TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE

(Roma)ore 20:22:00 del 19/11/2017 - Categoria: , Calcio, Denunce

TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria.

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria. Al di là dei loro meriti o demeriti, all'indomani dei loro fallimenti (peraltro non così clamorosi) decisero di dimettersi rinunciando ai compensi che ancora potevano esigere. Uomini senz'altro da rispettare mentre questi pagliacci (Tavecchio, Ventura, Lotito, Malagò) ballano mentre la nave affonda.

Berlusconi con una sua intrusione da elefante nella cristalliera, fece dimettere Dino Zoff da commissario tecnico dopo che il suddetto aveva portato la nazionale a disputare la finale degli europei nel 98 e averla persa a solo pochi minuti dalla fine. Oggi i politici dicono di non poter intervenire nella querelle dimostrando la loro ipocrisia . Il calcio è metafora del potere. "Pane et circens" non bastano oggi, in quanto dove c'è tanto denaro da gestire e "spartire" le motivazioni ufficiali nascondono tutto il resto,cioè tutta una serie di rapporti "incestuosi" che fanno dello sport nazionale una ennesima occasione di corruzione e commissione politica-affari.

Ecco fatto, quello la poltrona non la molla neppure dopo una tragedia come questa...da buon vigliacco politicante italiano ha scaricato tutte le colpe addosso agli altri... ci siamo giocati pure i mondiali del 2022...mettetevi pure l'animo in pace...quello manco con le fucilate se ne va..."e adesso un vero allenatore"....Aahahhhaaaahhhh....pare il Berlusca dei tempi d'oro!!!

Carlo Tavecchio esonera Gian Piero Ventura – che riceverà tutto quel che gli spetta da qui alla fine del contratto – ma non dà le dimissioni da presidente della Federcalcio dopo la mancata qualificazione a Russia 2018. Per la debacle contro la Svezia che lascia gli azzurri fuori da un mondiale dopo 59 anni, quindi, paga solo il commissario tecnico. Il numero uno della Figc si dice “indisponibile a rimettere il mandato”, afferma che è in corso una valutazione di “orizzonti di allenatori importanti” e promette che si presenterà davanti al prossimo consiglio federale con in mano un documento di proposte per ripartire dopo l’apocalisse, come definì lui stesso l’eventualità di una mancata partecipazione alla Coppa del Mondo. Su quei punti programmatici, i consiglieri “saranno chiamati ad esprimersi”. Viste le dichiarazioni pre e post riunione, non sarà difficile avere tutti dalla sua parte.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Rimborsopoli: il vero problema? LE IENE, NON IL M5S!
Rimborsopoli: il vero problema? LE IENE, NON IL M5S!
(Roma)
-

La radice del problema è la malapianta del risentimento che da anni è coltivata dai mass media e di cui i grillini sono solo l’epifenomeno più chiassoso, effimero e passeggero
La radice del problema è la malapianta del risentimento che da anni è coltivata...

Salvini candidato in Calabria? PER NON DIMENTICARE: 'Questa Regione mi fa VERGOGNARE DI ESSERE ITALIANO'
Salvini candidato in Calabria? PER NON DIMENTICARE: 'Questa Regione mi fa VERGOGNARE DI ESSERE ITALIANO'
(Roma)
-

Salvini candidato in Calabria. Sì, quello che disse: “questa Regione (la Calabria) mi fa vergognare di essere italiano” – Signori, questa non è un’elezione, è un test di intelligenza per i Meridionali…!
Salvini candidato in Calabria. Sì, quello che disse: “questa Regione (la...


(Roma)
-


E' già successo in Gran Bretagna per la Brexit e negli Stati Uniti per...

Caso Rimborsi M5S: cose che succedono? Difenderli a PRESCINDERE e' SBAGLIATO
Caso Rimborsi M5S: cose che succedono? Difenderli a PRESCINDERE e' SBAGLIATO
(Roma)
-

Quando in un pollaio vengono eletti il capo e la rappresentanza, non c'è ombra di dubbio che gli eletti appartengono alla categoria dei pennuti.
Quando in un pollaio vengono eletti il capo e la rappresentanza, non c'è ombra...

Siamo ormai rassegnati a votare il MENO PEGGIO: meglio non votare?
Siamo ormai rassegnati a votare il MENO PEGGIO: meglio non votare?
(Roma)
-

Sono prevedibili, anche se non mancano di fantasia. D’altra parte cosa mai possono dire se non quello che la gente vuole sentirsi dire?
Li vedo ogni giorno, tutti. Li ascolto pure, li leggo, nonostante un forte...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati