Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

(Firenze)ore 07:17:00 del 24/06/2018 - Categoria: , Curiosità, Lavoro, Tecnologia

Sei troppo stanco? Non puoi lavorare! In arrivo l'Affaticometro

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.

Un gruppo di giovani ricercatori italiani dell'Università della Terra di Torino, ha messo appunto uno strumento in grado di rilevare la stanchezza del lavoratore ed il suo attuale livello energetico.
 
Questa invenzione innovativa permetterà al lavoratore in forte carenza di forze fisiche e mentali di "sospendere" le proprie mansioni e concedersi un riposino a "norma di legge".
 
Visti i recenti e drammatici incidenti sul lavoro spesso propri causati dai ritmi snervanti e massacranti, dalla scarsa sicurezza del luogo di lavoro o dalla condizioni generali poco idonee, alcuni studenti hanno dedicato mesi alla ricerca  di una soluzione efficace e ci sono riusciti con l'Affaticometro che ben presto potrebbe diventare uno strumento obbligatorio all'interno di aziende, fabbriche ed uffici.
Qual'è lo scopo di questo oggetto?
 
Lo scopo principale è migliorare la salute del lavoratore che fino a ieri doveva correre dal medico per certificare il suo stato di salute, domani tutto sarà più semplice perché quando ci ci sentirà stanchi e spossati basterà misurare davanti ad un incaricato (capo reparto, infermiere, datore di lavoro o qualsiasi persona a cui verrà assegnato questo compito) il livello energetico presente nel corpo e se questo sarà al di sotto del limite stabilito, si potrà concedersi un riposo di minimo 20 minuti, fino ad ottenere il permesso autorizzato di uscita anticipata dal lavoro nei casi più gravi.
 
I ricercatori sono fiduciosi e soddisfatti della propria invenzione, pensano che grazie all'Affaticometro nessuno in futuro sarà più costretto a lavorare in condizione non idonee, pensano inoltre che preverremmo così molti esaurimenti nervosi e di conseguenza ci sarà minor bisogno di ricorrere ad antidepressivi.

Basta più mal di testa allucinanti, errori di distrazione ed ore passate a lavorare in agonia a causa della stanchezza tra uno sbadiglio e l'altro, basta occhi che bruciano e che si chiudono da soli, lavorare è un diritto, ma anche la nostra salute lo è.

Prevenire è meglio che curare e allora preveniamo.

Da: QUI

Autore: Gerardo

Notizie di oggi

(Firenze)
-


Per immaginare la vostra futura dieta a base di insetti, non pensate a una...

Come Stan Lee ha rivoluzionato il mondo dei Fumetti
Come Stan Lee ha rivoluzionato il mondo dei Fumetti
(Firenze)
-

È morto Stan Lee. Aveva 95 anni – a fine anno ne avrebbe compiuti 96 – e da tempo iniziava a mostrare segni che facevano presagire ai fan l’imminenza della sua morte, soprattutto dopo il suo ricovero a Los Angeles per problemi respiratori e cardiaci lo sc
È morto Stan Lee. Aveva 95 anni – a fine anno ne avrebbe compiuti 96 – e da...

Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
(Firenze)
-

Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria condizionata con un notevole impatto sull'ambiente e sulla bolletta
Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria...

Sconti Black Friday? Ecco dove trovarli!
Sconti Black Friday? Ecco dove trovarli!
(Firenze)
-

Anche quest’anno il Black Friday è ormai alle porte. Stiamo parlando della giornata, che negli ultimi tempi si è trasformata in una settimana specie negli e-commerce online, di sconti pazzi su elettronica, viaggi, abbigliamento e praticamente su qualsiasi
Anche quest’anno il Black Friday è ormai alle porte. Stiamo parlando della...

Coltivare il proprio cibo? L'ATTO PIU' RIVOLUZIONARIO IN ASSOLUTO!
Coltivare il proprio cibo? L'ATTO PIU' RIVOLUZIONARIO IN ASSOLUTO!
(Firenze)
-

Ecco perchè coltivarti il cibo è l’atto più rivoluzionario che tu possa compiere in un sistema politico marcio e corrotto.
Ecco perchè coltivarti il cibo è l’atto più rivoluzionario che tu possa compiere...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati