UE FALLITA: il modello COMUNI stile SVIZZERA e' la VIA DA SEGUIRE

(Genova)ore 21:50:00 del 16/04/2017 - Categoria: , Denunce, Economia

UE FALLITA: il modello COMUNI stile SVIZZERA e' la VIA DA SEGUIRE

INTANTO IN EUROPA NEL 2016 GLI ATTENTATI DEI TERRORISTI MUSULMANI SONO AUMENTATI DEL 174% E IL 2017 ANDRÀ PEGGIO

INTANTO IN EUROPA NEL 2016 GLI ATTENTATI DEI TERRORISTI MUSULMANI SONO AUMENTATI DEL 174% E IL 2017 ANDRÀ PEGGIO

Le continue tensioni interne all'Europa, culminate nella Brexit, spingono a riflettere sul funzionamento delle istituzione europee e a chiedersi se non sia arrivato il momento di ripensare una nuova forma di Unione. Carlo Lottieri, professore di Filosofia politica e tra i promotori dell'Istituto Bruno Leoni, ha una soluzione da proporre: prendere a modello il federalismo della Svizzera, consegnare la sovranità a regioni e comuni ed eliminare così gli Stati nazionali. Il suo libro, Un'idea elvetica di libertà, spiega in maniera sistematica i vantaggi di questo modello. L'evidenza da cui partire è il fallimento dell'Unione Europa: «Il progetto di un'unione si è sgretolato e ora rimangono le macerie», spiega a tempi.it «Abbiamo bisogno di un esempio cui ispirarci, che risponda all'urgente bisogno di integrazione di culture ed economie, ma che al tempo stesso non implichi la creazione di un unico super Stato, imposto dall'alto».
SUSSIDIARIETÀ
In passato, argomenta Lottieri, l'Europa è riuscita a fiorire perché ha evitato l'accentramento di potere e l'unificazione politica. Col passare del tempo, invece, ha tradito la sua originaria natura e, nell'illusione di una maggiore coesione, ha creato i presupposti per la propria autodistruzione: la diminuzione della libertà individuale degli Stati in nome del bene comune, la limitazione dei poteri decisionali locali, il rischio dell'imporsi autoritario della nazione più forte. «Dentro l'Europa convivono un'ampia varietà di culture, lingue, religioni e storie diverse, ciascuna con i propri problemi interni, ed è davvero irragionevole immaginarsi di poter creare un'Europa sociale con le stesse leggi e direttive uguali per tutti». Lottieri si mostra scettico anche sull'adozione della moneta unica: «Si è venuto a creare un club in cui alcuni paesi ne hanno tratto benefici, mentre altri hanno avuto difficoltà a rispettare le regole, col rischio di essere commissariati. Imporre a tutti un modello predefinito senza considerare la diversità e le problematiche di ciascun membro è controproducente». E questo ragionamento vale per tutti gli ambiti: dalle leggi sull'occupazione, alle decisioni fiscali, alla gestione dell'immigrazione.
«La Svizzera invece (in particolare, quella risalente ai cinque secoli precedenti la Rivoluzione francese), grazie a federalismo, democrazia diretta e neutralità, è rimasta molto più fedele alla tradizione europea di quanto lo siano i promotori dell'integrazione politica». Proprio per questo, sostiene Lottieri, dovremmo guardare al modello elvetico per salvare l'Europa dal collasso.

«È necessario riscoprire l'autogoverno locale per evitare soprattutto due rischi: l'imposizione di una politica comune e il ritorno al sovranismo. La Svizzera è composta da culture, anche linguistiche e religiose, molto diverse, e per tutelarle ha scelto di non formare uno Stato nazionale, ma di garantire una fortissima autonomia locale. Così, per esempio, il Canton Ticino risulta essere un piccolo Stato, che si governa da sé con le proprie leggi e la propria Costituzione. Persino la giustizia non è di competenza federale, ma dei singoli Cantoni».
MODELLO SANO E FUNZIONANTE
Questo modello responsabilizza tutti, a partire dalle decisioni fiscali: «Si instaura una sana e produttiva competizione tra comuni, perché se per esempio si tassa in maniera eccessiva, la gente si sposta cambiando comune o Cantone». Un altro esempio di efficienza svizzera è la democrazia diretta: i cittadini sono chiamati a esprimersi con il voto su tutti e tre i livelli (comunale, cantonale e federale) e i vari ministri, di posizioni anche molto distanti, devono negoziare costantemente tra loro. «Questo porta a una capacità di dialogo e di moderazione davvero formidabile, che consente di evitare il consociativismo».
Secondo Lottieri dunque, bisognerebbe ripensare a un'Europa di città e di regioni, piuttosto che di Stati e sovra Stati. «Gli Stati nazionali costituiscono un progetto anti europeo. Il punto di forza dell'Europa è stato il fatto di condividere un comune substrato culturale derivante dalla filosofia greca e dal cristianesimo. [...] In Europa sta succedendo esattamente quello che è successo in Italia: un tempo il nostro paese era rigoglioso e produttivo perché ciascuno Stato in cui lo Stivale era diviso era forte della propria autonomia; poi abbiamo perso le nostre specificità e, con esse, la nostra forza». La fine degli Stati nazionali sarebbe quindi, dice Lottieri, il ritorno all'Europa. Ma questo progetto di "elvetizzazione" è oggi concretamente realizzabile? «Fino a un anno fa, sarei stato molto cauto nel mio ottimismo. Ma dopo l'elezione di Trump e la Brexit, direi che ormai tutto è possibile».

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
Ecco con quali trucchi i boss aggirano il 41BIS
(Genova)
-

Il carcere duro previsto per isolare i capi dagli affiliati a piede libero viene sempre più spesso dribblato grazie a una serie di accorgimenti. E così si tradisce l'insegnamento di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Non appena il mafioso Alessandro Piscopo arriva alle porte della sua Vittoria,...

Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
Juventus IN ROSSO, 280 milioni di debiti
(Genova)
-

Un’operazione da 340 milioni e manca ancora la commissione per Mendes. I costi sono già aumentati con gli ultimi acquisti, la gestione si è un po’ stressata
La domanda è sempre la stessa: come farà la Juventus a consentirsi l’acquisto e...

Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
Quanto PIL viene prodotto in Italia dagli immigrati?
(Genova)
-

Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6 miliardi, l’Europa ne mette 80 milioni, ma ci “permette” di non contabilizzare le cifre nel deficit.
Per il ministero dell’Economia nel 2018 la gestione dei migranti ci costerà 4,6...

Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE
Austria: espulsi 60 IMAM e bloccate 7 MOSCHEE
(Genova)
-

Buona iniziativa del governo austriaco per contrastare la conquista islamica, ma purtroppo nel resto d'Europa i governi sonnecchiano colpevolmente
L'AUSTRIA ESPELLE 60 IMAM E BLOCCA 7 MOSCHEE Buona iniziativa del governo...

Petrolio in aumento: stangata da 415 euro l'anno a famiglia
Petrolio in aumento: stangata da 415 euro l'anno a famiglia
(Genova)
-

Sale il prezzo del petrolio e di conseguenza aumentano i prezzi di benzina e gasolio.
Sale il prezzo del petrolio e di conseguenza aumentano i prezzi di benzina e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati