Tecnologia :ecco perchè le persone sono dipendenti dalla Apple

BOLZANO ore 15:07:00 del 27/01/2015 - Categoria: Curiosità, Denunce, Tecnologia

Tecnologia :ecco perchè le persone sono dipendenti dalla Apple

Tecnologia :ecco perchè le persone sono dipendenti dalla Apple | L’analisi di Italiano Sveglia

Cosa spinge una persona a fare lunghissime code per acquistare un Iphone 6? Ma è chiaro, è il piacere di arrivare primi, il gusto per la competizione che ti porta a brillare come una stella del firmamento! Chi si aggiudica per primo l'Iphone 6, passando una notte sgomitando per pagarlo 900 euro, dimostra incontrovertibilmente il suo primato in idiozia: cervello igienizzato e sbiancato che più bianco non si può tanto che ci puoi anche mangiare dentro. E' sempre una gran bella gara quella della demenza collettiva, sempre molto impegnativa.

A proposito, pare che la Apple stia pensando sempre più seriamente di progettare il prossimo Iphone da impiantare direttamente nel cervello dei clienti più appassionati (in tutto quel vuoto bisogna pure metterci qualcosa e un gingillo di lusso fa cool), molto consigliata una suoneria con la musichetta del pulcino pio o similari a seconda della stagione, acchiappa da morire. Ai primi mille piazzati che lo acquisteranno (trapianto incluso) verrà tatuata in fronte la celebre frase del guru: "stay hungry, stay foolish" un vero imperativo categorico con l'hungry riferito agli operai cinesi che fabbricheranno il costosissimo gingillo nella famosa fabbrica dei suicidi che si è aggiudicata l'appalto lavorando a meno di un euro l' ora per 16 ore al giorno, mentre il foolish ovviamente a tutti i clienti pazzerelloni che beatamente se ne fregano.

Capitolo Steve Jobs. Non è importante cos'ha inventato ma quanto è riuscito a vendere. Il primo iPod consentiva di mettere in tasca tutta la musica di casa quando la gente viaggiava con il Walkman e una valigetta piena di musicasette (attentamente selezionate prima di partire). Quando uscì il primo iPhone fu stupore puro: nessuno aveva mai visto nulla di simile e nemmeno si pensava possibile tecnicamente una cosa del genere. Era una specie di miracolo della Tecnologia. Magari una ditta giapponese aveva già inventato il primo touch, ma vi assicuriamo che nessuno se n'era accorto. Il primo iPad era talmente avanti che non si capiva nemmeno a cosa servisse e perché si dovessero spendere soldi per averlo. Gli articoli di giornale si chiedevano perché mai uno dovesse comprare un iPhone grande che nemmeno telefona. Adesso stanno tutti li a copiare..

Detto questo apprezziamo tantissimo lo spirito di iniziativa che da sempre ha avuto la Apple, ma oggi, nel 2015, i prezzi dei loro apparecchi sono semplicemente esagerati.  Per 800 euro ( il costo di un Iphone 6 ) ci sono degli smartphone di ultima generazione che offrono maggiori caratteristiche tecniche, maggior qualità e soprattutto a metà prezzo. Ed è questo che la gente non capisce. Le persone non capiscono che pagano circa 200-300 euro in più soltanto per la “mela”.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi


-


E' curioso lo slancio umanitario che ha colto d'improvviso la Sinistra italiana...



-


La nuova rete 5G (5a generazione) è da poco diventata realtà, l'azienda di...

Il coraggio di dire CIO' CHE SI PENSA in un mondo di FALSITA'
Il coraggio di dire CIO' CHE SI PENSA in un mondo di FALSITA'

-

Viviamo in un mondo di maschere nel quale è difficile dire quello che si pensa, c’è bisogno di tanto coraggio e spesso si viene etichettati come persone non-comuni, non conformi, fuori dalle regole.
Quello che dovrebbe essere un vantaggio, un pregio, ossia l’essere verità, dire...

GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI
GOVERNO: NUOVA STANGATA SULLE PMI

-

In arrivo un balzello da mezzo miliardo di euro sulle Pmi. Gli imprenditori: “Il governo ha dimenticato le aziende”
Un’altra stangata sulle piccole e medie imprese. Il governo si accanisce ancora...



-


Livorno città della nascita del pci e quindi è naturale che abbia sviluppato il...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati