SPEGNI LA TV E NON AVRAI PIU BISOGNO DI ANTIDEPRESSIVI!

(Bologna)ore 10:39:00 del 02/09/2016 - Categoria: Curiosità, Salute

SPEGNI LA TV E NON AVRAI PIU BISOGNO DI ANTIDEPRESSIVI!

Le statistiche ufficiali, sia pure addomesticate (ampiamente sottostimate) segnalano ilgigantesco aumento dell’uso di farmaci e psicofarmaci, somministrati anche ai bambini (alla voce Ritalin e derivati).

Le statistiche ufficiali, sia pure addomesticate (ampiamente sottostimate) segnalano ilgigantesco aumento dell’uso di farmaci e psicofarmaci, somministrati anche ai bambini (alla voce Ritalin e derivati). Insomma, uso e abuso. Un fenomeno che il sociologo Ivan Illich, aveva definito già nel 1976, “nemesi medica”: l’espropriazione della salute

Secondo Illich la crisi planetaria ha le sue radici nel fallimento dell’impresa moderna: ossia nella sostituzione della macchina all’essere umano.
Allora, colpiscono soprattutto i mali dell’anima: chi li provoca, chi li amplifica e chi ne guadagna in soldoni? Chi trae profitti economici stellari dal malessere generale? Ovvio: Big Pharma. Ad esempio multinazionali famigerate e senza scrupoli come laPfizer, che l’anno scorso ha fatturato 70 miliardi di dollari. Ormai il sistema The Corporation controlla e manipola Stati e Nazioni.

Secondo l’Aifa, l’Agenzia italiana del Farmaco, l’acquisto degli antidepressivi in Italia è aumentato  dal 2004 del 4,5 per cento all’anno. Per il Censis, che ha assemblato i dati delle Aziende sanitarie locali nel periodo 2001-2009, gli aumenti sono stati del 114 per cento. Il Consiglio nazionale delle ricerche – nel 2011 – ha calcolato che usano tranquillanti e ansiolitici 5 milioni di italiani (di cui, più di 3 milioni donne), 4 milioni i sonniferi e 2,2 gli antidepressivi. Non è tutto: uno studio dell’Osmed ha classificato gli psicofarmaci al terzo posto tra i farmaci più venduti dopo quelli cardiovascolari e gastrointestinali. Per la cronaca: secondo l’Osservatorio europeo sulle Droghe e Tossicodipendenze appunto gli psicofarmaci rappresentano la “terza causa di incidenti stradali dopo alcol e cannabis”. Infine, un rapporto di Osservasalute del 2009 ha attestato di un aumento dei consumi di antidepressivi dal 2000 al 2008 del 310 per cento.

Queste statistiche, per quanto drammatiche, non sono aggiornate, e quindi, la situazione è ben peggiore, come rilevano gli ultimi rapporti di Osmed e Osservasalute del 2013. La crisi economica (ovvero, un’aggressione speculativa internazionale ai danni dell’Italia, consentita dai burattini governativi e parlamentari) c’entra molto relativamente. C’è ben altro da prendere in considerazione.

La scala dei valori è sovvertita, in alto dominano il successo, la competizione, l’apparenza, il mito del benessere, della ricchezza esclusivamente materiale: imperativi categorici martellati ossessivamente giorno e notte. Le opportunità sono esclusivamente per chi comanda il gioco, agli altri – la maggioranza degli esclusi – non rimane che scannarsi per le briciole. Probabilmente da qui scaturisce il disagio, perchè viene fatto intravedere il miraggio che però non verrà mai raggiunto; qualcuno si illuderà di sfiorarlo ma avrà paura di perdere anche l’illusione. Il problema è che si vive una vita sempre più artificiale, sprecata a rincorrere il nulla. Ma per fortuna è terminata l’ubriacatura generalizzata da benessere illimitato. La crisi non è solo del lavoro o dell’economia, qualsiasi aspetto dell’esistenza umana è in crisi. Ma la crisi, alla radice vuol dire momento di svolta, di risoluzione.

E’ segno dell’ idiozia sub-umana quello di sperare di curare i mali dell’anima con droghe sintetiche. E per giunta, prodotte da multinazionali senza scrupoli. Si è spesso depressi , forse perché non si assomiglia neanche per sbaglio ai modelli di successo proposti dai media mainstream. Basta prendere coscienza del problema e spegnere la televisione. La tv non è un innocente passatempo, come crede la gente, è la più subdola forma di condizionamento che esista. La depressione viene artificialmente indotta. Uscire dal tunnel televisivo non è facile, ma si può fare, ma non di certo con le pastiglie colorate o con gli psichiatri che annientano la libertà delle persone. In soldoni, ci inzuppano il biscotto in parecchi: è in gioco un enorme e indotto complesso di inferiorità collettivo. Potete anche guardare la tv, contando i secondi ed essendo coscienti che vi state drogando, che i vostri pensieri vengono alterati ed indirizzati per il benessere di altri, non il vostro. Spegnete la tv e non avrete bisogno di pastiglie o camici bianchi.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
(Bologna)
-

Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai supermercati di alcuni lotti di acqua minerale in bottiglia perchè contaminata da Pseudomonas aeruginosa.
Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai...

Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
(Bologna)
-

I teorici di cospirazione sono convinti che un mondo alieno, noto come Nibiru o Pianeta X, sta attraversando lo spazio e sta puntando verso la Terra.
Questo è un articolo che abbiamo trovato in rete, in fondo trovate la fonte...

Una pausa nella dieta puo' aiutare a perdere peso
Una pausa nella dieta puo' aiutare a perdere peso
(Bologna)
-

Prendersi una pausa dalla dieta può aiutare a perdere peso. Più che i regimi dietetici continuativi funzionano quelli in qualche modo intermittenti, dove per qualche periodo si interrompe la rigidità imposta dalla cura dimagrante, pur senza strafare
Prendersi una pausa dalla dieta può aiutare a perdere peso. Più che i regimi...

I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde
I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde
(Bologna)
-

COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse – anche se dipende dai punti di vista – ma di sicuro uno dei più insopportabili, quando ci si trova dalla parte di chi lo subisce.
COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse...

91 Americani morti AL GIORNO per overdose da Antidolorifici!
91 Americani morti AL GIORNO per overdose da Antidolorifici!
(Bologna)
-

E’ ormai la prima causa di morte per gli americani sotto i 50 anni, quindi in età produttiva: 91 americani muoiono ogni giorno per overdose da Fentanyl, un oppioide sintetico, antidolorifico, che crea forte dipendenza.
E’ ormai la prima causa di morte per gli americani sotto i 50 anni, quindi in...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati