ROMA: LA GRANDE MONNEZZA!

(Roma)ore 13:17:00 del 30/12/2017 - Categoria: , Ambiente, Denunce

ROMA: LA GRANDE MONNEZZA!

Spazzatura, alta tensione a Roma. Molti quartieri sono ancora ricoperti di rifiuti, i sindacati minacciano lo sciopero per gennaio, la corsa dell'Ama (l'azienda municipalizzata) per pulire la città dopo il flop di Natale è stata rallentata da piogge e all

LA GRANDE MONNEZZA – A ROMA SCOPPIA LA RIVOLTA PER I RIFIUTI IN STRADA: CASSONETTI IN FIAMME A OSTIA E NELLA PERIFERIA EST DELLA CAPITALE - OGGI LA GIUNTA DELL'EMILIA-ROMAGNA DECIDERÀ SE AIUTARE ROMA, ACCETTANDO 350 TONNELLATE AL GIORNO DI IMMONDIZIA DA BRUCIARE NELL'INCENERITORE DI PARMA CHE IL M5S AVEVA COMBATTUTO

Spazzatura, alta tensione a Roma. Molti quartieri sono ancora ricoperti di rifiuti, i sindacati minacciano lo sciopero per gennaio, la corsa dell'Ama (l'azienda municipalizzata) per pulire la città dopo il flop di Natale è stata rallentata da piogge e allagamenti. La spazzatura galleggiava.

Ma il caos non è alimentato solo dall'acqua, ma anche dal fuoco. In alcuni quadranti incendiati cassonetti e cumuli di spazzatura. Si sospetta che sia l'effetto dell'esasperazione della gente, una forma di protesta senza senso, visto che sono gli stessi cittadini a respirare i fumi tossici. Ma dal X Municipio (Ostia e quartieri limitrofi dove sono stati bruciati un centinaio di cassonetti) al VI, periferia est, vi sono numerose segnalazioni. In via Palenza, zona Corcolle, nella notte hanno dato fuoco alla spazzatura non raccolta. Roberto Romanella, presidente del VI, esperto in materia (è un vigile del fuoco): «Una follia, la spazzatura diventa rifiuto speciale e dunque si complica la possibilità di smaltirli».

Ma la situazione più grave è a ovest, a Ostia, Acilia e Infernetto dove l'allarme cassonetti a fuoco si trascina da mesi. I numeri: nella notte di Santo Stefano quattro cassonetti bruciati, in quella di Natale due campane per la raccolta del vetro, prima ancora cinque cassonetti nel centro di Ostia. In totale, da quando è iniziata l'emergenza 100 cassonetti a fuoco. Prima delle elezioni del Municipio (quelle arrivate dopo due anni di commissariamento per infiltrazioni mafiose) si era pensato ad azioni dolose per influenzare l'esito del voto, ma i roghi proseguono. Prende forza l'ipotesi della reazione sconsiderata per la spazzatura non raccolta.

Ci stanno lavorando i carabinieri della Compagnia di Ostia. «I rifiuti ci avvelenano», continuano a ripetere i cittadini di Ostia e dell'entroterra mentre i sacchetti dell'immondizia invadono le strade. «Qui ad Acilia noi non possiamo nemmeno uscire di casa - dice Luigi De Angelis, presidente del comitato di quartiere Prato Cornelio - per questo c'è chi dà anche fuoco all'immondizia». Copione identico all'Infernetto, tra le ville degli attori del cinema anni'60.

«I rifiuti sono ovunque - ammette Giosuè Mirizio, presidente del comitato Infernetto Sicuro- le strade sono discariche e la gente, visto che saltano i turni del ritiro porta a porta, lancia i sacchetti ai lati della carreggiata». L'ultimo episodio di rifiuti e cassonetti dati alle fiamme: nella notte di Santo Stefano, sul lungomare e a ridosso del quartiere dei clan di Ostia Nuova. Ormai le notti sul litorale romano sono scandite dal rumore delle sirene delle volanti che sfrecciano e dall'odore della plastica bruciata che penetra le finestre dei palazzi ed entra dentro le case. «C'è una forte esasperazione - aggiunge Maurizio De Lucia, residente e portavoce del comitato di Repubbliche Marinare - abbiamo cumuli di rifiuti che l'Ama non raccoglie davanti ai nostri portoni».

Quando finirà il caos rifiuti? Oggi la giunta dell'Emilia-Romagna deciderà se aiutare Roma, accettando 350 tonnellate al giorno di indifferenziato della Capitale da bruciare nell'inceneritore di Parma che il Movimento 5 Stelle aveva fermamente combattuto. Pinuccia Montanari, l'assessore all'Ambiente di Roma Capitale, ha spiegato che Ama acquis

Dago

Autore: Luca

Notizie di oggi
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
Come la NATO uccise GHEDDAFI per fermare la creazione della VALUTA africana con riserva AURIFERA
(Roma)
-

Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei crimini compiuti dell’Occidente. 
Le e-mail scoperte di Hillary Clinton continuano a regalarci le prove dei...

Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
Italia a PEZZI come se avesse perso una GUERRA: cosa e' successo VERAMENTE?
(Roma)
-

Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra promessa dove scorre latte e miele.
Ci prospettarono un gioioso approdo ai lidi dell’Europa unita: nuova terra...

Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
Migranti: con il taglio dei 35 euro ADDIO ACCOGLIENZA!
(Roma)
-

Stop ai corsi di italiano e alla formazione professionale. Non solo: via gli psicologi, ridotta al minimo la presenza di assistenti sociali, operatori culturali, medici e infermieri
Ogni ospite vedrà il medico per massimo 4 ore l’anno. L’infermiere, invece, non...

Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
Pellicola per FINESTRE per risparmiare il 10% IN BOLLETTA!
(Roma)
-

Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria condizionata con un notevole impatto sull'ambiente e sulla bolletta
Per combattere il caldo, si ricorre spesso e in maniera massiccia all'aria...

15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
15 anni dall'attentato Nassiriya: la strage che si DOVEVA evitare
(Roma)
-

Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le 08:40 in Italia, due terroristi a bordo di un’autocisterna carica di esplosivo attaccarono la base Maestrale a Nassiriya, in Iraq.
Sono passati 15 anni da quella tragica mattina del 12 novembre: alle 10:40, le...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati