Studi umanistici? Viva la Cultura, MA RESTERAI DISOCCUPATO!

(Firenze)ore 16:18:00 del 18/03/2017 - Categoria: , Cultura, Lavoro

Studi umanistici? Viva la Cultura, MA RESTERAI DISOCCUPATO!

I ragazzi più svegli e intraprendenti si sentono sicuri abbastanza da buttarsi su Ingegneria, Matematica, Fisica, Finanza. Studi difficili e competitivi. Ma chi li completa avrà opportunità maggiori, in Italia o all’estero

Primo: se scegli l’università sbagliata trovi lavoro più difficilmente.

I ragazzi più svegli e intraprendenti si sentono sicuri abbastanza da buttarsi su Ingegneria, Matematica, Fisica, Finanza. Studi difficili e competitivi. Ma chi li completa avrà opportunità maggiori, in Italia o all’estero. Un paper del centro studi CEPS, firmato da Miroslav BeblavýSophie Lehouelleur Ilaria Maselli ha calcolato il valore attualizzato delle lauree, tenendo conto anche del costo opportunità (gli stipendi a cui rinuncio mentre studio invece di lavorare) delle diverse facoltà nei principali Paesi europei.

“L’inserimento nel mercato del lavoro è più difficile per i laureati, sia di I che di II livello, nei gruppi Letterario e Geo-biologico. Lavora infatti il 61,7% dei laureati di I livello e il 73,4% di quelli di II livello del gruppo Letterario, il 58,6% dei laureati di I livello e il 76,5% di quelli di II livello del gruppo Geo-biologico. Critica è anche la situazione dei laureati di I livello nel gruppo Psicologico (lavora il 54,4%) e dei laureati di II livello nel gruppo Giuridico (lavora il 67,6%)”.

Secondo: ci sono lauree che non interessano a chi deve pagarti lo stipendio.

“Il 64,2% dei laureati di I livello e il 74,9% dei laureati di II livello dichiarano che la laurea era espressamente richiesta per accedere all’attività lavorativa mentre è stata utile rispettivamente nel 23,8% e 17,8% dei casi. La laurea sembra non premiare chi l’ha conseguita nei gruppi Letterario e Politico-sociale, dal momento che per l’attività lavorativa svolta non era richiesta e non è stata nemmeno utile”.

Magari chi ha fatto scienze della comunicazione o filosofia si sente comunque appagato, perché ha sviluppato la propria personalità, cultura e flessibilità mentale. Ma dal punto di vista professionale sembra decisamente scontento.

“Relativamente ad alcuni aspetti del lavoro svolto, i laureati di I e II livello esprimono livelli di soddisfazione analoghi. La soddisfazione è più alta riguardo al grado di autonomia e alle mansioni assegnate (7,7 e 7,6 punti rispettivamente), e più bassa per le possibilità di carriera e il trattamento economico (5,8 e 6,0 punti). I laureati di I livello nei gruppi Letterario e Psicologico manifestano su tutti gli aspetti i livelli di soddisfazione più bassi, il contrario si verifica per quelli del gruppo Difesa e sicurezza (9,2 per le prospettive di stabilità e 8,7 per il grado di autonomia)”.

La morale resta la stessa di un anno fa: se all’università chiedete di aiutarvi a entrare nel mercato del lavoro e se pensate all’istruzione come la garanzia per raggiungere un lavoro stabile e un reddito che vi garantisca indipendenza, state lontani dalle facoltà che sfornano disoccupati.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Hai intenzione di aprire una Partita Iva? QUESTA E' UNA LETTERA PER TE..
Hai intenzione di aprire una Partita Iva? QUESTA E' UNA LETTERA PER TE..
(Firenze)
-

Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire la Partita Iva e a lanciarsi in attività imprenditoriali autonome in Italia.
Una interessantissima lettera che “mette in guardia” i giovani decisi a aprire...

Sei uno schiavo da lavoro se.....
Sei uno schiavo da lavoro se.....
(Firenze)
-

Come esiste una dipendenza dalla droghe, dal sesso, dai dolci, dall'alcool e da tante altre cose, ne esiste una anche dal lavoro e questa dipendenza coinvolge milioni di persone che spesso però non ne conoscono la natura.
Come esiste una dipendenza dalla droghe, dal sesso, dai dolci, dall'alcool e da...

Con tutte le tecnologia dovremmo lavorare solo 4 ore al giorno: CHI HA INFRANTO IL NOSTRO SOGNO?
Con tutte le tecnologia dovremmo lavorare solo 4 ore al giorno: CHI HA INFRANTO IL NOSTRO SOGNO?
(Firenze)
-

Nel 1930, John Maynard Keynes aveva previsto che entro la fine del secolo la tecnologia avrebbe fatto progressi sufficienti da permettere a paesi come la Gran Bretagna o gli Stati Uniti di ridurre la settimana lavorativa a 15 ore.
Nel 1930, John Maynard Keynes aveva previsto che entro la fine del secolo la...

Puoi vivere con meno di quanto pensi: NON BUTTARE ORE DELLA TUA VITA
Puoi vivere con meno di quanto pensi: NON BUTTARE ORE DELLA TUA VITA
(Firenze)
-

Rifiutare il dominio del consumismo nella vita di ogni giorno, scegliere di non essere schiavi del lavoro, riscoprire l’agricoltura contadina coltivando un orto, creare relazioni solidali per lasciare spazio ad autoproduzioni e scambi
Rifiutare il dominio del consumismo nella vita di ogni giorno, scegliere di non...

Straordinari anticostituzionali, lavoro GRATIS legalizzato, salari MINIMI: ITALIANO...SVEGLIAAA!
Straordinari anticostituzionali, lavoro GRATIS legalizzato, salari MINIMI: ITALIANO...SVEGLIAAA!
(Firenze)
-

LEGGI QUESTO ARTICOLO E RIPETI INSIEME A NOI: “SONO UNA PERSONA LIBERA”….
LEGGI QUESTO ARTICOLO E RIPETI INSIEME A NOI: “SONO UNA PERSONA LIBERA”…. -...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati