini che ricevettero un trattamento psichiatrico e lo confrontarono con quello di 97 bambini sani. Così scoprirono che l’abbandono, le punizioni corporali e la disciplina verbale causavano una significativa riduzione del corpo calloso, una sorta di “cavo” composto di cellule nervose che connette i due emisferi del cervello.

Un corpo calloso più piccolo causa una minore integrazione delle due metà del cervello, il che può causare drammatici cambiamenti dell’umore e della personalità. Lo studio ha inoltre rilevato una diminuzione delle attività in alcune parti del cervello associate con le emozioni e l’attenzione. Questi bambini avevano un flusso sanguigno minore in una parte del cervello nota come verme cerebellare, che è essenziale per mantenere un buon equilibrio emotivo.

Perché urlare affetta così tanto i bambini?

Quando i bambini sono molto piccoli non sono in grado di distinguere la differenza tra le grida e l’affetto. In pratica, non capiscono che se i genitori alzano la voce con loro non significa che non li amano ma che possono essere stressati o li stanno rimproverando per un comportamento scorretto. Non conoscere la differenza può generare in loro un forte sentimento di ansia e stress. Infatti, i ricercatori ritengono che i cambiamenti nella struttura del cervello siano dovuti all’eccessivo rilascio di cortisolo, l’ormone dello stress, durante i primi anni di vita.

È curioso, ma i bambini e gli adolescenti che sono cresciuti in un ambiente dove le urla sono pane quotidiano, hanno anche il doppio delle probabilità di avere un’attività elettrica cerebrale anormale. In alcuni casi, questa attività è stata addirittura paragonata a quella delle persone che soffrono di epilessia.

Da: QUI

Autore: Luca

Notizie di oggi
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
(Roma)
-

“L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”
Oziare non solo è bello, ma colora la vita dell’individuo, la riempie di poesia,...

GOVERNO DA QUERELARE REGALA I DATI SANITARI DEGLI ITALIANI ALLE MULTINAZIONALI STRANIERE
GOVERNO DA QUERELARE REGALA I DATI SANITARI DEGLI ITALIANI ALLE MULTINAZIONALI STRANIERE
(Roma)
-

Due articoli inseriti di soppiatto nella legge europea 2017 regalano i nostri dati sanitari alle multinazionali. Tutti i dettagli della nuova normativa
I nostri dati sanitari sono probabilmente quanto di più personale, privato...

Andare a CORRERE di PRIMA MATTINA anziche' DORMIRE? NULLA DI PIU' SBAGLIATO!
Andare a CORRERE di PRIMA MATTINA anziche' DORMIRE? NULLA DI PIU' SBAGLIATO!
(Roma)
-

MEGLIO CORRERE O POLTRIRE? COSA FA BENE AL NOSTRO CORPO LA MATTINA
MEGLIO CORRERE O POLTRIRE? COSA FA BENE AL NOSTRO CORPO LA MATTINA: RESTARE...


(Roma)
-


Come sono lontani i tempi in cui tutto il mondo si emozionò dinanzi alla foto...

Gerusalemme capitale: Italia contro gli USA? MA FATECI IL PIACERE!!!!!
Gerusalemme capitale: Italia contro gli USA? MA FATECI IL PIACERE!!!!!
(Roma)
-

I rudimentali razzi di Hamas hanno prodotto poche decine di vittime dal 2000 ad oggi. I bombardamenti israeliani ne hanno provocate diverse centinaia, senza contare feriti e profughi
L'odio islamico per gli ebrei è nato proprio per l'imposizione, da parte...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati