Un MI PIACE puo' costarti la GALERA!

(Campobasso)ore 11:01:00 del 06/10/2017 - Categoria: , Curiosità, Denunce, Internet, Nuove Leggi, Sociale

Un MI PIACE puo' costarti la GALERA!

Per la prima volta in Italia sette persone saranno processate per aver espresso apprezzamento ad un post diffamatorio.

Per la prima volta in Italia sette persone saranno processate per aver espresso apprezzamento ad un post diffamatorio.

Sui social network il gioco è finito. Chi in tutti questi anni ha pensato di poter offendere e insultare il prossimo senza problemi dovrà ricredersi e fare molta attenzione a quello che a partire dal primo novembre succederà nelle aule del tribunale di Brindisi. Sette persone saranno processate con l’accusa di diffamazione per aver messo un semplice like ad un post denigratorio del sindaco e di alcuni dipendenti comunali.

Per l’accusa anche i like configurano il reato 

I fatti risalgono al 2014 quando su Facebook venne pubblicato un commento in cui Pasquale Russo, all’epoca sindaco di San Pietro Vernotico, piccolo centro del brindisino, e alcuni  dipendenti comunali venivano descritti come fannulloni e assenteisti. Secondo il procuratore aggiunto Nicolangelo Ghizzardi non solo il post ma anche gli apprezzamenti dei lettori espressi attraverso il canonico like configuravano un reato di diffamazione aggravata.

Precedenti di condanna in Svizzera

Ora toccherà ai giudici stabilire se effettivamente basta così poco per finire sulla graticola. Nel nostro Paese non ci sono precedenti simili. All’estero però sì. In Svizzera i like in calce ai commenti diffamatori sono stati puniti.

In passato i like sono costati il posto di lavoro 

La vicenda brindisina conferma dunque che bisogna porre massima attenzione a come ci si comporta sui social network. Un banale like può mettere in gioco una condanna ma anche il posto del lavoro, come capitato, per esempio, ad un operaio sardo licenziato per aver espresso apprezzamento su Facebook ad un post ritenuto denigratorio e diffamatorio dal datore di lavoro. L’idea che i social network siano un Far West senza leggi finalmente sta tramontando e questo non può che essere un bene.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!
Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!
(Campobasso)
-

In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo destino semplicemente usando una matita alle urne.
In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo...

Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN
Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN
(Campobasso)
-

Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione in Ue di mais geneticamente modificato. E l’Italia ha votato sì. Carnemolla (Federbio) e Greenpeace reagiscono.
Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione...

Siamo sicuri che Papa Francesco e' cattolico?
Siamo sicuri che Papa Francesco e' cattolico?
(Campobasso)
-

Si è ormai introdotta una crepa nella chiesa italiana: a poco a poco e in modo sempre crescente appare la diversità, fino a essere una vera e propria opposizione, tra cattolici che vogliono ispirarsial Vangelo e cattolici “del campanile”, per i quali la p
Si è ormai introdotta una crepa nella chiesa italiana: a poco a poco e in modo...

Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
(Campobasso)
-

«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la base grillina è fatta di persone pulite, che non ne possono più di questo sistema».
«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la...

L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
(Campobasso)
-

Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio nella sua città è stato legato mani e piedi e pestato da antifascisti con il volto coperto, nella centrale via Dante.
Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati