Scuola notizie: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia

CROTONE ore 17:36:00 del 25/04/2015 - Categoria: Esteri, Tecnologia - Scuola

Scuola notizie: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia

Scuola notizie: smartphone vietati, ecco una nuova tecnologia. Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia

Probabilmente sarà il preside più odiato e allo stesso tempo più amato d’Italia. A seconda se questa storia la si guarda dalla prospettiva degli studenti o dei genitori. Stefan Keim, preside di una scuola del Trentino Alto Adige, si è trasformato in una sorta di Acchiappa-Smartphone. Come scrive Skuola.net, ha applicato in Maniera davvero determinata una direttiva dell’Intendenza scolastica dell’Alto Adige che proibisce l’uso dei cellulari a scuola. Si è infatti messo a girare nei corridoi e nelle classi con un rilevatore di onde ad alta frequenza che segnala i cellulari accesi. "L’avevo comprato quando è nata la mia prima figlia - dice a Repubblica - per vedere se in casa ci fossero onde magnetiche pericolose”. E le punizioni sono severe: per chi viene colto due volte con il telefono in mano, sono previste note sul registro. Alla terza c’è la sospensione.

Ma perché oggi i ragazzi sono diventati così dipendenti dagli smartphone? “Il problema principale è che devi essere sempre in rete – dice Keim - devi essere pronto a rispondere immediatamente a qualsiasi messaggio, anche se è solo un ‘ciao’. Soltanto così sei accettato dal gruppo virtuale e non ti senti escluso. Per questo ho deciso di intervenire, non solo con i divieti ma cercando il consenso”. Keim avrebbe voluto questa Politica sin dal primo giorno di scuola, “ma non era pronto l’armadio chiesto al Comune, dove pensavamo di mettere in deposito i cellulari, una cassetta per classe. Abbiamo iniziato ai primi di novembre e ci sono stati problemi. Per ritirare 187 cellulari servono molti minuti e gli alunni rischiavano di perdere l’autobus. E così abbiamo detto: lasciate i cellulari a casa. Se proprio non potete, metteteli nell’armadio. Terza soluzione: portateli in classe ma spenti e nascosti nello zainetto. Se sono visibili, scatta la sanzione”.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
EFFIE, il sogno delle donne! Capi Asciutti in 3 minuti via smartphone! VIDEO
EFFIE, il sogno delle donne! Capi Asciutti in 3 minuti via smartphone! VIDEO

-

Soli 128 cm di altezza, 80 cm di larghezza e 40 cm di profondità sono pronti a rivoluzionare il processo di stiraggio.
IL SACRO GRAAL DELLA TECNOLOGIA? LA MACCHINA CHE TI EVITA DI STIRARE! VIDEO:...

Schermo nero su Iphone: come risolvere
Schermo nero su Iphone: come risolvere

-

Lo schermo nero su iPhone è un problema di grosso conto che può presentarsi in diverse occasioni non soltanto per i postumi di un trauma, come dopo una caduta, ma anche nell’eventualità che ci sia un malfunzionamento software.
Lo schermo nero su iPhone è un problema di grosso conto che può presentarsi in...

USA (e non Iran) Fonte VERO del terrorismo: scrittore americano shock
USA (e non Iran) Fonte VERO del terrorismo: scrittore americano shock

-

Si tratta di affermazioni forti che lo scrittore statunitense argomenta e con cui cerca di convincere esperti ed appassionati di politica internazionale.
GLI STATI UNITI SONO LA PIÙ GRANDE FONTE DI TERRORISMO AL MONDO, NON LA...

La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK
La Mafia e' stata ESERCITO DELLA CIA. ECCO LE PROVE SHOCK

-

Si arriva alle stragi del 92, due magistrati siciliani stavano arrivando alle alte sfere del connubio stato mafia, l’esplosivo utilizzato in ambedue le stragi era di tipo militare e di produzione americana o inglese; un’altra incredibile coincidenza.
Nel 1942 la guerra pendeva dalla parte dei nazifascisti, il presidente degli...

Come funziona lo Smart Working
Come funziona lo Smart Working

-

Il lavoro da casa, o comunque da un luogo diverso dalla sede dell’azienda, sta diventando sempre più diffuso in Europa e nel mondo.
Il lavoro da casa, o comunque da un luogo diverso dalla sede dell’azienda, sta...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati