Scuola, LA TASSA OCCULTA: contributi volontari diventano obbligatori! NON FATEVI FREGARE

(Palermo)ore 09:43:00 del 22/04/2017 - Categoria: , Denunce, Economia, Sociale

Scuola, LA TASSA OCCULTA: contributi volontari diventano obbligatori! NON FATEVI FREGARE

Lo Stato vuole privatizzare la scuola liquidando quella pubblica a favore delle paritarie e private. Alla fine sarebbe più economico per lo Stato, versa una somma fissa, se la versa e la scuola si rivale sui genitori

Lo Stato vuole privatizzare la scuola liquidando quella pubblica a favore delle paritarie e private. Alla fine sarebbe più economico per lo Stato, versa una somma fissa, se la versa e la scuola si rivale sui genitori.

Chi ha soldi può provvedere all'educazione dei figli, chi non ne ha non faccia figli o non li mandi a scuola facendo la scuola a casa. E la solita storia dove la furbizia viene premiata e l'onesta punita. Il primo dei furbi è lo Stato...

L'istruzione, nel sistema economico oggi ben radicato a livello globale -ma direi in maniera più accentuata in occidente- è stato il primo mattone tolto all'impianto sociale delle civiltà che fino agli anni '80 caratterizzavano il mondo.

L'avvilimento della formazione, della professionalizzazione, della cultura strettamente legate alla struttura sociale delle masse, hanno liberato il campo alle scorribande di politiche fortemente sbilanciate verso politiche liberiste, di deregolamentazione, con l'accrescimento culturale e professionale sostituito dal profitto a "ogni costo". Il tutto accompagnato dal grimaldello dell'informazione il cui avvilimento ha prodotto dapprima la spensieratezza dei contenuti alla "Drive in", per poi riempire dello stesso vuoto format dai finti contenuti informativi come oggi i talk show. Ecco che il depauperamento intellettuale delle masse, ha fatto si che la democrazia sia rappresentativa che diretta perdesse il suo ruolo e la sua collocazione dando spazio a decisioni sovranazionali, sovra-continentali. "Se lascio pensare le masse, ne perdo il controllo": era un'affermazione di un politico cinese, tra gli anni '80 e '90, alla domanda del perché in una società tecnologicamente così avanzata, si arassero i campi ancora con i buoi e i contadini al seguito.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
Acqua contaminata nel tuo supermercato! Ritirati 8 lotti
(Palermo)
-

Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai supermercati di alcuni lotti di acqua minerale in bottiglia perchè contaminata da Pseudomonas aeruginosa.
Il ministero della Salute ha diffuso una circolare in cui chiede il ritiro dai...

'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
'Mi pagano 3 EURO all'ORA...e devo dire anche GRAZIE PADRONE'
(Palermo)
-

L'analisi del segretario della Nidil Cgil, Antonio Capezzuto: il sindacato non può far nulla, i lavoratori non denunciano i soprusi: troppa paura di perdere anche quel poco che hanno.
Lavoro nero? Peggio: lavoro sotto ricatto. Un esempio? Eccolo, è quello di una...

Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
Prima gli Italiani? Una cosa NORMALE, fatta passare per un ABOMINIO...
(Palermo)
-

La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i bambini poi gli adulti, prima i capaci e i meritevoli poi gli altri, prima chi tutela l'ordine e la sicurezza poi chi li mette a rischio, prima gli onesti poi i delinquenti, pr
La giusta priorità: prima i connazionali poi gli stranieri, prima i vecchi e i...

ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
(Palermo)
-

La designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.
Ci iscriviamo convintamente al partito degli scettici: il Rosatellum bis, la...


(Palermo)
-


"La società modellata sui canoni del capitalismo, ormai globale a forza di...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati