Tales of Vesperia Definitive Edition: guida

(Genova)ore 13:23:00 del 13/01/2019 - Categoria: , Videogames

Tales of Vesperia Definitive Edition: guida

Più che concentrarci sulla storia, allora, che vede ancora Yuri Lowell e la principessa Estellise come personaggi principali, ci concentreremo sulle motivazioni per cui l’operazione di rimasterizzazione operata da Namco Bandai ha senso.

 

Sì, lo sappiamo cosa state pensando: “un’altra edizione definitiva”, “hanno finito le idee”, “basta remastered”: in parte saremmo anche con voi, perchè, sebbene negli ultimi anni il modo di rimasterizzare sia cambiato (tanto, e in meglio), sul finire di una generazione ci si aspetta sempre qualcosa di nuovo, che apra al futuro.
Eppure Tales of Vesperia Definitive Edition è un’operazione sensata per una serie di motivi, e il risultato finale, pur non strabiliante, permette a milioni di giocatori di cimentarsi con uno dei migliori JRPG della scorsa generazione di console, nonché del franchise di riferimento.

Lowell, Estelle…e Flynn

A parte qualche cutscene rielaborata e una manciata di dialoghi riscritti, per andare incontro ad un pubblico sensibilmente differente da quello di dieci anni fa, il versante narrativo di questa Definitive Edition è rimasto sostanzialmente immutato rispetto alla prima uscita del titolo, che, lo ricordiamo, avvenne su Xbox 360 nel giugno del 2009, quantomeno per quanto riguarda il mercato europeo.


Più che concentrarci sulla storia, allora, che vede ancora Yuri Lowell e la principessa Estellise come personaggi principali, ci concentreremo sulle motivazioni per cui l’operazione di rimasterizzazione operata da Namco Bandai ha senso.
Prima di tutto, i contenuti di questa edizione ricalcano quelli della versione Playstation 3 del titolo, finora confinata al suolo nipponico ed universalmente riconosciuta come la migliore del lotto, per via di una serie di aggiunte che spaziano dal trascurabile (una serie di costumi inediti) all’impattante, come la possibilità di impersonare due personaggi dapprima presenti solo in veste di NPC, quali Flynn Scifo e Patty Fleur.
Soprattutto il primo dei due riveste infatti un ruolo affatto secondario nelle vicende narrate in Tales of Vesperia, e la sua aggiunta al cast si rivela tutt’altro che posticcia, allungando ed arricchendo un manipolo di protagonisti che già si segnalava per essere uno dei migliori nella lunga storia del franchise.

A fronte di un plot tutto sommato telefonato, scandito dal ritmo villaggio – dungeon – villaggio tanto caro ai JRPG più classici, sono la caratterizzazione dei personaggi ed i rapporti che si vengono a creare tra essi a fare della storia raccontata in Tales of Vesperia una delle più meritevoli, lungo le oltre cinquanta ore necessarie per scorgerne i titoli di coda.
Considerando che la versione originaria del gioco era un’esclusiva per la console Microsoft di scorsa generazione, nell’estremo tentativo del colosso di Redmond di ingraziarsi i fan dei giochi di ruolo di matrice nipponica, la pubblicazione multipiattaforma di questa Definitive Edition (peraltro della summenzionata versione Goty apparsa su PS3) consente a schiere di fan vecchi e nuovi di godere del gioco tanto su PC quanto su macchine Sony e Nintendo, ampliando a dismisura il bacino del gioco.
Peraltro, appare chiara la volontà del publisher di sondare le acque in occidente in vista di un probabile (e molto atteso) ritorno del franchise in grande stile.

I Tales sono famosi per gli intrecci che rispettano volutamente gli stereotipi del fantasy e dell'animazione nipponica rivolta agli adolescenti, ma anche per gli stessi standard della serie Tales of Vesperia è effettivamente uno dei Tales più adulti come tematiche e caratterizzazione dei personaggi. Non lasciatevi ingannare dal tratto morbido e curato del sempre ottimo Kosuke Fujishima: i protagonisti sono molto più sfaccettati di quel che sembra. Yuri, in particolare, è uno degli eroi più riusciti di questo franchise. Non ha perso la memoria e non ha un passato tormentato: è un adulto che cerca di fare la cosa giusta in un mondo che lo rende sempre più difficile. In poco tempo, Yuri diventa il punto di riferimento della comitiva, una specie di figura paterna disposta anche a sporcarsi le mani per il bene di tutti, un aspetto che durante la storia arriva a proiettare un'ombra inquietante su un personaggio altrimenti positivo e ottimista.

Il resto del cast è tratteggiato altrettanto bene, al netto di qualche personaggio un po' meno riuscito come Judith. Sono in particolare i più piccoli a stupire, rivelando un grado di maturità insospettabile anche per un Tales, serie che comunque fa spesso leva sulla figura del bambino prodigio, basti pensare a personaggi come Anise in Tales of the Abyss o Genis in Tales of Symphonia. Karol si unisce al gruppo relativamente presto e il suo passaggio da avventuriero petulante a intrepido capogilda è descritto con grande naturalezza. Patty è la sorpresa della Definitive Edition, essendo stata introdotta soltanto nella versione giapponese per PlayStation 3. Non è una forzatura, anzi: gli sceneggiatori hanno riscritto molte scene per integrarla fluidamente nell'avventura, concedendole un ruolo di primaria importanza. Oltre a essere uno spasso da controllare - può cambiare diversi stili di combattimento - Patty è una bambina buffa e matura al tempo stesso, perseguitata dalla fama di un nonno che non ha mai conosciuto. Nella Ardor Vesperia, la gilda fondata da Yuri e Karol, troverà una famiglia disfunzionale quanto affettuosa.

Alla fin fine, Tales of Vesperia è una storia ricca di sentimenti. Non gode di una sceneggiatura rivoluzionaria, intendiamoci, e alcuni snodi narrativi li abbiamo visti e stravisti, ma è scritta molto bene, sferra non pochi colpi bassi in momenti insospettabili e si racconta attraverso dialoghi frizzanti e mai banali. Il merito è anche dell'inedita localizzazione italiana che, pur prendendosi qualche libertà qui e lì, scorre che è un piacere e dà un tocco di personalità in più a molti personaggi. La regia è sufficientemente dinamica, ma bisogna sottolineare che Tales of Vesperia è un titolo della scorsa generazione che in termini di spettacolarità lascia un po' a desiderare; nonostante ciò, i minuziosi dettagli nel modo in cui i personaggi si atteggiano o si muovono durante i dialoghi rimangono un passo avanti rispetto ai Tales più recenti.

 

Autore: Carmine

Notizie di oggi
Assetto Corsa Competizione: recensione
Assetto Corsa Competizione: recensione
(Genova)
-

RECENSIONE ASSETTO CORSA COMPETIZIONE - Assetto Corsa Competizione rappresenta una sfida davvero impegnativa per Kunos Simulazioni.
RECENSIONE ASSETTO CORSA COMPETIZIONE - Assetto Corsa Competizione rappresenta...

Judgment: guida passo passo
Judgment: guida passo passo
(Genova)
-

Invece, con grande sorpresa di tutti gli appassionati della saga, si trattava di Judgment, una nuova proprietà intellettuale che ci metteva nei panni di un avvocato.
  JUDGMENT RECENSIONE - Quando il team Ryu ga Gotoku Studio responsabile della...

Giochi per ragazze android migliori
Giochi per ragazze android migliori
(Genova)
-

GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi dispositivi mobili e sempre più ci ritroviamo a non sapere qual è quella giusta e che possa fare al nostro caso.
GIOCHI PER RAGAZZE ANDROID - Decine di applicazioni nascono ogni giorno suoi...

Anteprima Outer Wilds
Anteprima Outer Wilds
(Genova)
-

La verità è che durante le sessioni iniziali si fa difficoltà ad accettare un evento così traumatico e angosciante come l’apocalisse.
  OUTER WILDS - Outer Wilds è un’esclusiva console Xbox One, di questi tempi...

The Elder Scrolls Online Elsweyr: guida
The Elder Scrolls Online Elsweyr: guida
(Genova)
-

Non nemici di contorno, bensì veri e propri protagonisti indiscussi, anche della Trial Sunspire, ossia una sfida molto particolare destinata solo ai più esperti e affrontabile fino a un massimo di 12 giocatori contemporaneamente.
  THE ELDER SCROLLS ONLINE ELSWEYR RECENSIONE - Per chi no lo ricordasse, TES:...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati