Terrorismo Isis: Roma nel mirino degli estremisti islamici

CROTONE ore 21:07:00 del 04/03/2015 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica, Sociale

Terrorismo Isis: Roma nel mirino degli estremisti islamici

Terrorismo Isis: Roma nel mirino degli estremisti islamici. Ecco la prova

In concomitanza con gli attentati che hanno sconvolto Parigi e la Francia, la minaccia degli islamisti torna a scuotere la Capitale. Dopo la bandiera dello stato islamico piantata in Piazza San Pietro nel magazine ufficiale degli uomini in nero, la città simbolo della cristianità è la protagonista di un video apparso in rete in cui si inneggia alla vendetta per gli insulti ai mussulMani.

La retorica è la stessa dei video pubblicati dal Califfato di Abu Bakr al Baghdadi, ma la firma appare essere diversa: “Isra Media Production”, una sigla nuova anche per gli esperti del settore. Immagini dei campi di addestramento in Medio Oriente e dei raid americani sono intervallati da ricorrenti immagini del Colosseo, Pantheon, Piazza Navona, Fontana di Trevi e ovviamente del Vaticano. Immagini riprese da uno dei tanti video che si vedono sulla rete della Capitale, in particolare uno recentissimo girato con un drone. Poi al minuto 1.14 quello che appare come l‘ennesimo messaggio agli alleati dell’America. Affaritaliani.it ha chiesto ad un analista di questioni mediorientali di verificare l’attendibilità delle immagini e la fonte.

“Verificare l’attendibilità del filmato è difficile – afferma ad Affari Gianmarco Volpe, giornalista dell’agenzia Nova – di certo, non si tratta di una rivendicazione dell’attentato di Parigi da parte dello stato islamico come il titolo del video vorrebbe fare intendere: le immagini non hanno riferimenti all’attacco a Charlie Hebdo. Non ci sono nemmeno indicazioni che mostrano che lo Stato islamico sia effettivamente autore del filmato”.

“Il ricorrere insistente delle immagini di Roma può destare impressione, ma il tema della conquista della capitale italiana è già stato fatto proprio in più occasioni da Abu Bakr al Baghdadi, leader dello Stato islamico e auto-proclamatosi califfo. Per i jihadisti Roma, cuore della cultura e della religione cattolica, è un riferimento di grande valenza simbolica più che un obiettivo concreto. Questo non significa che l’Italia non corra pericoli o che possa abbassare le difese.

Rispetto a paesi come Francia e Gran Bretagna, i numeri dicono che dall’Italia sono partiti meno jihadisti diretti in teatri di guerra come la Siria e l’Iraq. Questo rende più facile il lavoro della nostra intelligence nel tracciarne gli spostamenti. La minaccia dei lupi solitari è però sempre presente, sebbene questi ultimi abbiano spesso una capacità operativa inferiore rispetto a chi, come nel caso degli attentatori di Parigi, ha ricevuto addestramento e accumulato esperienza in un contesto di conflitto”.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!
Mettetevelo in testa: non vi ribellate? ALLORA NON AVETE DIRITTO DI LAMENTARVI!

-

In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo destino semplicemente usando una matita alle urne.
In una democrazia, anche se “presunta”, è il popolo che si costruisce il suo...

Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN
Gli OGM ringraziano: Italia a FAVORE GRAZIE ALLA LORENZIN

-

Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione in Ue di mais geneticamente modificato. E l’Italia ha votato sì. Carnemolla (Federbio) e Greenpeace reagiscono.
Gli Ogm in Europa: gli Stati membri sono stati chiamati a votare l’introduzione...

Siamo sicuri che Papa Francesco e' cattolico?
Siamo sicuri che Papa Francesco e' cattolico?

-

Si è ormai introdotta una crepa nella chiesa italiana: a poco a poco e in modo sempre crescente appare la diversità, fino a essere una vera e propria opposizione, tra cattolici che vogliono ispirarsial Vangelo e cattolici “del campanile”, per i quali la p
Si è ormai introdotta una crepa nella chiesa italiana: a poco a poco e in modo...

Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia
Fango sul M5S disonesto e in MALAFEDE: restano una SPERANZA per l'Italia

-

«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la base grillina è fatta di persone pulite, che non ne possono più di questo sistema».
«Non è ancora una soluzione, per l’Italia, però resta una speranza: perché la...

L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova
L'antifascismo dei centri sociali: video INQUIETANTE del pestaggio militante Forza Nuova

-

Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio nella sua città è stato legato mani e piedi e pestato da antifascisti con il volto coperto, nella centrale via Dante.
Massimo Ursino è il responsabile provinciale di Forza Nuova di Palermo e proprio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati