Un dipendente in malattia PUO' ESSERE LICENZIATO! Ecco in quali casi

(Palermo)ore 09:13:00 del 12/02/2017 - Categoria: , Denunce, Editoria, Lavoro

Un dipendente in malattia PUO' ESSERE LICENZIATO! Ecco in quali casi

Non è assolutamente vero ciò che molti pensano,ossia che basta mettersi in malattia per essere immuni,almeno per quel periodo, dal licenziamento.

Non è assolutamente vero ciò che molti pensano,ossia che basta mettersi in malattia per essere immuni,almeno per quel periodo, dal licenziamento.

E’ pur vero che in linea di principio il dipendente malato non può essere licenziato, infatti il codice civile stabilisce che l’azienda ha il dovere di mantenere il posto di lavoro del dipendente in malattia, ma ci sono dei casi in cui è possibile procedere con il licenziamento.

Sempre nel codice civile infatti è specificato sì che l’azienda o il datore di lavoro è tenuto a conservare il posto ad dipendente in malattia, ma nei limiti del comporto.

Il comporto è un periodo stabilito per legge superato il quale il dipendente in malattia può essere licenziato, ad eccezione dei casi in cui la malattia fosse stata causata (con rapporti clinici che ne danno prova) dallo stesso ambiente di lavoro (in questo caso scatta l’infortunio sul lavoro).

La durata del comporto è stabilita dalla legge solo per gli impiegati: per essi la durata è di 3 mesi se hanno un’anzianità di servizio inferiore ai 10 anni e di 6 mesi quando hanno un’anzianità di oltre 10 anni. Per gli operai, invece, la durata del periodo di comporto è stabilita dalla contrattazione collettiva.


Questo periodo può essere interrotto per il godimento delle ferie, ma il lavoratore è tenuto  a darne opportuna comunicazione scritta al datore di lavoro.

Quando il comporto è scaduto il datore può procedere con il licenziamento del dipendente senza provare né la giusta causa né il giustificato motivo.

Nella determinazione del periodo di comporto si considerano, salva diversa pattuizione, anche i giorni non lavorati (sabato, domenica, festività infrasettimanali, sciopero) che cadono nel periodo di malattia, dovendosi presumere la continuità e l’indisponibilità del lavoratore.

Ma ci sono casi  in cui il licenziamento potrebbe scattare anche durante il periodo di comporto: in caso di fallimento dell’ azienda, nel caso in cui il lavoratore non si fa trovare a casa al momento delle visite fiscali da parte del medico dell’ INPS, oppure nel caso di “scarso rendimento”.

Il licenziamento per scarso rendimento scatta quando il malato è di tipo cronico, quindi alterna lunghe assenze a brevi ritorni, danneggiando l’operatività aziendale e costringendo la stessa ad assumere un sostituto.

http://www.jedanews.it/blog/finanza/licenziamento-dipendente-malattia/

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Medjugorje, la grande truffa del secolo? Ecco i documenti shock!
Medjugorje, la grande truffa del secolo? Ecco i documenti shock!
(Palermo)
-

Medjugorje è stata una genialata della gente del posto che da decenni prende per i fondelli migliaia di persone che nella religione riesce a bersi di tutto e che hanno trasformato quel luogo in mito ed idolatria.
Medjugorje è stata una genialata della gente del posto che da decenni prende per...

Legge Elettorale, Renzi a caccia di voti al Senato
Legge Elettorale, Renzi a caccia di voti al Senato
(Palermo)
-

Non è la democrazia il loro obiettivo ma la conservazione del potere e relativi privilegi. La volontà popolare non viene tenuta in alcuna considerazione. Le altre forze politiche dovrebbero trovare un accordo mirato per mandarli a casa, poi tentare di div
Non è la democrazia il loro obiettivo ma la conservazione del potere e relativi...

Cambiano solo i burattini eletti: i governi non contano piu' nulla
Cambiano solo i burattini eletti: i governi non contano piu' nulla
(Palermo)
-

Finalmente è finita anche questa farsa che ha tenuto in ansia i media ed i social. Ha vinto Macron. Ha perso la Le Pen. E chi se ne frega.
Finalmente è finita anche questa farsa che ha tenuto in ansia i media ed i...

Quanto ci costa Mattarella? CIFRE RECORD, altro che sobrieta'
Quanto ci costa Mattarella? CIFRE RECORD, altro che sobrieta'
(Palermo)
-

Altroché sobrietà. Le spese del Quirinale, nonostante gli annunci di tagli, sono aumentate
Altroché sobrietà. Le spese del Quirinale, nonostante gli annunci di tagli,...

Tasse in aumento
Tasse in aumento
(Palermo)
-

Praticamente ogni singolo italiano, neonati compresi, appare debitore per un importo medio di 871 euro. 
La crisi morde le tasche delle famiglie italiane che sono indebitate, secondo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati