Travaglio: Italia tra Brexit e Renxit! VIDEO

(Milano)ore 10:23:00 del 08/07/2016 - Categoria: Denunce, Politica

Travaglio: Italia tra Brexit e Renxit! VIDEO

Prendiamo Renzi sull’Italicum. Prima lo approva, poi fa intendere che vuole cambiarlo, poi dà dei voltagabbana ai 5Stelle che gli danno del voltagabbana, poi dice che non lo cambia.

Mentono sempre. Ogni volta che respirano. E più perdono voti, più s’illudono di riconquistarli tenendo il piede in due scarpe. Cioè continuando a mentire. O a smentire quel che dicevano fino al giorno prima. Salvo poi smentire la smentita per tornare alla menzogna primigenia. E non capiscono che alla lunga, non appena si diradano le cortine fumogene della stampa embedded e dei Cinegiornali luce, la gente se ne accorge. E li punisce a vantaggio di gente magari più semplice, anche più sempliciotta, ma che dà l’impressione di avere una faccia e una parola sola.

Prendiamo infine quegli zuzzurelloni di Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, e del suo Ufficio Studi, che tentano di terrorizzare gli italiani evocando scenari apocalittici in caso di vittoria del No al referendum. Mancava giusto il terrorismo confindustriale per dare l’ultimo tocco pagliaccesco alla propaganda del Sì. Secondo questi fresconi, se non passa il Senato dei nominati e degli immuni con tutto il cucuzzaro, in tre anni la produzione crollerà del 4% e il Pil dell’1,7, il debito pubblico balzerà al 144% del Pil, avremo 258 mila occupati in meno e 430 mila poveri in più. Invece, se vince il Sì, paradiso terrestre. Chiù pilu per tutti. E meno male che i populisti sono gli altri. Ci sarebbero gli estremi di una denuncia per “pubblicazione di notizie false o tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico” (art. 656 Codice penale).

Il fantastico editoriale di Marco Travaglio. “Mentono sapendo di smentire” !!

Prendiamo Renzi sull’Italicum. Prima lo approva, poi fa intendere che vuole cambiarlo, poi dà dei voltagabbana ai 5Stelle che gli danno del voltagabbana, poi dice che non lo cambia. E i giornaloni dietro. Il 30.6 il Corriere titola che “il premier è pronto ad aprire per salvare il referendum”. Il 1.7 spiega che vuole cambiarlo, ma “i 5Stelle blindano l’odiato Italicum”. Poi, ieri, contrordine compagni: “I renziani difendono l’Italicum: è una legge ottima. M5S all’attacco”. Dài, scherzava.

Prendiamo il Tav Torino-Lione, l’opera più inutile e dannosa della storia. Per vent’anni sinistra e destra, con affaristi e mafiosetti retrostanti, han tentato di imporla al popolo della Val di Susa, militarizzando i cantieri, facendo pestare i manifestanti, fomentando violenze, ingolfando i tribunali di processi anche ai limiti del demenziale (la studentessa condannata per la tesi). Renzi, nel 2013, definiva in un libro il Tav “un investimento fuori scala e fuori tempo”, “iniziativa non dannosa, ma inutile”, “soldi impiegati male”. Poi s’è messo al vento dei soliti noti, buttando altri soldi pubblici in quell’opera demenziale. Ora il suo ministro Graziano Delrio annuncia bel bello che basta e avanza la linea esistente: ergo, invece di 84 km di tunnel, se ne scaveranno “solo” 25. Un patetico tentativo di tendere la mano alla neo- sindaca No Tav di Torino, Chiara Appendino. La quale, si spera, non si farà abbindolare. Chi ha voluto la boiata chieda scusa, si rimangi le balle sull’opera indispensabile per l’umanità, blocchi i cantieri (tutti: gli sconticini non bastano) e restituisca il maltolto.

Prendiamo Gennaro Migliore, ex Sel convertito al renzismo e premiato con la poltrona di sottosegretario, addirittura alla Giustizia. In visita al supercarcere de L’Aquila, quasi tutto occupato da mafiosi e terroristi al 41-bis (136 detenuti su 168), dice esattamente ciò che vogliono sentire e non sentivano dai tempi di B.: “L’impressione che ho avuto qui a L’Aquila è la stessa che ho avuto in altre carceri con detenuti al 41 bis: serve un’attenzione diversa… maggiore flessibilità, vanno garantiti diritti e dignità. E in generale pensiamo ad alcune innovazioni tecnologiche, come l’uso di Skype al posto della scheda telefonica dov’è possibile… Il 41-bis non può essere una interruzione dei diritti fondamentali. Serve una riconsiderazione dei regolamenti, per evitare applicazioni afflittive che non corrispondono ai dettami costituzionali”. Frasi riportate da Il Centro (gruppo Repubblica-Espresso, non certo antigovernativo) e in perfetta linea con le incredibili conclusioni della Commissione Manconi, che vede nel 41-bis una forma di tortura, e mai smentite finché il Fatto le rilancia. A quel punto Migliore strepita e vomita: “miserabili”, “titolo indegno”, “articolo inqualificabile”, “falso scoop”, “macchina del fango quotidiano”, “calunnia”, “insulti”, “attacco calunnioso, infondato e ingiurioso”. Se si trattasse di un passante, si potrebbe liquidare la faccenda affidando il soggetto alle cure dei sanitari, o degli esorcisti.

Invece si tratta purtroppo del sottosegretario alla Giustizia, in grado di far danni. Tipo l’ulteriore svuotamento di quel che resta del 41-bis, già di fatto smantellato nell’ultimo ventennio di trattative Stato-mafia. Un messaggio micidiale ai mafiosi, che da sempre considerano il 41-bis – ideato da Falcone e attuato solo dopo il sacrificio suo e di Borsellino – un’“interruzione dei diritti fondamentali” e una norma troppo “afflittiva”(povere stelle), e ora scoprono entusiasti che il governo la pensa come loro. Con l’aggravante che il sottosegretario dal cognome francamente fuorviante non ha neppure il coraggio delle sue parole: nelle supercarceri promette di ammorbidire il 41-bis, poi quando qualcuno se ne accorge strilla alla macchina del fango.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Milano)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Milano)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...

Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
(Milano)
-

Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un regolamento di conti.
Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un...

Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
Disastro Italia: mandiamo via i nostri giovani per prendere disperati senza cultura
(Milano)
-

Qualcosa ci inventeremo.. tra 30 anni. Oggi è troppo presto! E poi siamo ad agosto, perchè disturbare le vacanze degli Italiani!? Questi sono articoli che vanno bene a novembre! Evviva l'Italia!
Non preoccupiamoci. Fra 30 anni, quando questi ragazzi avranno versato zero...

La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
La tua banca e' in crisi? Ti Bloccano il Conto Corrente!
(Milano)
-

Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti, sebbene la fonte fosse molto autorevole: la Reuters.
Sarà senz’altro per il caldo, ma la notizia è sfuggita praticamente a tutti,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati