Siena, guida turistica

(Siena)ore 21:20:00 del 03/02/2017 - Categoria: , Luoghi da visitare

Siena, guida turistica

La Piazza ha una conformazione a conchiglia ed cinta tra il maestoso Palazzo Comunale affianco a cui si erge la Torre del Mangia e Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione MPS.

COSA VEDERE A SIENA -È una terra che incanta. Una terra di colline e colori che rapisce, dove anche i dettagli sono protagonisti di una scena unica ed irripetibile. Cuore di una terra così emozionante, capitale di quest’angolo di Toscana, è Siena, città-museo dove il medioevo è protagonista. I suoi edifici storici, l’intrico dei suoi vicoli, le sue strade lastricate in pietra, le fonti e le caratteristiche piazzette rendono questa città unica.Ideale visitarla in occasione del Palio del 2 luglio o del 16 agosto, per respirarne le tradizioni ed apprezzare la vita di un tempo che torna a pulsare nel presente.  

COSA VEDERE A SIENA -Sicuramente tra i luoghi di interesse più belli e popolari di Siena vi è la celebre Piazza del Campo, la piazza in cui, per due volte l’anno (il 2 Luglio e il 16 Agosto), si sfidano le Contrade nel famoso Palio. La Piazza ha una conformazione a conchiglia ed cinta tra il maestoso Palazzo Comunale affianco a cui si erge la Torre del Mangia e Palazzo Sansedoni, sede della Fondazione MPS. Per chi riuscisse a visitare Siena in prossimità dei giorni del Palio (cosa non molto semplice a causa del pieno di prenotazioni che gli alberghi ricevono in prossimità del Palio) potrà tornare indietro nel tempo ammirando una città che si trasforma per COSA VEDERE A SIENA -l’evento ad una rappresentazione medioevale vivente.

La Torre del Mangia permette, alla sua estremità, di poter godere di un panorama mozzafiato su tutta la città e la campagna senese. Si accede alla Torre dal Palazzo Comunale e il costo per una visita della Torre è di circa 7 euro, mentre per i bambini il prezzo del biglietto di entrata è ridotto o nullo a seconda dell’età.

Da visitare anche la Rocca Salimbeni ubicata al centro del corso principale di Siena (Banchi di Sopra) sede della più antica banca del mondo: la Banca Monte dei Paschi di Siena.  L’accesso al Palazzo, però, richiede una specifica prenotazione che permetterà al visitatore di godere di una visita guidata (gratuita) nei musei sotterranei della banca.  L’accesso, invece, non richiede una prenotazione nei giorni in prossimità del Palio quando la Sede resta aperta in occasione dell’evento ed è liberamente visitabile da tutti.

Una tappa obbligatoria per chi visita Siena è sicuramente il Duomo di Siena. Da pochi mesi, la facciata del Duomo è visibile in tutto il suo splendore dopo un lungo restauro durato alcuni anni. Anche l’accesso al Duomo comporta il pagamento di un biglietto di ingresso; l’architettura dell’edificio, le colonne in marmo e gli affreschi rievocano lo stile rinascimentale di Firenze, sotto cui Siena era assoggettata nel periodo medioevale

Dall’esterno del Duomo si accede al museo di Santa Caterina e alla scala in marmo in cui la leggenda vuole che Santa Caterina scivolò e dall’incidente subì la frattura che la portò alla morte; lo scalino esatto è contrassegnato da una stella dorata ben visibile

Di particolare splendore è anche la Basilica di San Domenico situata nell’omonimo quartiere; la Basilica è, di solito, la prima tappa del tour cittadino organizzato dalle guide turistiche dal momento che l’edificio è poco distante dal parcheggio riservato agli autobus turistici. Nella Basilica sono tenute le spoglie di Santa Caterina di Siena, protettrice d’Italia.

Nella parte occidentale della città si può visitare la maestosa Fortezza Medicea; le mura di cinta della Fortezza offrono una visuale a 360° del centro città e nel suo atrio è possibile bere un classico chianti o un Brunello di Montalcino nelle vinerie collocate all’interno della struttura ed incontrare studenti e giovani pittori che usano il luogo come punto di ritrovo

Nella parte sud della città, immediatamente dietro Piazza del Campo, ci sono i bellissimi giardini conosciuti col nome di Orto de’ Pecci, un luogo che offre una bellissima visuale dei luoghi sottostanti la collinetta e che in estate è meta di numerosi artisti che hanno la possibilità di scattare foto uniche. Il Teatro di Santa Maria della Scala ospita, ogni anno, importanti rassegne musicali patrocinate dall’Accademia Chigiana tra cui soprattutto il Siena Jazz Festival.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Cosa vedere Ratisbona
Cosa vedere Ratisbona
(Siena)
-

La città, 154.000 abitanti, sorge nella parte centrale della Baviera, nell’alto corso del Danubio presso la confluenza con il suo affluente Regen.
COSA VEDERE RATISBONA - Ratisbona, Regensburg (“fortezza sul Regen”) è il più...

Cosa vedere Dusseldorf
Cosa vedere Dusseldorf
(Siena)
-

Nonostante non sia una delle principali mete turistiche della Germania, vale veramente la pena di passare una giornata nella cittadina nel nord ovest della Germania, a poco più di due ore da Amsterdam e Bruxelles.
COSA VEDERE DUSSELDORF - Qualcuno ti ha mai parlato del suo viaggio a...

Cosa vedere Magonza
Cosa vedere Magonza
(Siena)
-

COSA VEDERE MAGONZA -Questa cittadina tedesca è sede di una delle più importanti università nazionali.
COSA VEDERE MAGONZA - I paesaggi della valle del Reno sono il corollario nel...

Cosa vedere Monaco di Baviera
Cosa vedere Monaco di Baviera
(Siena)
-

Costruito nel 1972 in occasione dei Giochi Olimpici di Monaco (quelli dell’attentato terroristico ad opera del gruppo Settembre Nero), questo parco nonostante siano passati oltre 40 anni, mostra ancora un’architettura moderna e le sue strutture ospitano s
COSA VEDERE MONACO DI BAVIERA - La Germania è uno dei posti meno visitati e meno...

Cosa visitare
Cosa visitare
(Siena)
-

COSA VEDERE STOCCARDA - E’ pur vero che dire Stoccarda significa dire Mercedes e Porsche: due i musei tematici legati ai prestigiosi marchi, una meta da mettere in programma soprattutto se con voi ci sono appassionati di motori ed affini.
COSA VEDERE STOCCARDA - Mai pensato di fare un city-break a Stoccarda e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati