UFFICIALE: LA JUVE DI VIALLI, DEL PIERO E RAVANELLI ERA DOPATA!

(Bologna)ore 10:18:00 del 22/09/2016 - Categoria: Calcio

UFFICIALE: LA JUVE DI VIALLI, DEL PIERO E RAVANELLI ERA DOPATA!

Ebbene quella Juve era dopata. Al di là di ogni ragionevole dubbio, la Corte di Cassazione ha stabilito, in data 29 maggio 2007, che la Juventus attuò, dal 1994 al 1998, “un disegno criminoso per alterare le gare attraverso la somministrazione illecita di

Questa è la formazione della Juventus, che il 22 maggio 1996 vinse a Roma l’unica Champions League della sua storia, battendo ai rigori l’Ajax: Peruzzi; Ferrara, Vierchowod, Torricelli, Pessotto; Conte (Jugovic dal 43′), Paulo Sousa (Di Livio dal 57′), Deschamps; Del Piero, Vialli, Ravanelli (Padovano dal 67′). Allenatore: Lippi. Ed è la stessa squadra che dal  ’94 al ’98 vinse in Italia 3 scudetti su 4.

Ebbene quella Juve era dopata. Al di là di ogni ragionevole dubbio, la Corte di Cassazione ha stabilito, in data 29 maggio 2007, che la Juventus attuò, dal 1994 al 1998, “un disegno criminoso per alterare le gare attraverso la somministrazione illecita di farmaci“, in pratica dopando i calciatori sia con sostanze proibite, sia somministrando farmaci leciti su atleti sani. Unico fatto non provato è la somministrazione di eritropoietina (Epo). La Corte, in sostanza, ha stabilito in via definitiva che la Juventus, nelle persone di Antonio Giraudo, (amministratore delegato), e Riccardo Agricola, (responsabile dello staff medico), commisero in modo continuato per 4 stagioni il reato di frode sportiva violando la legge 401 dell’ 89.

A seguito però della prescrizione del reato, datata 1 aprile 2007, la Juve, pur essendo colpevole, non può più essere punita. E i giocatori che allora indossavano la maglia bianconera continuano a tacere. Secondo i giudici della Corte anche i calciatori “non possono essere considerati semplici vittime” dell’operato della società. Ma fino adesso nessuno ha parlato, ma poco importa c’è una sentenza che parla.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Totti? LA CAUSA DEI PROBLEMI DELLA ROMA CHE INTOSSICANO SQUADRA E AMBIENTE - LEGGI
Totti? LA CAUSA DEI PROBLEMI DELLA ROMA CHE INTOSSICANO SQUADRA E AMBIENTE - LEGGI
(Bologna)
-

GIANCARLO DOTTO: “LA ROMA E TOTTI SONO DUE MONDI IN CONFLITTO. L’IMPOSSIBILITÀ DI SCIOGLIERE IL NODO RELATIVO AL CAPITANO GIALLOROSSO HA DETERMINATO LA GRAN PARTE DEI PROBLEMI CHE OGGI INTOSSICANO SOCIETÀ, SQUADRA E AMBIENTE.
GIANCARLO DOTTO: “LA ROMA E TOTTI SONO DUE MONDI IN CONFLITTO. L’IMPOSSIBILITÀ...

Gioco vs Risultati: sono i giocatori che fanno le vittorie, l'allenatore NON DEVE FARE DANNI
Gioco vs Risultati: sono i giocatori che fanno le vittorie, l'allenatore NON DEVE FARE DANNI
(Bologna)
-

Non esiste un allenatore in grado di incidere così profondamente su una squadra in maniera tale da stravolgere i valori.
Non esiste un allenatore in grado di incidere così profondamente su una squadra...

Il tesoretto di Berlusconi della vendita del Milan? Servira' alle elezioni!
Il tesoretto di Berlusconi della vendita del Milan? Servira' alle elezioni!
(Bologna)
-

IL TESORETTO ACCUMULATO DALLA VENDITA DEL MILAN SERVIRÀ ALLE ELEZIONI. IL PIANO È STABILITO. SE LUCA ZAIA NON DOVESSE ACCETTARE, ALLORA SCENDERÀ IN CAMPO MARINA B.
1. IL TESORETTO ACCUMULATO DALLA VENDITA DEL MILAN SERVIRÀ ALLE ELEZIONI. IL...

CASO NDRANGHETA-JUVE: AGNELLI IN AULA COME TESTIMONE
CASO NDRANGHETA-JUVE: AGNELLI IN AULA COME TESTIMONE
(Bologna)
-

CASO ’NDRANGHETA-JUVE: AGNELLI IN AULA COME TESTIMONE - IL PRESIDENTE DELLA JUVE DOVRÀ COMPARIRE IN TRIBUNALE A TORINO IL 15 MAGGIO NEL PROCESSO SULLE PRESUNTE INFILTRAZIONI DEI CLAN NELLA CURVA BIANCONERA
CASO ’NDRANGHETA-JUVE: AGNELLI IN AULA COME TESTIMONE - IL PRESIDENTE DELLA JUVE...

Tutte le OMBRE del Milan ai cinesi
Tutte le OMBRE del Milan ai cinesi
(Bologna)
-

I soldi che girano nel mondo del calcio sono un oltraggio all'umanità che fatica a sbarcare il lunario.
I soldi che girano nel mondo del calcio sono un oltraggio all'umanità che fatica...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati