Tessile, l'Italia è in mano agli stranieri

PRATO ore 11:10:00 del 10/11/2014 - Categoria: Cronaca, Lavoro

Tessile, l'Italia è in mano agli stranieri

I cittadini provenienti dai Paesi esteri gestiscono il mercato: ma sono in regola con lo Stato?

Cambiamento alle radici. Sarà l'effetto della globalizzazione, sarà che l'economia corre più rapida di quello che si potrebbe immaginare. Fatto sta che l'invasione - come la chiama qualcuno - di stranieri non si arresta. E nel mondo del lavoro le conseguenze rischiano di essere drammatiche per noi e per chi ha in essere un'attività da molto tempo. Gli ambulanti del tessile straniero sono in numero superiore rispetto agli italiani. Un dato che non muore lì. Significa che, quando c'è da fare impresa, chi è arrivato da lontano ha più intraprendenza e voglia di noi. Ma significa anche che i posti di lavoro degli italiani stanno rapidamente saltando. Sparendo.

E chi ci protegge? Forse questo Governo? No di certo: per loro la parola d'ordine è accoglienza e cittadinanza, alla faccia dei nostri 50enni maestri del tessile che si ritrovano licenziati da aziende che non sanno più a chi vendere i loro prodotti. In Italia tra gli ambulanti del tessile le imprese straniere sorpassano quelle italiane: sono, infatti, 43.187 le imprese straniere attive nel commercio ambulante di abbigliamento e calzature e rappresentano il 57,2% del totale del settore. Sorpasso degli stranieri anche tra le bancarelle di fiori e prodotti da giardino. Nel complesso, comunque, il commercio ambulante resta, di poco, a maggioranza italiano (50,8%).

Insomma, il sorpasso è naturalmente questione di mesi, al più di un anno. Ma queste persone dove avranno trovato i soldi necessari per avviare la loro attività? Sono in regola con quanto devono allo Stato? Vallo a sapere, o forse a volte è meglio non sapere neppure. Nel dettaglio, tra le nazionalità degli ambulanti del tessile sono i titolari nati in Marocco i più numerosi (24.736), seguiti dai titolari del Senegal (5.177), Cina (3.526), Nigeria (1.929) e Bangladesh (1.906). Complessivamente le imprese straniere attive in Italia sono 469.092, in crescita rispetto al 2011 del 13,2%. Mentre le imprese totali fanno registrare nello stesso arco di tempo una diminuzione del -2,4%.

Segni negativi che confermano il buio di questi anni, con i proprietari delle aziende che hanno deciso di abbassare la serranda per evitare di mangiarsi fuori tutto quello che già avevano messo da parte negli anni addietro. La crescita più alta delle imprese straniere si registra in Campania e Lazio (rispettivamente +29,1 e +29% rispetto al 2011).

La curiosità in Lombardia riguarda la ristorazione: le pizze egiziane sorpassano gli involtini primavera: i titolari di ristoranti nati in Egitto attivi in Lombardia sono 1335 contro 695 cinesi. E sempre gli egiziani sono i primi per numero di titolari di attività del commercio al dettaglio di alimentari. Anche in questo caso un fiume di denaro incontrollato che nessuno controlla: ma perché le imprese straniere non vengono vessate dai controlli così come accade per quelle di casa nostra? Qualcuno sa dare una risposta a questa domanda?

Articolo tratto da: www.italianosveglia.com

Autore: Albertone

Notizie di oggi
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori
Costi Pos: quanto ci costano i pagamenti per bancomat obbligatori

-

Secondo un'indagine di Altroconsumo gli esercenti arriverebbero a pagare delle commissioni abbastanza importanti.
QUANTO CI COSTA IL POS - Ridurre l’uso del contante per contrastare evasione e...

Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!
Tim, Vodafone e Wind denunciate per i tagli alle ricariche: VERGOGNA!

-

Il Codacons denuncia all'Agcom e all'Antitrust la ricarica premium, novità messa sul mercato da Tim, Vodafone e Wind.
Il Codacons ha formalizzato il pensiero di milioni di utenti italiani sotto...

Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?
Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?

-

STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio rilancia la vecchia battaglia pentastellata contro l'apertura domenicale degli esercizi commerciali, consentita dalle liberalizzazioni del governo Monti.
STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio...

La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio...MA DOVE????
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio...MA DOVE????

-

LA REPUBBLICA INCORAGGIA E TUTELA IL RISPARMIO ? - Qualcuno saprebbe dirci se sia ancora in vigore quell’articolo 47 della Costituzione italiana, che recita più o meno
LA REPUBBLICA INCORAGGIA E TUTELA IL RISPARMIO ? - Qualcuno saprebbe dirci se...

Microsoft: settimana lavorativa di 4 giorni? PRODUTTIVITA' SALE DEL 40%
Microsoft: settimana lavorativa di 4 giorni? PRODUTTIVITA' SALE DEL 40%

-

L’esperimento è stato fatto nella sede di Tokyo del colosso informatico, e ha riguardato 2.300 dipendenti. La produttività è aumetata del 39,9% e i costi aziendali si sono ridotti
MICROSOFT ECCO IL TEST DELLA SETTIMANA DI LAVORO DA 4 GIORNI - Lavorare meno per...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati