Staff di Sala: la vergogna continua

(Milano)ore 08:31:00 del 01/11/2016 - Categoria: Denunce, Politica

Staff di Sala: la vergogna continua

Veniamo ora al confronto con il predecessore Pisapia, quello che fa da scintilla alle polemiche: “Un sindaco può scegliere i suoi collaboratori esterni ma solo quando non ci sono professionalità interne – accusa Gianluca Comazzi, capogruppo in consiglio c

Sono professionisti ..mica metalmeccanici..come i politici che da 30 anni ci governano ..veri e propri professionisti.....e il M5S gli vuole tagliare gli stipendi....indennità e pensioni d'oro....provate ad immaginare se non avessimo avuto questi "onorevoli deputati" a guidare l'Italia...qualche esempio: le famiglie si sono arricchite...i ristoranti sono pieni e non si trova posto...pensioni d'oro..stipendi alle stelle..disoccupazione vicino allo zero...gli imprenditori non trovano lavoratori e chiedono mano d'opera dall'estero... la scuola ..un'eccellenza cosi come la Sanita'..ecc..ecc.. ma siamo proprio dei GUFI...

E veniamo ora al confronto con il predecessore Pisapia, quello che fa da scintilla alle polemiche: “Un sindaco può scegliere i suoi collaboratori esterni ma solo quando non ci sono professionalità interne – accusa Gianluca Comazzi, capogruppo in consiglio comunale di Forza Italia – e invece ora si spendono quasi tre milioni di euro, uno più di prima”. Gap che gli uffici del comune sostengono vada ridotto a 600mila euro: “Nel 2015 risultavano assunte dalla giunta Pisapia 48 persone per un totale dei compensi di 1.961.390 euro – si legge in una nota- a queste vanno aggiunte le figure di portavoce del sindaco, capo ufficio stampa e vice capo ufficio stampa (assunti con incarichi di collaborazione) i cui compensi ammontavano a 336.132 euro. Per un totale, quindi di 2.297.522 euro”.

E non finisce qui, perché il salto da Expo a Palazzo Marino, passando per la campagna elettorale, l’hanno fatto pure Roberto Arditti e Marco Pogliani, entrati a Palazzo Marino grazie a due selezioni con procedura comparativa, il primo per “fornire supporto al sindaco nella gestione dei rapporti di natura politico-amministrativa con gli interlocutori istituzionali esterni all’amministrazione comunale”, il secondo per “fornire supporto al sindaco per attuare un’azione di governance centrale e strategica della comunicazione, finalizzata ad affermare il programma di governo della città”: i loro 60mila euro lordi a testa di costo si aggiungono dunque ai 2,8 milioni di spesa annuale per gli articoli 90 e 110. Sempre sui temi Expo, ma all’interno del gabinetto di Pisapia, aveva lavorato Gianni Confalonieri, che oggi segue per Sala le relazioni istituzionali di Palazzo Marino (assunto con articolo 90 per 162.671 euro all’anno).

Solo che a questo punto, con analoga argomentazione, ai 2,8 milioni di Sala andrebbero aggiunti i già citati contratti ad Arditti e Pogliani. C’è poi un rischio: che i costi per lo staff dell’attuale giunta salgano ancora, come fa notare l’ex presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo: “Bisogna vedere a che data fanno riferimento i numeri diffusi ora. Perché ci sono ancora bandi aperti per altre otto o nove assunzioni”.

 

Che siano un milione di euro, come accusano le opposizioni, o 600mila euro, come replicano dal comune, il dato rimane. Con i suoi 2,8 milioni all’anno, Giuseppe Sala supera Giuliano Pisapia in fatto di costi per lo staff. In tutto sono 55 le nuove assunzioni già effettuate da sindaco e assessori attraverso gli articoli 90 e 110 del testo unico degli enti locali: incarichi fiduciari a tempo determinato affidati per chiamata diretta. Tra questi spiccano i compensi di uomini e donne che Sala s’è portato dietro dalla campagna elettorale, come il capo di gabinetto Mario Vanni(194.400 euro all’anno) e la responsabile delle relazioni con la città Valentina Morelli (84.930 euro all’anno). O le figure arrivate da Expo, come il portavoce Stefano Gallizzi che ricopriva lo stesso ruolo anche ai tempi dell’esposizione universale (144.451 euro)

 

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
Insulti alla Boldrini? E chi tutela gli italiani dalla MALAPOLITICA?
(Milano)
-

Ci si dovrebbe anche domandare del perchè i politici siano odiati al punto di dover girare con una scorta armata per non farsi linciare dalla gente comune. Pertini girava per strada da solo, lui e la sua pipa, senza temere niente e nessuno. Anche questo d
Certo l'offesa non è bella ne da ricevere ne tantomeno da scrivere ma è...

Epatite E: ecco cosa non vi dicono sulla Carne di Maiale
Epatite E: ecco cosa non vi dicono sulla Carne di Maiale
(Milano)
-

Segnalati oltre 21 mila casi di epatite E in 10 anni, derivanti dal consumo di carne di maiale. Come comportarsi
Segnalati oltre 21 mila casi di epatite E in 10 anni, derivanti dal consumo di...

La Cannabis non ha MAI ucciso nessuno, anzi....
La Cannabis non ha MAI ucciso nessuno, anzi....
(Milano)
-

Le cose legali sono vietate (vedi anche la pillola del giorgiorno dopo) quelle illegali le praticano anche i bambini e le casalinghe (per non parlare dell'onesta classe politica dei mafiosi ed eccellenze elencando)
In questo paese terzomondista, proprietà esclusiva del Vaticano, è impossibile...

Pignorata la Santanche'! La donna del...FARE!
Pignorata la Santanche'! La donna del...FARE!
(Milano)
-

La pitonessa ha imparato bene come fare affari, sin dalle lontane sue origini: purtroppo questi personaggi , sempre osannati nelle TV pubbliche e private, andrebbero collocati nei loro ambiti ideali( lobbies e salotti bene) e andrebbero favoriti quei giov
La pitonessa ha imparato bene come fare affari, sin dalle lontane sue origini:...

Chi finanzia il M5S?
Chi finanzia il M5S?
(Milano)
-

Trasparenza, questa sconosciuta. Il MoVimento 5 Stelle, la forza politica che ha conquistato il consenso di più di un quarto dell’elettorato italiano promettendo di trasformare le istituzioni in una casa di vetro, predica bene e razzola male
TRASPARENZA, QUESTA SCONOSCIUTA. IL MOVIMENTO 5 STELLE, LA FORZA POLITICA CHE HA...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati