Rom: cosa sapere sulla loro attività in Italia

ROMA ore 21:01:00 del 07/04/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Sociale - Rom

Rom: cosa sapere sulla loro attività in Italia

Dove ci sono leggi chiare e le si fà rispettare problemi non ne sorgono. Il problema del nostro paese è che il pesce puzza dalla testa ed i meno provveduti credono nelle balle che sparano i soliti pallonari.

I residenti romeni di etnia romena vivono in una decorosa povertà e sanno come i loro vicini Rom sono riusciti a racimolare tanta ricchezza. Molti vivono in vari campi nomadi o abitazioni gentilmente concesse dai contribuenti italiani e intanto ‘lavorano’ e con il frutto del loro ‘lavoro’ si fanno la villona a Tandarei.

Ora vi facciamo vedere dove, gli zingari che dallo sciagurato ingresso della RoMania in UE sono dilagati in Italia, investono il frutto del loro ‘lavoro’.

Questo è il paese di Tandarei, in Romania. Qui sono sorte centinaia di villone kitsch (la ricchezza non dà il buon gusto, ma si nota anche in questo caso l’origine indiana degli zingari) costruite dai Rom che ‘lavorano’ in Italia (e nel resto d’Europa). Sono le loro ‘case vacanza’

Se non pagano le tasse o delinquono il problema non devono risolverlo loro ma chi è al governo e certamente non buttandoli fuori ma applicando le leggi, se ve ne sono, uguali per tutti.  Vi sono alcune zone in Romania dove i rom hanno delle invidiabili ville che si sono costruite con i proventi delle loro questue o azioni disoneste attuate nei diversi paesi democratici europei specie in quelli, come il nostro, dove si predica bene e si razzola male. Ai tempi della dittatura in Romania tutti i rom avevano un lavoro, una casa e le leggi da rispettare a pena delle previste sanzioni. Dove ci sono leggi chiare e le si fà rispettare problemi non ne sorgono. Il problema del nostro paese è che il pesce puzza dalla testa ed i meno provveduti credono nelle balle che sparano i soliti pallonari.

I rom rubano in Italia e costruiscono mega ville in Romania: alla faccia dei veri poveri

Autore: Luca

Notizie di oggi
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI

-

Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del più generale fallimento del partito e dei suoi uomini nel gestire tanto lo stato quanto gli
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha...

CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE

-

Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei mondiali di calcio come la Nemesi, la giusta punizione per un paese cantato da Dante quale regno dell’ignavia».
Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei...

TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE

-

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria.
A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si...

La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'
La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'

-

Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e sulla missione della Chiesa.
Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e...

Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO
Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO

-

Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo che desidero esternarle il mio sentimento di disagio che provo vivendo nella nostra amata Italia....LEGGI
Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati