Trivelle: i risultati da sapere

NAPOLI ore 23:36:00 del 23/04/2016 - Categoria: Denunce, Politica - Referendum Trivelle

Trivelle: i risultati da sapere

Roma, 18 aprile 2016 – Urne chiuse, arrivano i risultati del referendum trivelle. Il primo dato chiaro, e anche il più atteso, è quello sul quorum, che non è stato raggiunto: il dato definitivo del ministero dell’Interno attesta l’affluenza al 32,15%

Vergogna italiani preferiscono il mare al Referendum ed il Mondo ci ride dietro

Renzi: HA VINTO CHI LAVORA NELLE PIATTAFORME – Poco dopo la chiusura delle urne si pronuncia il premier Matteo Renzi, che nei giorni scorsi aveva invitato i cittadini a non andare a votare. Il presidente del consiglio comincia a parlare nella conferenza stampa organizzata a Palazzo Chigi quando sono le 23.18, pochi minuti dopo la chiusura dei seggi. “L’Italia ha parlato, si tratta di un risultato netto, chiaro, superiore alle previsioni”, ha detto. “In politica – ha continuato – bisogna saper perdere”. E gli sconfitti,”non sono i cittadini che sono andati a votare: chi vota non perde mai”, dice Renzi. Ma gli sconfitti “ci sono: hanno dei nomi e dei cognomi. Qualche consigliere regionale, qualche presidente che ha cavalcato a tutti i costi questo referendum per esigenze personale”. Mentre invece, ha continuato Renzi, nella consultazione elettorale “ha vinto chi lavora nelle piattaforme”, “ha perso chi ha voluto la conta a tutti costi”.

Insomma gli italiani hanno perso un’altra occasiona buona per non essere etichettati come “pecoroni” e preferiscono andare al mare anzichè esprimere il loro consenso e la loro partecipazione popolare.

Roma, 18 aprile 2016 – Urne chiuse, arrivano i risultati del referendum Trivelle. Il primo dato chiaro, e anche il più atteso, è quello sul quorum, che non è stato raggiunto: il dato definitivo del ministero dell’Interno attesta l’affluenza al 32,15%. Il fronte del Sì supera l’80%, quello del No è intorno al 14%. I seggi sono stati chiusi alle 23 nelle 61.562 sezioni elettorali degli 8.000 Comuni italiani dove si votava da questa mattina alle 7. Gli esiti sono molto diversi tra regione e regione, con la Basilicata che è stata l’unica ad abbattere il “muro” del 50%: a Potenza la percentuale dell’affluenza è stata pari al 58%, in tutta la regione hanno votato il 50,4 %degli aventi diritto.

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA
Onu: entro il 2030 ognuno di noi dovra' avere una IDENTITA' BIOMETRICA

-

Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo pianeta sta diventando sempre più globalizzato e centralizzato, eppure la maggior parte della gente non sembra preoccuparsene soprattutto per via della grande disinformazione
Grazie all’abile uso di trattati e accordi internazionali, il dominio su questo...

Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA
Nigeria: piu' di 600 cristiani MASSACRATI in solo 8 mesi. E NESSUNO FA NULLA

-

Da marzo a ottobre sono state distrutte 30 chiese, rase al suolo 4.436 case, mentre 38 mila cristiani vivono in 10 campi per sfollati. Vescovo anglicano di Jos: «Viviamo nel terrore. I musulmani ci uccidono»
Almeno 646 cristiani sono stati massacrati solo tra marzo e ottobre nel 2018, e...

Stop appalti pulizia per scuole: in arrivo 12mila assunzioni a costo zero
Stop appalti pulizia per scuole: in arrivo 12mila assunzioni a costo zero

-

Dopo gli scandali e le polemiche, grazie a un emendamento alla manovra finanziaria e approvato in commissione, si dà il via alla stabilizzazione degli ex lavoratori socialmente utili.
Stop agli appalti di pulizia nelle scuole. Il governo ha deciso distabilizzare i...

Orrore al Campo Rom di Foggia: bimbi venduti per 28mila euro
Orrore al Campo Rom di Foggia: bimbi venduti per 28mila euro

-

Prostituzione minorile e bimbi venduti per 28 mila euro. L’orrore nel campo rom di Foggia
Non c’è fine al disagio che le “risorse” già presenti sul nostro territorio...

Che la DIFESA sia SEMPRE legittima
Che la DIFESA sia SEMPRE legittima

-

I cittadini non si sentono più sicuri. E si difendono da sé. Viaggio nella giustizia italiana che tutela ladri e malviventi e condanna chi si difende
La spiegazione è tutta nei numeri. C'è un motivo se gli italiani hanno deciso di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati