Società senza un fine: il lavoro rende liberi o schiavi?

TREVISO ore 12:41:00 del 13/02/2015 - Categoria: Lavoro

Società senza un fine: il lavoro rende liberi o schiavi?

Società senza un fine: il lavoro rende liberi o schiavi? Secondo noi il lavoro come viene inteso oggi non ci rende liberi come una volta

Il lavoro come viene inteso oggi è schiavitù, non è che renda liberi o schiavi, è pura schiavitù, perchè quando una persona è costretta entro orari e condizioni a svolgere un lavoro che non piace per ore ed ore, per ricevere alla fine il contentino del salario, questo non è lavoro, è schiavitù, che uno sia costretto o meno non importa. Il lavoro autentico invece è creazione e quindi espressione di sè e quindi libertà, ma oramai il lavoro inteso come creazione è raro, perchè i più sono costretti dalla necessità a lavorare.

D'altra parte lo stesso Nietzsche diceva che chi non dispone dei due terzi della propria giornata è uno schiavo, indipendentemente da ciò che faccia, se sia un operaio, o un professore, o un politico. Ma non è solo il povero che lavora come uno schiavo, ma anche il ricco, infatti il ricco come il povero lavora per soldi, mentre il lavoratore è libero, creativo quando non lo si fa per soldi, ma per passione, per esprimere se stessi,..qualsiasi cosa sia,..lo scrivere un libro,il comporre una poesia,piantare un seme,pensare,ecc....la maggior parte della gente oggi è schiava senza saperlo.

La migliore definizione del Lavoro Astratto, dopo quella di Marx, è stata data da John Maynard Keynes, anche se senza intento critico, quando diceva che, da un punto di vista dell’economia nazionale, scavare buche e poi riempirle è un’attività del tutto sensata. Come conseguenza, il Lavoro non rende nè schiavi nè liberi, ma aliena il lavoratore dall' essenza sociale del Lavoro stesso. In parole semplici, il Lavoratore non sa - non si rende conto - a cosa serve in REALTA' il suo lavoro, ma è costretto a farsene un 'idea falsa per non impazzire.

Il lavoro dovrebbe essere scandito dai ritmi della natura, in caso contrario è un paradigma di schiavitù. Dovrebbero esistere agricoltori, pescatori e allevatori qualsiasi altro lavoro che ci porti al perseguimento sfrenato del profitto ci rende ricattabili al denaro e quindi schiavi di questo. Non si tratta però solo di lavoro, si tratta di sistema economico, quello con cui dobbiamo convivere è deleterio alla natura umana per questo fare l allevatore, perseguendo il solo sostentamento familiare, non è ad oggi una soluzione al nostro personale modello di vita

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Lavorare in Estate, patire le PENE DELL'INFERNO in FABBRICA
Lavorare in Estate, patire le PENE DELL'INFERNO in FABBRICA

-

NON TUTTI HANNO LA FORTUNA DI PASSARE L'ESTATE ALL'INTERNO DI UN UFFICIO CONDIZIONATO, DOVE L'ARIA GIRA FRESCA TUTTO IL GIORNO. 
NON TUTTI HANNO LA FORTUNA DI PASSARE L'ESTATE ALL'INTERNO DI UN UFFICIO...



-


Insomma "fatta la legge, trovato l'inganno"! Ma quegli imbecilli dei nostri...

Fermati, riposati: LAVORARE TROPPO TI UCCIDE
Fermati, riposati: LAVORARE TROPPO TI UCCIDE

-

Viviamo all’interno di una società supertecnologica e sconfitta allo stesso tempo, dove il lavoro è diventato il motore dell’economia globale.
Lavorare troppo nuoce alla salute Nella società capitalista il lavoro è la...

CAMPI PROFUGHI PER ITALIANI: cittadini che HANNO PERSO TUTTO per colpa di uno STATO CRIMINALE
CAMPI PROFUGHI PER ITALIANI: cittadini che HANNO PERSO TUTTO per colpa di uno STATO CRIMINALE

-

Era il 2015 quando il primo campo profughi per italiani a Roma attirò l'attenzione della politica sul crescente fenomeno di indigenza tra i cittadini della Capitale.
IL TRICOLORE SVENTOLA SUI CAMPI PROFUGHI – QUELLI DI ROMA SONO OCCUPATI DA...



-


"E' domenica e mi sono concesso dieci minuti per fare due calcoli. Gli studenti...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati