Tv notizie: Amore Criminale, la storia di Vanessa Scialfa

ENNA ore 12:48:00 del 24/06/2015 - Categoria: Cronaca - Tv

Tv notizie: Amore Criminale, la storia di Vanessa Scialfa

Tv notizie: Amore Criminale, la storia di Vanessa Scialfa. Protagonista della puntata di Amore Criminale del 22 giugno è stata la vicenda di Vanessa Scialfa, ragazza siciliana, di Enna, che decide di stare con Francesco Lo Presti, nonostante sia giovaniss

Protagonista della puntata di Amore Criminale del 22 giugno è stata la vicenda di Vanessa Scialfa, ragazza siciliana, di Enna, che decide di stare con Francesco Lo Presti, nonostante sia giovanissima. Questa relazione la porta ad allontanarsi dalla sua famiglia, oltre che a perdere il lavoro. Vanessa comincia a percepire un senso di pentimento per la scelta fatta quasi immediatamente. Inizia a notare atteggiamenti di gelosia da parte di Francesco decisamente eccessive. Discussioni continue, liti, caratterizzano la loro relazione. Sono continue, senza sosta e, dopo pochi mesi di serenità, lo stato delle cose sembra alterato irreversibilmente. Lei inizia pian piano a metabolizzare l'idea di andare via, tornare a casa. Tuttavia la spaccatura venutasi a creare con la famiglia sembra insanabile, sino a quando Vanessa non incontra la sua famiglia nel giorno del venerdì santo, quando suo padre, per quanto infuriato con lei, decide di riabbracciarla ed accoglierla di nuovo. In quel caso, anche Francesco viene accolto, a differenza del passato, dalla famiglia di lei. Sembra un momento di riconciliazione definitivo, per quanto il rapporto con la famiglia per il ragazzo, continua ad essere complesso.

Però le liti tra Vanessa e Francesco continuano ad essere costanti. Pochi giorni dopo, proprio a tavola con i genitori,Vanessa ha nei confronti di Francesco una reazione scomposta, dicendo ad alta voce che lui le manca di rispetto. Il padre, a quel punto, pronuncerà una frase che dice di nonaver mai dimenticato, perché una delle ultime cose dette a sua figlia. A quel punto la famiglia propone a lei di restare lì, ma Vanessa, con un gesto incomprensibile, si alza e porta via con sé Francesco, nonostante l'incomprensione.

L'ultimo giorno di vita di Vanessa inizia come gli altri, con le pulizie di casa, mentre Francesco è andato regolarmente al lavoro. Francesco quella mattina deciderà di licenziarsi, tornando prima a casa e non trovando Vanessa, che ha deciso di uscire, senza preavviso. Francesco a quel punto inizia ad innervosirsi, consumando cocaina da solo. Al ritorno, la lite per gelosia è inevitabile e lo scontro tra i due arriva al punto da sollecitare i vicini ad intervenire. Dopo Francesco tenta di ritrovare la calma, ma Vanessa sembra aver deciso di andarsene, definitivamente, comunicandolo a Francesco. A quel punto, la deriva è inevitabile e Francesco, afferrando dei cavi della tv, strangola Vanessa fino a tramortirla. La ragazza sembra morta mentre lui di pulisce il sangue, ma poi dà dei segni di vita, così lui decide di finirla facendole inalare della candeggina.

A quel punto Francesco decide di agire cercandosi un alibi. Chiama un poliziotto suo amico, dicendogli che Vanessa sia scomparsa e che non riesce a trovarla. Dopodiché scappa e va via. Ritornato a casa, Francesco escogita un piano per sbarazzarsi del corpo di Vanessa, mentre lo porta giù dalle scale nacosto in un sacco in pieno giorno, nessuno lo nota. Con incredibile lucidità l'uomo elimina ogni traccia, disfacendosi del corpo in una zona di campagna, dove sarebbe difficile da rinvenire. Lo getterà in una campagna, dichiarando solo successivamente di averlo abbracciato a fondo, prima di farlo. Lo Presti, nelle prime ore, dimostra una grande resistenza psicologia e sangue freddo nel tenere segreto il tutto, ai genitori di lei così come alle forze dell'ordine. Deciderà di confessare il suo omicidio solo all'amico poliziotto, che aveva contattato poco dopo l'omicidio.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi


-


Questo è un motivo "più che ottimo" per votare, alle prossime elezioni...

Strage Borsellino 25 anni dopo: l'Italia e' una Repubblica fondata sulle...MAFIE
Strage Borsellino 25 anni dopo: l'Italia e' una Repubblica fondata sulle...MAFIE

-

Falcone e borsellino erano l' effettivo antibiotico contro il malaffare ... inutili e superflue altre parole ... chi ha omesso, chi CONTINUA ad omettere, coprire ed insabbiare, è tutt' ora complice se non gli effettivi mandanti dell' assassinio (ricordo a
Falcone e borsellino erano l' effettivo antibiotico contro il malaffare ......

Toto' Riina continua a non pentirsi: DARESTE IL DIRITTO ALL'AVVOCATO DIFENSORE A PERSONE COME QUESTE?
Toto' Riina continua a non pentirsi: DARESTE IL DIRITTO ALL'AVVOCATO DIFENSORE A PERSONE COME QUESTE?

-

Stentiamo a renderci conto che la mafia ha un suo orgoglio, un suo manifesto e persino una sua etica. Inutile fronteggiarla con tentativi di recupero sociale, educativi ecc. Non c'è che il muro contro muro
Stentiamo a renderci conto che la mafia ha un suo orgoglio, un suo manifesto e...

La dittatura ha prodotto maggior diritti per i lavoratori di questa FALSA DEMOCRAZIA
La dittatura ha prodotto maggior diritti per i lavoratori di questa FALSA DEMOCRAZIA

-

La legge cosiddetta anti fascismo serve al PD per distrarre l'italiano credulone dai provvedimenti fascisti che il PD stesso promulga. Insomma, è uno specchio per le allodole.
La legge cosiddetta anti fascismo serve al PD per distrarre l'italiano credulone...

Agente Sisde svela tutto: DISTRUGGERE L'ITALIA IMPOVERENDO LE PERSONE! VIDEO
Agente Sisde svela tutto: DISTRUGGERE L'ITALIA IMPOVERENDO LE PERSONE! VIDEO

-

Un Agente del Sisde racconta quello che accadrà presto in Italia. In questo video un Agente del Sisde racconta i retroscena di una preparazione di dittatura che esiste ormai da circa 20 anni in Italia, dalla creazione della seconda repubblica, ma che pro
Un Agente del Sisde racconta quello che accadrà presto in Italia. In questo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati