Salute notizie: mal di testa, nausea e vertigini per colpa del telefonino

VERCELLI ore 07:42:00 del 08/03/2015 - Categoria: Salute, Scienze, Sociale, Tecnologia

Salute notizie: mal di testa, nausea e vertigini per colpa del telefonino

Salute notizie: mal di testa, nausea e vertigini per colpa del telefonino. Ecco come queste patologie sono in forte crescita per colpa degli smartphone

Si chiamano elettrosensibili, e sono quelle persone alle quali le radiazioni elettromagnetiche di telefonini, router wi-fi o cordless causano veri e propri disturbi fisici. Il loro numero, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, è pari al 3 per cento circa della popolazione mondiale. Solo in Lombardia, si contano circa 300mila casi. Persone che, secondo l'Associazione italiana elettrosensibili, "ancora oggi non vengono né aiutate né tutelate", come afferma al Corriere Paolo Orio, vicepresidente dell'Aie. Il motivo? Per l'Oms non è ancora riconosciuto il rapporto causale tra disturbi ed esposizione a campi elettromagnetici, un terreno ancora relativamente nuovo per la scienza.

"Purtroppo è molto difficile dimostrare gli effetti biologici dell’esposizione a campi elettromagnetici bassi", conferma infatti Ernesto Burgio, del comitato scientifico dell’Isde (International society of doctors for environment) -. Resta, però, un fatto: le evidenze che le onde elettromagnetiche possano fare male a tutti, più o meno sensibili, ci sono già". Nel nostro Paese, però, al contrario di altri, come la Svezia, tutto resta fermo, a parte qualche isolata sentenza della magistratura.

Una patologia in crescita

In realtà, come spiega Giorgio Cinciripini, coordinatore della rete No Elettrosmog, in qualche regione italiana si sta iniziando a riconoscere "la sensibilità chimica multipla, a cui spesso si associa l’elettrosensibilità. In Lombardia, invece, ancora nulla". In futuro, però, il rischio è di dover fronteggiare numeri ancora maggiori. Secondo il professor Angelo Gino Levis, ordinario di mutagenesi ambientale a Padova, con l'aumentare dei dispositivi con Tecnologia wireless nel 2017 il 50 per cento della popolazione potrebbe diventare elettrosensibile. Numeri forse un po' troppo allarmistici, ma giustificati anche dal fatto che il governo sta pensando di alzare i limiti dei campi elettromagnetici da 6 a 61 V/m, valore in vigore nel resto d'Europa, nell'ambito del piano per la Banda ultralarga e per la crescita digitale. Anche per questo, l'associazione Amica (Associazione per le malattie da intossicazione cronica e/o ambientale) ha lanciato un appello a Governo e Parlamento per "conservare e semmai migliorare i livelli di tutela della Salute dagli effetti nocivi delle radiazioni emesse da cellulari, tablet, smartphone, computer collegati in rete senza fili, antenne Wi-Fi, Wi-Max, radar, ripetitori della radiofonia, della radiotelevisione e della telefonia mobile Dect, Gsm, Umts e Lte (4G)", chiedendo di investire sulle connessioni via cavo.

I racconti dei "malati di telefonino"

In attesa che sulla questione scienza e legge facciano chiarezza, colpiscono i racconti di alcuni elettrosensibili sull'insorgere della loro malattia: "Mi sono ammalato nel 1999. Un giorno ho preso in mano il cellulare e ho cominciato a stare male e a sentire formicolio alla testa. Dopo mesi di visite, ho capito di cosa soffrivo, anche perché stando lontano da telefonino e cordless i sintomi sparivano", spiega Paolo Orio. Mentre Annunziata Di Fonte, medico del lavoro di Lonate Pozzolo, vicino a Brescia, racconta: "Tollero il wi-fi per un quarto d’ora, poi comincio a sentire calore, mal di testa, mi compaiono ponfi rossi sul viso. Purtroppo la malattia ha un impatto notevole sulla mia vita: in macchina, quando incrocio i ripetitori, ho delle scosse muscolari e fatico a concentrarmi; in casa ho dovuto mettere delle tende schermanti e un impianto elettrico a 16 volt. E poi non posso più viaggiare in treno, né andare al cinema: troppi telefonini accesi. Ma so come comportarmi perché sono un medico. Gli altri malati no".

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
Ex Presidente General Motors: 'TRA 20 ANNI NESSUNO AVRA' UN AUTO'
Ex Presidente General Motors: 'TRA 20 ANNI NESSUNO AVRA' UN AUTO'

-

Bob Lutz, ex vicepresidente e responsabile dello sviluppo prodotti per la General Motors, ha dichiarato a Automotive News che “ci stiamo avvicinando alla fine dell’era automobilistica”.
Bob Lutz, ex vicepresidente e responsabile dello sviluppo prodotti per la...

Rubinetti alle fontane: vuoi l'acqua? PAGA!
Rubinetti alle fontane: vuoi l'acqua? PAGA!

-

Bere l’acqua della fontana? Bei tempi, quando l’acqua corrente era libera e gratuita. Ora siamo in regime di arrembante privatizzazione: se vuoi un sorso d’acqua potabile, anche in aperta campagna, la devi pagare
Bere l’acqua della fontana? Bei tempi, quando l’acqua corrente era libera e...

Dieta del tonno per perdere 5kg in 3giorni
Dieta del tonno per perdere 5kg in 3giorni

-

La dieta del tonno è un po’ la dieta che tutti vorremmo conoscere. Se devi perdere un bel po’ di kg, ma hai veramente pochissimi giorni a disposizione non c’è niente di meglio di questo regime alimentare
La dieta del tonno è un po’ la dieta che tutti vorremmo conoscere. Se devi...

Camion elettrici? 1000km con 1 pieno, 15 minuti di ricarica e potentissimi! VIDEO
Camion elettrici? 1000km con 1 pieno, 15 minuti di ricarica e potentissimi! VIDEO

-

Con un’autonomia variabile da 800 a 1200 km, e la velocità di ricarica record di soli 15 minuti per fare un pieno, “gli autocarri elettrici a lunga percorrenza” Nikola One e Two, rappresentano la prima gamma di autocarri con motore elettrico/idrogeno cost
Con un’autonomia variabile da 800 a 1200 km, e la velocità di ricarica record di...

Inno di Mameli: L'INNO DELLA MASSONERIA ITALIANA
Inno di Mameli: L'INNO DELLA MASSONERIA ITALIANA

-

Vi siete mai chiesti perché il nostro inno di Mameli inizia con la parola “fratelli” ?Non è per il motivo scontato che tutti pensano….
Vi siete mai chiesti perché il nostro inno di Mameli inizia con la parola...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati