Ti rovineranno tramite sms!

BARI ore 12:24:00 del 10/03/2016 - Categoria: Denunce, Tecnologia - Truffa

Ti rovineranno tramite sms!

Il nostro indirizzo è solo uno dei milioni rubati dai server violati, l'invio è spesso fatto da bot che in automatico spediscono ondate di messaggi.

Le novità - Dal vecchio e inossidabile phishing, però, il mondo delle truffe ha fatto grandi passi in avanti. Con la crescita di popolarità dei social network, chi va a caccia di polli da spennare ha già libero accesso a una considerevole quantità di dati personali, sufficienti per circuire il malcapitato con una truffa confezionata su misura. Oltre a mariti e mogli insoddisfatte, altro target per i truffatori sono i lavoratori insoddisfatti. Attraverso la tecnica del pear phishing, i ladri prendono di mira le email aziendali di una sola ditta, scrivono in perfetto italiano un messaggio abbastanza credibile da assomigliare a una proposta di promozione o a un aggiornamento tecnico dei sistemi interni. Così imbastita, la truffa è quasi irriconiscibile senza un pizzico di buonsenso, indispensabile per evitare di scaricare allegati camuffati da file comuni e farsi infettare il computer. In questo modo si può "rapire" un'intera rete aziendale, costringendo la propria società a pagare un pesantissimo riscatto per la sua liberazione.

È dalla fine degli anni '90 che le truffe informatiche insidiano i computer di tutto il mondo, da quando cioè la rete ha cominciato ad essere un fenomeno di massa. Le prime tecniche, tutt'ora in voca tra i criminali, erano tanto rozze quanto economiche: vengono spedite email e messaggi con proposte oscene, offerte economiche strabilianti, tipo un'eredità di uno zio sconosciuto, seguiti dalla richiesta di una password, del pin del conto corrente o tutto quello che permette ai ladri di lasciarci in mutande. Il nostro indirizzo è solo uno dei milioni rubati dai server violati, l'invio è spesso fatto da bot che in automatico spediscono ondate di messaggi. Per i ladri basta che abbocchi lo 0,1%, scrive il Corriere della sera riprendendo il rapporto di Proofpoint, società specializzata nella protezione dei dati, perché il basso costo di investimento per gli indirizzi ripaghi con grosse quantità di denaro.

Vishing - Non meno comuni sono le truffe al telefono con la tecnica del Vishing. Parte la telefonata su una linea fissa, dove la maggior parte delle volte è impossibile vedere il mittente, dall'altro capo della cornetta risponde una voce preregistrata, sembra a tutti gli effetti un call center e a qualcuno meno accorto può anche capitare di rispondere, magari un anziano, e consegnare dati utili per dare corso alla truffa.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Rimborsopoli: il vero problema? LE IENE, NON IL M5S!
Rimborsopoli: il vero problema? LE IENE, NON IL M5S!

-

La radice del problema è la malapianta del risentimento che da anni è coltivata dai mass media e di cui i grillini sono solo l’epifenomeno più chiassoso, effimero e passeggero
La radice del problema è la malapianta del risentimento che da anni è coltivata...

Salvini candidato in Calabria? PER NON DIMENTICARE: 'Questa Regione mi fa VERGOGNARE DI ESSERE ITALIANO'
Salvini candidato in Calabria? PER NON DIMENTICARE: 'Questa Regione mi fa VERGOGNARE DI ESSERE ITALIANO'

-

Salvini candidato in Calabria. Sì, quello che disse: “questa Regione (la Calabria) mi fa vergognare di essere italiano” – Signori, questa non è un’elezione, è un test di intelligenza per i Meridionali…!
Salvini candidato in Calabria. Sì, quello che disse: “questa Regione (la...



-


E' già successo in Gran Bretagna per la Brexit e negli Stati Uniti per...



-


PER mettere il "cappotto" alla casa o per affrontare condizioni climatiche...

Caso Rimborsi M5S: cose che succedono? Difenderli a PRESCINDERE e' SBAGLIATO
Caso Rimborsi M5S: cose che succedono? Difenderli a PRESCINDERE e' SBAGLIATO

-

Quando in un pollaio vengono eletti il capo e la rappresentanza, non c'è ombra di dubbio che gli eletti appartengono alla categoria dei pennuti.
Quando in un pollaio vengono eletti il capo e la rappresentanza, non c'è ombra...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati