Sei un tipo da vita sedentaria? Ecco gli effetti DEVASTANTI

(Firenze)ore 22:20:00 del 22/05/2017 - Categoria: , Curiosità, Denunce, Salute

Sei un tipo da vita sedentaria? Ecco gli effetti DEVASTANTI

UNA VITA SEDENTARIA FA AUMENTARE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DI ALTRI SERI PROBLEMI DI SALUTE.INOLTRE RIDUCE DI MOLTO LA VITA.ECCO PERCHÈ

UNA VITA SEDENTARIA FA AUMENTARE IL RISCHIO DI MALATTIE CARDIOVASCOLARI E DI ALTRI SERI PROBLEMI DI SALUTE.INOLTRE RIDUCE DI MOLTO LA VITA.ECCO PERCHÈ

Ci sediamo in auto, in ufficio, a tavola, davanti ad un computer, sul divano ecc, e non ci rendiamo conto di quanto tempo totale al giorno passiamo seduti. Inutile negarlo. Moltissime persone svolgono un lavoro da ufficio e lavorano diverse ore al giorno davanti a uno schermo del pc, altre invece, si trovano a mantenere un uguale stile di vita sedentario per pura scelta. C’è ad esempio chi passa diverse ore al giorno sui social, chi ama guardare la TV e chi passare il tempo davanti a uno schermo per distrarsi con i video-game.

Passare troppe ore seduti, distrugge letteralmente il nostro corpo. Chi passa una media di 6 ore al giorno su una sedia, senza prendere provvedimenti, come quello di fare attività sportiva nel tempo libero ecc, nel giro di 10-20 anni ne risente le conseguenze a livello di salute, e vede ridursi la sua vita di almeno 7 anni.

Una vita sedentaria, oltre a far aumentare il rischio di seri problemi cardiovascolari e di cancro ( specialmente se questa cattiva abitudine è “coltivata” di pari passo a un’alimentazione scorretta e l’uso di nicotina), ha un effetto negativo sul metabolismo, facilitando l’aumento di peso, in particolare sui livelli dell’ ormone dell’ appetito, la liptina.
A pagarne le spese è anche il sistema linfatico, che è controllato dai muscoli delle gambe, i quali, stando sempre seduti, non lavorano abbastanza. Un sistema linfatico che non funziona a dovere non aiuta di certo l’organismo a sopprimere le infezioni, rendendolo soggetto a molte malattie.
Vivere seduti aumenta anche il rischio di osteoporosi

Alcune ricerche stimano che i danni della sedentarietà sono quasi pari a quelli della nicotina. Per quest’ultima viene farta un’informazione massiccia, mentre per la prima no, solo alcuni consigli ogni tanto sull’importanza di fare attività fisica.

Chiedere alle persone di cambiare completamente il proprio stile di vita non è possibile, soprattutto se queste persone sono costrette alla sedentarietà a causa del lavoro, ma di certo è possibile migliorare la situazione introducendo la giusta attività motoria nella giornata.
Ad esempio, un soggetto che svolge un lavoro di ufficio che lo obbliga a stare seduto un minimo di 6 ore, dovrebbe ogni giorno prendere dei provvedimenti per “smaltire” quel tempo, come fare sport, camminare ecc.

Gli esperti suggeriscono di cambiare gradualmente stile di vita, senza relegare l’attività fisica a pochi minuti al giorno. Chi lavora al computer ad esempio dovrebbe sforzarsi di fare una pausa di 3 minuti ogni mezz’ora.

Chi trascorre molte ore al giorno a guardare la televisione potrebbe imporsi di alzarsi ogni volta che c’è una pausa pubblicitaria. Inserendo questi piccoli cambiamenti nelle abitudini quotidiane si riduce senza troppi sacrifici il tempo trascorso stando seduti.

I ricercatori spiegano che in una giornata tipo di 12 ore, per prevenire il rischio di malattie e morte prematura l’ideale sarebbe ridurre di due o tre ore il tempo totale trascorso da seduti. I benefici di uno stile di vita meno sedentario saranno evidenti a breve e a lungo termine, con un notevole miglioramento delle condizioni di salute generali e un minore rischio di malattie gravi.

In una giornata tipo, dovremo passare almeno due ore di tempo in movimento, così da ottenere risultati ottimi sia nell’immediato che nel futuro.

Se abbiamo poco tempo ogni giorno, si può optare comunque per allenarci 30 minuti al giorno, continuando però a fare alcune pause durante le ore di lavoro così da muoversi un po’.Altrimenti, è possibile ad esempio allenarsi più intensamente tre volte a settimana e lasciando che gli altri giorni siano ad esempio le faccende di casa, le scale o altre brevi passeggiate a compensare lo stile di vita sedentario.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Sempre piu' casi di COLPI DI CALORE: come riconoscerli e prevenirli
Sempre piu' casi di COLPI DI CALORE: come riconoscerli e prevenirli
(Firenze)
-

Quando stiamo per molte ore esposte al sole, può capitare che l’aumento improvviso della temperatura corporea possa causare uno stress termico in grado di mettere in crisi i meccanismi deputati alla termoregolazione.
Il termine scientifico è ipertermia, e tecnicamente si tratta di un innalzamento...

Morte Made in Italy in medio oriente: armi e dittature in guerra
Morte Made in Italy in medio oriente: armi e dittature in guerra
(Firenze)
-

Quasi 30 miliardi di dollari, pari a 70 milioni di euro al giorno. E’ la nuova spesa militare dell’Italia (media giornaliera) calcolata dal Sipri di Stoccolma, l’istituto internazionale di ricerche sulla pace: la spesa militare italiana è salita nel 2016
Quasi 30 miliardi di dollari, pari a 70 milioni di euro al giorno. E’ la nuova...

Mafia Capitale, per Buzzi e Carminati NON C'E' Associazione Mafiosa
Mafia Capitale, per Buzzi e Carminati NON C'E' Associazione Mafiosa
(Firenze)
-

Se invece che in romanesco avessero parlato in corleonese sarebbero mafiosi, le minacce non sono diventate atti (allora non sarebbero tali), i politici sono solo intrallazzatori, Carminati in quanto fascista non può essere mafioso(?).
Se invece che in romanesco avessero parlato in corleonese sarebbero mafiosi, le...

Povia denuncia tutti su Rai1: NON MI INVITERANNO PIU', VERO? VIDEO
Povia denuncia tutti su Rai1: NON MI INVITERANNO PIU', VERO? VIDEO
(Firenze)
-

Si può essere d’accordo o meno con le opinioni di Povia ma di certo bisogna riconoscergli un grande coraggio.
Si può essere d’accordo o meno con le opinioni di Povia ma di certo bisogna...

La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
La contaminazione alimentare? A NORMA DI LEGGE!
(Firenze)
-

L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila tonnellate), preceduto solo da Spagna e Francia, mentre siamo il secondo consumatore di fungicidi (oltre 65mila tonnellate utilizzate in un anno).
L’Italia è il terzo consumatore a livello comunitario di pesticidi (130mila...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati