Roma: le centinaia di vigili urbani assunti servono DAVVERO A QUALCOSA?

(Roma)ore 18:02:00 del 04/02/2019 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Lavoro, Politica

Roma: le centinaia di vigili urbani assunti servono DAVVERO A QUALCOSA?

Come tutti possono ben capire, il numero di addetti in un'organizzazione non fa, da solo, l'efficienza di quell'organizzazione.

Come tutti possono ben capire, il numero di addetti in un'organizzazione non fa, da solo, l'efficienza di quell'organizzazione. Puoi avere 100 persone che battono la fiacca in maniera scandalosa ed essere assai meno produttivo di un concorrente che ha 5 persone che macinano con costrutto e serietà.

Indubbiamente a Roma servivano nuovi Vigili Urbani, perché lo dicono i numeri e le statistiche. E infatti da poco alcune delle assunzioni promesse da un concorso svoltosi ben nove anni fa (!) sono state sbloccate. In due tranche prima entreranno 350 nuovi addetti e poi ne arriveranno altri in una tranche simile. Ammesso e non concesso che chi era idoneo nel 2010 possa esserlo ancora oggi, ma vabbè...

La pianta organica prevista per la Polizia Locale di Roma supererebbe gli 8000 addetti e con queste assunzioni non si arriverà neppure a 6000, questo però non può e non deve spaventare eccessivamente: tutti noi siamo abituati a lavorare fronteggiando le difficoltà e facendo di necessità virtù, ma questo non ci impedisce di lavorare in maniera efficiente ed efficace in seno alla nostra azienda (fanno eccezione i dipendenti comunali e delle partecipate!). Questo blog, ad esempio, con la sua pagina Facebook attivissima, le risposte a tutti i cittadini, il profilo Instagram, Twitter ecc dovrebbe essere gestito da un team di almeno 25 persone, ma così non è e si fa quel che si può in quanti si è, senza accampare inutili scuse.

Effettivamente negli ultimi mesi, dopo le assunzioni del 1 giugno e dopo il periodo di addestramento (ve li ricorderete questa estate e subito dopo coi fratini fluorescenti), i neoassunti si sono iniziati a vedere in strada (benché molti siano riusciti ad imbucarsi). Ma quale è il valore della presenza fisica in strada se non si è realmente efficaci?

Il problema dei nuovi caschi bianchi romani, con ogni probabilità, è che sono stati formati dai vecchi caschi bianchi romani! Hanno avuto dai colleghi anziani indicazioni su ciò che fare (tollerare ogni cosa, far finta di non vdere, non fare mai qualcosa in più di quello che è richiesto o prestabilito, non essere proattivo o troppo efficiente per non mettere in difficoltà i colleghi che invece preferiscono andar con molta calma ecc) e su ciò che non fare (non rompere le scatole ai negozianti riguardo alla doppia fila, considerare trasparenti le bancarelle, non sanzionare chi non si ferma alle strisce, non curarsi degli standard di servizio di tutto il resto del mondo) all'insegna insomma di una clamorosa continuità quando invece sarebbe stata richiesta e necessaria una discontinuità assoluta.

Bisognava inculcare a questi giovani uno spirito di servizio del tutto diverso da quello dei colleghi anziani e di mezza età che, con le dovute eccezioni ovviamente, non rappresentano in media un esempio e non garantiscono standard accettabili di erogazione del servizio. E invece è andata proprio al contrario e già oggi, a 6 mesi dall'assunzione, i ragazzi si sono trasformati in... vigili romani!

Quando arrivano in zone infestate dalla doppia fila invece di multare fischiano on comprendendo quanto questo sia profondamente diseducativo per i meschini cittadini che violano il Codice della Strada; parlottano tra loro e se ti avvicini scopri che si parla di tutto fuorché di lavoro; nelle aree centrali si ispezionano con accuratezza i fondoschiena delle turiste seguendole con lo sguardo, sovente si fuma in servizio e, soprattutto, si staziona al semaforo in nome di qualche bizzarro ordine di servizio.  

Ma voi avete notizia se in altre città, anche italiane, esista questa organizzazione per cui il Vigile Urbano sta fermo al semaforo, magari dentro ad un casottino come se l'impianto semaforico non fosse in grado di fare il suo dovere in automatico?  L'incrocio è l'unico punto dove NON serve l'apporto dei vigili, e invece spesso sono assiepati lì. Inspiegabilmente. Forse, appunto, perché è l'unico luogo in cui c'è poco lavoro da sbrigare. Casottini come ci sono a Roma (e c'è gente che si lamenta anche che sono sempre vuoti... per fortuna che lo sono!) non ci risultano in altre città italiani di pari grado come ad esempio Milano. A Milano i vigili stanno in giro, in macchina, in bicicletta, in motorino; molti stanno in ufficio davanti alle telecamere a far multe a manetta; altri controllano i commercianti. Di certo non stanno a chattare al telefonino dentro ad un casottino all'incrocio. 

Insomma operando in questo modo la città avrà più costi (centinaia di stipendi in più, pagati da tutti noi con risorse che verranno tolte da altri servizi) e non necessariamente maggiori servizi visto il livello di produttività e organizzazione del lavoro di queste new entries. Ne è riprova il fatto che, a parte una sensazione visiva di leggera maggior presenza, nessunissimo problema è stato risolto, neppure quelli incancreniti e noti a tutti (chessò la doppia fila sull'Appia? L'isola pedonale di Fontanella Borghese trasformata in parcheggio? La sosta selvaggia dentro a Piazza Farnese? E così via...). 
Ma cosa importa, tanto si potrà dire che i vigili sono comunque pochi rispetto alla legge che ne prevede 8400 per Roma. La stessa legge che di fatto impedisce - anche grazie ai sindacati - di obbligare le persone a lavorare con efficienza, impegno e risultati misurabili pena il licenziamento.

Insomma, invece di festeggiare con i neoassunti (ve lo immaginate il primo cittadino di Londra e di Parigi...?), la Sindaca dovrebbe vigilare affinché la loro presenza non si trasformi in qualcosa di totalmente inutile, capace solo di indispettire ancora di più cittadini e contribuenti. Ormai, anche qui, sembrerebbe essere però troppo tardi.

Da: QUI

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Laureati scappano dall'Italia: 40mila matricole cercano futuro all'estero
Laureati scappano dall'Italia: 40mila matricole cercano futuro all'estero
(Roma)
-

SEMPRE PIU' LAUREATI SCAPPANO DALL'ITALIA - Dal 2003/04 al 2017/18 le università hanno perso oltre 40mila matricole, registrando una contrazione del 13%.
SEMPRE PIU' LAUREATI SCAPPANO DALL'ITALIA - Dal 2003/04 al 2017/18 le università...

Sarri alla Juve ufficiale? La sconfitta (l'ennesima) del calcio
Sarri alla Juve ufficiale? La sconfitta (l'ennesima) del calcio
(Roma)
-

SARRI ALLA JUVE UFFICIALE - Salvo clamorosi colpi di scena dell'ultimo momento, il nuovo allenatore della Juventus sarà Maurizio Sarri.
SARRI ALLA JUVE UFFICIALE - Salvo clamorosi colpi di scena dell'ultimo momento,...

Ilva, cassa integrazione per 1400 lavoratori
Ilva, cassa integrazione per 1400 lavoratori
(Roma)
-

CASSA INTEGRAZIONE PER 1400 LAVORATORI ILVA - Non sembra esserci pace per la situazione industriale dell'ex Ilva.
CASSA INTEGRAZIONE PER 1400 LAVORATORI ILVA - Non sembra esserci pace per la...

Lavorare da casa: idee e opportunita'
Lavorare da casa: idee e opportunita'
(Roma)
-

LAVORARE DA CASA IDEE - Il lavoro da casa non è male, soprattutto se si tratta di un lavoro serio e sicuro, ma purtroppo non è sempre così.
LAVORARE DA CASA IDEE - Il lavoro da casa non è male, soprattutto se si tratta...

Esami di Stato 2019: commissioni, commissari e date
Esami di Stato 2019: commissioni, commissari e date
(Roma)
-

ESAMI DI STATO 2019 NEWS - Tra pochi giorni inizierà la “maturità riformata”, e tante sono le paure dei giovani, sopratutto per quanto riguarda gli orali.
ESAMI DI STATO 2019 NEWS - Tra pochi giorni inizierà la “maturità riformata”, e...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati