Scoperto l'ormone dell'invecchiamento: come essere sempre giovani?

(Bari)ore 10:06:00 del 12/07/2017 - Categoria: , Curiosità, Salute

Scoperto l'ormone dell'invecchiamento: come essere sempre giovani?

Ricercatori padovani scoprono l’ormone dell’invecchiamento. Ecco come metterlo ‘fuori uso’…

Ricercatori padovani scoprono l’ormone dell’invecchiamento. Ecco come metterlo ‘fuori uso’…

Qualche giorno fa, i ricercatori del Vimm (Istituto molecolare veneto) e dell’università di Padova hanno reso noti i risultati di un’interessante ricerca sull’invecchiamento. In particolare, avrebbero individuato l’ormone che provoca il deterioramento cellulare. Hanno inoltre scoperto in che modo è possibile rallentare questo processo naturale.

La ricerca potrebbe cambiare profondamente il nostro stile di vita, aiutandoci a vivere meglio e più a lungo. Vediamo cosa hanno scoperto.

FGF21: l’ormone dell’invecchiamento

Lo studio è stato pubblicato su Cell Metabolism, la rivista scientifica più autorevole negli ambiti dell’endocrinologia e del metabolismo. Il team di ricerca è stato guidato da Marco Sandri e Luca Scorrano e condotto dalle dottoresse Caterina Tezze e Vanina Romanello. La loro scoperta è potenzialmente rivoluzionaria: l’invecchiamento e il danneggiamento dei mitocondri del muscolo è responsabile della produzione di un ormone, chiamato FGF21. La sostanza  causerebbe a sua volta l’invecchiamento dell’intero organismo.

Finora sapevamo che il deterioramento dei mitocondri – che rappresentano le centrali energetiche delle cellule – erano legato all’invecchiamento, ma non sapevamo come, esattamente.

Come è stata effettuata la scoperta? Tutto è incentrato intorno allo sport.

Invecchiamento attivo e sedentario

La scoperta è stata effettuata analizzando i livelli di Opa1 negli anziani che svolgono attività fisica in maniera regolare. Opa1 è una proteina, essenziale per il funzionamento dei mitocondri. Quando è carente causa la produzione dell’ormone FGF21. Negli anziani sedentari, i livelli di Opa1 sono molto bassi, mentre restano regolari in quelli più attivi. Ecco perché le persone che hanno uno stile di vita sedentario tendono a invecchiare più velocemente.

Finora, si pensava che l’ormone avesse un’azione esclusivamente benefica. Prodotto da fegato e grasso, migliora infatti il metabolismo degli zuccheri e dei grassi. I ricercatori padovani ne hanno individuato la “doppia vita”.

Bloccandone la produzione, infatti, gli studiosi hanno registrato l’arresto di molti segni di invecchiamento: a livello di cute, fegato, intestino e cervello.

“Non era chiaro come la vita sedentaria fosse collegata ad un invecchiamento precoce. Il nostro studio ci spiega che l’invecchiamento non attivo porta al deterioramento dei mitocondri nei muscoli e, quindi, all’aumento di FGF21. Quando i livelli di FGF21 nel sangue sono alti per lungo tempo, l’organismo risponde con l’invecchiamento della pelle, del fegato e dell’intestino, perdendo neuroni, e con un’infiammazione generalizzata“, spiega Marco Sandri.

Ormone dell’invecchiamento: come ‘combatterlo’

I ricercatori vogliono ora sviluppare dei farmaci per contrastare l’invecchiamento precoce. Il medicinale sarebbe destinato alla popolazione sedentaria.

Non sarebbe meglio, piuttosto, stimolare il ricorso all’attività fisica per tutti? Anche chi è avanti con l’età, se non ha problemi fisici troppo gravi (ovviamente), può pensare di fare sport o comunque di restare attivo. Anche fare lunghe passeggiate, tutti i giorni, può aiutare.

Un’altra forma di attività fisica dolce è rappresentata dallo yoga. Come abbiamo visto qualche tempo fa, uno studio indiano del 2014 ha dimostrato che lo yoga è in grado di rallentare, o addirittura invertire, il declino fisico e mentale collegato all’avanzare dell’età.

Da: QUI

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Ecco in che CONDIZIONI arriva il GRANO ESTERO: VIDEO
Ecco in che CONDIZIONI arriva il GRANO ESTERO: VIDEO
(Bari)
-

Grano che arriva da altri paesi e addirittura continenti, che percorre migliaia di chilometri e resta per mesi nelle stive delle navi accumulando umidità, muffa e quindi tossine.
E’ UN SERVIZIO REALIZZATO DAI GIORNALISTI DI PRESA DIRETTA (RAI 3).RIASSUME LA...

Migliori cibi che ci fanno sentire sazi nella dieta
Migliori cibi che ci fanno sentire sazi nella dieta
(Bari)
-

Subdolo e inaspettato giunge, a un certo punto della giornata, l’attacco di fame, nemico feroce dei più dediti alla dieta, che si trovano così a doverlo combattere con tenacia per non vanificare gli sforzi compiuti fino a quel momento.
I cibi che fanno sentire sazi a dietaSubdolo e inaspettato giunge, a un certo...

Governo senza soldi: italiani rischiano di rimanere SENZA MEDICI
Governo senza soldi: italiani rischiano di rimanere SENZA MEDICI
(Bari)
-

In cinque anni 14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medico. È un dato allarmante quello che si disegnerà dal 2023 a causa dei pensionamenti di quasi 45mila camici bianchi, di cui 30mila ospedalieri e 14.908 medici di famiglia.
I CAMICI BIANCHI IN PENSIONE NON VERRANNO BILANCIATI DA ASSUNZIONI. I SINDACATI:...

Olio di palma non fa male? Ditelo ai bambini indonesiani: 100 000 morti ogni anno!
Olio di palma non fa male? Ditelo ai bambini indonesiani: 100 000 morti ogni anno!
(Bari)
-

I DECESSI CAUSATI DAGLI EFFETTI DIRETTI E INDIRETTI DEGLI INCENDI APPICCATI IN ASIA EQUATORIALE PER LA PRODUZIONE DA OLIO DI PALMA AMMONTANO A 100.000 IN UN SOLO ANNO.
I DECESSI CAUSATI DAGLI EFFETTI DIRETTI E INDIRETTI DEGLI INCENDI APPICCATI IN...

Distruggono i nostri figli: come? INVENTANDO MALATTIE CHE NON ESISTONO
Distruggono i nostri figli: come? INVENTANDO MALATTIE CHE NON ESISTONO
(Bari)
-

Figli svogliati e disattenti – Sette mesi prima di morire, il famoso psichiatra americano Leon Eisenberg, che ha scoperto il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), ha dichiarato al settimanale tedesco Der Spiegel che le cause genetiche d
Figli svogliati e disattenti – Sette mesi prima di morire, il famoso psichiatra...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati