SENSAZIONE che la strada di ritorno E' SEMPRE PIU' BREVE? ECCO IL PERCHE'

(Palermo)ore 17:14:00 del 06/05/2017 - Categoria: , Curiosità, Editoria, Motori

SENSAZIONE che la strada di ritorno E' SEMPRE PIU' BREVE? ECCO IL PERCHE'

SPESSO QUANDO RIENTRIAMO DA UN VIAGGIO PROVIAMO LA SENSAZIONE CHE LA STRADA DI RITORNO SIA PIÙ BREVE.TALE SENSAZIONE SI CHIAMA “RETURN TRIP EFFECT”. ECCO PERCHÈ ACCADE.

SPESSO QUANDO RIENTRIAMO DA UN VIAGGIO PROVIAMO LA SENSAZIONE CHE LA STRADA DI RITORNO SIA PIÙ BREVE.TALE SENSAZIONE SI CHIAMA “RETURN TRIP EFFECT”. ECCO PERCHÈ ACCADE.

“All’ andata non si arrivava mai, al ritorno siamo arrivati subito“, è questa per grandi linee la frase che pronunciamo dopo il rientro da un viaggio, manifestando la sensazione che il tragitto di ritorno sia sembrato più breve di quello dell’ andata, pur avendo percorso la stessa strada e quindi gli stessi chilometri.

Molti credono che ciò accade perchè avendo già percorso lo stesso tragitto durante il viaggio di andata, esso è più familiare per il nostro cervello, e quindi al ritorno si ha la sensazione di arrivare prima, ma non è affatto così.

La sensazione di arrivare prima in un posto quando siamo sul tragitto di ritorno è, secondo gli studiosi, una sorta di illusione del nostro cervello, causata da un fenomeno chiamato “return trip effect”, ovvero “effetto da viaggio di ritorno“.

Il return trip effect non dipende dal tragitto stesso, ma dalle aspettative che offre tale tragitto, ed è un vero e proprio scherzo da parte della nostra mente.

Il motivo per cui esso si verifica dipende totalmente dalle nostre aspettative. Ad esempio  quando dobbiamo andare in un posto, sia quando proviamo euforia ed abbiamo talmente voglia di arrivarci, sia quando proviamo ansia e temiamo il momento dell’ arrivo, tendiamo a sottostimare la distanza e, per questo, la nostra percezione del tempo è dilatata, e si ha la sensazione di non arrivare mai.

Ciò dimostra come le nostre attese siano capaci di modificare la percezione del tempo che ogni persona potrebbe avere, come il potere della mente può arrivare a modificare e manipolare anche un lasso temporale che in realtà è immodificabile.

Durante il viaggio di ritorno invece, privi di alcuna aspettativa, il nostro cervello registra un lasso temporale di arrivo che rispecchia maggiormente la realtà del percorso.

Il return trip effect non si verifica invece per i pendolari, ossia coloro che percorrono abitualmente lo stesso tragitto ad esempio per motivi di lavoro. In questo caso, sia all’andata che al ritorno, il nostro cervello, grazie al fattore della ripetizione, ci fornisce una reale percezione del tempo stimato per raggiungere il luogo desiderato.

Da: Jeda

Autore: Sasha

Notizie di oggi
Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
(Palermo)
-

I teorici di cospirazione sono convinti che un mondo alieno, noto come Nibiru o Pianeta X, sta attraversando lo spazio e sta puntando verso la Terra.
Questo è un articolo che abbiamo trovato in rete, in fondo trovate la fonte...

I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde
I segnali per riconoscere l'invidioso che si nasconde
(Palermo)
-

COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse – anche se dipende dai punti di vista – ma di sicuro uno dei più insopportabili, quando ci si trova dalla parte di chi lo subisce.
COME RICONOSCERE UN INVIDIOSO - È uno dei vizi capitali. Non il più odioso forse...

Smettetela di STORPIARE la lingua italiana!
Smettetela di STORPIARE la lingua italiana!
(Palermo)
-

Adesso basta! È assurdo sentire storpiare la lingua italiana tutti i giorni al telegiornale, su programmi di intrattenimento, nelle interviste, ecc.. basta!
Adesso basta! È assurdo sentire storpiare la lingua italiana tutti i giorni al...

Vi ricordate questo cellulare? Costava 2 milioni di lire!!!
Vi ricordate questo cellulare? Costava 2 milioni di lire!!!
(Palermo)
-

Il nuovo iPhone X costerà più di 1.000 euro. Per la precisione, il modello da 64 GB avrà un prezzo di 1.189 euro, mentre quello da 256 GB salirà fino a 1.349 euro.
Il nuovo iPhone X costerà più di 1.000 euro. Per la precisione, il modello da 64...

Se Dio esiste ed e' buono: perche' permette il male?
Se Dio esiste ed e' buono: perche' permette il male?
(Palermo)
-

La piccola chiesa antica crepitava dolcemente sotto la pioggerella marzolina e la sera pigra di un giovedì scendeva sul paesello in collina quando un giovane trentenne vi entrò con soggezione ma fermezza, deciso a trovare risposte.
La piccola chiesa antica crepitava dolcemente sotto la pioggerella marzolina e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati