Smartphone come la droga: e' una dipendenza a tutti gli effetti!

(Perugia)ore 23:36:00 del 14/04/2017 - Categoria: , Tecnologia

Smartphone come la droga: e' una dipendenza a tutti gli effetti!

Che l'uso del cellulare stesse prendendo il sopravvento forse era chiaro alla maggior parte di noi, ma il numero di volte in cui durante il giorno tocchiamo lo smartphone è impressionante: 2.617 per un totale di cinque ore al giorno trascorre tra giochi e

Che l'uso del cellulare stesse prendendo il sopravvento forse era chiaro alla maggior parte di noi, ma il numero di volte in cui durante il giorno tocchiamo lo smartphone è impressionante: 2.617 per un totale di cinque ore al giorno trascorre tra giochi e social network.

I dati eleborati dalla società americana Dscount's non lasciano presagire nulla di buono. Inoltr dalle statistiche Istat emerge che neanche in macchina gli italiani riescono a rinunciare allo smartphone con 4 incidenti gravi su 5 causati proprio dall'uso del cellulare alla guida. "I social rilasciano dopamina, come l'alcool, il fumo, le scommesse: perciò esistono limiti di età per alcool, fumo e scommesse", afferma l'antropologo Simon Sinek in un'intervista su Youtube con più di 6 milioni di visualizzazioni. Come riporta Il Fatto Quotidiano, gli esperti temono si vada verso una colossale dipendenza da internet e, già oggi, alcune persone esagerano nell'utilizzo del cellulare, arrivando anche a perdere il lavoro e la famiglia.

Nel febbraio 2017, Gianmarco Simoncini, laureato in psicologia con una tesi sulla dipendenza da Facebook, ha aperto un punto di ascolto a Empoli per ragazzi che abusano di internet, e al Fatto ha spiegato che la prova per capire quando si è oltrepassato il segno è la solitudine di chi con amici e ragazze preferisce parlare solo online. A quel punto il percorso per riprendere in mano la propria vita è lungo e doloroso, come racconta Claudio, ragazzo di 21 anni, che è finalmente uscito dalla sua dipendenza da un gioco online.

Dipendente da un gioco online

"Giocavo anche di notte, fino a 18 ore al giorno, se smettevo era per parlare di Dofus - racconta Claudio - Giocavamo in gruppo e ci sentivamo speciali. Era un'emozione fortissima. Avevamo obiettivi e strategie comuni, un ruolo e un compito ciascuno. Io scagliavo freccie magiche o ghiacciate: facevo sempre la mossa giusta. Mi sentivo utile e importante. L'unione mentale era incredibile, non desideravo altro: a malincuore, ammetto che le relazioni umane non mi interessavano". Il 21enne è riuscito a uscire dalla dipendenza grazie ai propri genitori che, con pazienza, hanno cercato di fargli capire che il suo comportamento rappresentava una malattia.

Da: QUI

Autore: Sasha

Notizie di oggi
MarketPlace di Facebook arriva in Italia: come funziona
MarketPlace di Facebook arriva in Italia: come funziona
(Perugia)
-

«Rendere il mondo più connesso». Anche per diventare un punto di riferimento per il commercio elettronico.
«Rendere il mondo più connesso». Anche per diventare un punto di riferimento per...

Migliori app per fare palestra
Migliori app per fare palestra
(Perugia)
-

Quando si parla di fitness tutti concordano sul fatto che esso, attraverso l'esercizio di una costante e corretta attività fisica, offre uno stile di vita salutare e dinamico che, indubbiamente, aiuta a migliorare sia l'aspetto fisico esteriore (contribue
Quando si parla di fitness tutti concordano sul fatto che esso, attraverso...

Ecco le dritte per far durare tantissimo la batteria degli smartphone!
Ecco le dritte per far durare tantissimo la batteria degli smartphone!
(Perugia)
-

Con schermi sempre più grandi e una crescente richiesta di potenza, la batteria è diventata una delle caratteristiche più importanti per ogni smartphone moderno, oltre che per tablet e portatili.
Con schermi sempre più grandi e una crescente richiesta di potenza, la batteria...


(Perugia)
-


Dopo tante indiscrezioni la "Facebook Tv" arriva davvero. Il social network da...

Submelius, occhio al nuovo virus in Italia
Submelius, occhio al nuovo virus in Italia
(Perugia)
-

Gli utenti italiani sono sotto attacco hacker. Ma non si tratta di virus pericolosi come WannaCry o Petya, i due ransomware (il virus del riscatto che cripta i dati del computer e chiede dei soldi all’utente per sbloccare l’accesso ai documenti) che hanno
Gli utenti italiani sono sotto attacco hacker. Ma non si tratta di virus...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati