ROBERTO SAVIANO? UNO SPECULATORE PAGATO! Perche' non dice che Napoli sta attraversando un periodo di splendore come mai prima?

(Roma)ore 18:43:00 del 10/01/2017 - Categoria: , Denunce, Sociale

ROBERTO SAVIANO? UNO SPECULATORE PAGATO! Perche' non dice che Napoli sta attraversando un periodo di splendore come mai prima?

Saviano vive nelle sue immaginazioni di come può essere la camorra e tutto quello che circonda la camorra.

SAVIANO DIMOSTRA OGNI GIORNO QUELLO CHE È, NON LO SCRITTORE DI CUI SI VANTA VISTO CHE LE SUE COSE LE SCRIVE SUL GIORNALE DI GOVERNO, FA UN SACCO DI SOLDI SULLA PELLE DEI COMPAESANI CAMPANI CON BLENEPLACIDO DELLA COSCA VINCENTE E SEMINA ODIO, SOPRATTUTTO DAI CITTADINI ONESTI PERCHÉ FINO A PROVA CONTRARIA QUELLI CHE HA FATTO ARRESTARE RESTANO NELL'OMBRA COME LO ERANO PRIMA E RISPONDE PERFETTAMENTE AL NUOVO TEOREMA DI DENIGRARE UNA GRANDE CITTÀ COME DOVUNQUE NON C'È IL PD A REGOLARNE IL TRAFFICO, UNO SGHERRO COME CE NE SONO TANTI.

Saviano vive nelle sue immaginazioni di come può essere la camorra e tutto quello che circonda la camorra. Vivendo in quelle realtà dovrà sapere di come si è formata la camorra nel tempo, le cause che portano i giovani nelle file della camorra, come un degrado Sociale ed Economico che, porta i ragazzi a cercare soldi facili, le vere cause che portano alle Mafie, lo Stato che è sempre assente in ogni momento, ed è stato sempre assente nel Sud (con leggi adeguate al momento ) , usando e sfruttando il "Degrado Sociale", per portare voti nel partito promettendo, certe volta consapevole dei voti presi e da dove arrivavano. Ecco che, la politica e la causa principale di tutto il "Disagio Sociale" nel Mondo, il potere in mano a chi non è capace di fare almeno l'essenziale per i cittadini, classe intellettuale che si accomoda nei ranghi della politica per egoismo e arricchimento. Il nostro Paese grazie ad una politica incapace sta diventando peggio di un Paese sottosviluppato: se in Italia i nostri politici, dirigenti, presidenti di aziende pubbliche rubano senza essere puniti e permettono a gli altri di fare quello che loro fanno, che futuro ha questo Paese.

Usano i cittadini per il loro "Stato Sociale", tolgono i diritti ai cittadini e si tengono i loro diritti dicendo ed affermando che i loro sono Diritti acquisiti e non si possono sopprimere: mentre quelli dei cittadini ( i Diritti acquisiti ) possono fare carta straccio

“Saviano – si chiede poi l’ex magistrato- è in malafede? Fa politica? È un avversario politico? Non ci credo, non ci voglio credere, non ne vedrei un motivo plausibile. Ed allora, caro Saviano, vuoi vedere che sei nulla di più che un personaggio divenuto suscettibile di valutazione economica e commerciale? Vuoi vedere che Saviano è, alla fin fine, un grande produttore economico. Se Napoli e i napoletani cambiano la storia, la pseudo storia di Saviano perde valore economico”.

“Nella mia vita – è un altro passaggio del post di De Magistris – mi sono ispirato al magistrato Paolo Borsellino al quale chiesero perché fosse rimasto a Palermo, ed egli pur sapendo di essere in pericolo rispose che Palermo non gli piaceva e per questo era rimasto per cambiarla. Chi davvero – e non a chiacchiere – lotta contro mafie e corruzione viene dal Sistema fatto fuori professionalmente ed in alcuni casi anche fisicamente”.

Passano poche ore e arriva la risposta dell’autore di Gomorra. Il quale prima condivide il post del primo cittadino sulla sua pagina facebook, e poi affida sempre al social network al sua replica.   “Sindaco De Magistris – scrive Saviano – quando le mistificazioni della sua amministrazione verranno al pettine, a pugnalarla saranno i tanti lacchè, più o meno pagati, dei quali si circonda per mistificare la realtà, unico modo per evitare di affrontarla”. “Due sparatorie in pieno centro – aggiunge lo scrittore – e una bambina di 10 anni ferita in un luogo affollatissimo della città: ma il sindaco è infastidito dalla realtà, a lui non interessa la realtà, a lui interessa l’idea, quell’idea falsa di una città in rinascita: problema non sono le vittime innocenti del fuoco della camorra, problema è che poi Saviano ne parlerà. Distoglierei lo sguardo da Napoli se le organizzazioni criminali smettessero di tenere sotto giogo l’intera città, che è tutta una periferia, tranne qualche quartiere collinare ricco dei reinvestimenti della camorra”.

E se il sindaco aveva citato Borsellino, ecco quindi che lo scrittore inserisce Giovanni Falcone nella sua replica. “De Magistris, lei è un ex magistrato, dovrebbe sapere che la scorta si dà per proteggere e non per mandare a morire. A Falcone, gente ingenua e priva di riferimenti, diceva che gli attentati se li organizzava da solo, almeno lei non ha detto che la situazione in cui vivo me la sono inventata io, è già qualcosa. Ma lei ha bisogno di me, ha bisogno di contrapporsi a qualcuno: lei ha bisogno delle contrapposizioni perché senza quelle dovrebbe affrontare la realtà dei tanti soprusi che la sua amministrazione tollera. Ma non è l’unico: quando criticavo Berlusconi ero da strozzare, con Renzi sono diventato un gufo, se parlo di infiltrazioni mafiose al Nord diffamo. Lei mi definisce uno zelluso (cioè calvo) anemozionale e la cosa, in fondo, mi fa anche un po’ ridere”.

Non è la prima volta che il sindaco di Napoli e lo scrittore sotto scorta entrano in rotta di collisione. “Chi dice che Napoli è uguale e che non è cambiato nulla è un fiancheggiatore involontario di chi fa il male della città”, aveva detto l’ex magistrato nel febbraio scorso, replicando alle critiche espresse da Saviano nei confronti della sua amministrazione, rea di aver “fallito l’unica missione che aveva”. Un copione già visto nel 2013, quando lo scrittore aveva definito “due anni di nulla” il primo biennio di amministrazione di De Magistris, e quindi replicato nel dicembre scorso: Saviano aveva definito “caudillo” il sindaco della città, che a sua volta lo accusava di “non conoscere Napoli, di fare l’osservatore esterno”.

Questa volta però l’attacco di De Magistris all’autore di Gomorra – arrivato attraverso un post su facebook che ha raccolto più di 22 mila like e 9 mila condivisioni – ha suscitato le ire del Partito democratico sul sindaco partenopeo. “Il sindaco di Napoli risponde a Roberto Saviano come un guappetto qualsiasi. Le sue parole sono la prova di quanto ancora ci sia da cambiare”, dice l’europarlamentare Pina Picierno. “La narrazione di Saviano – aggiunge Francesco Nicodemo – non mi convince da tempo, per mille motivi che ho espresso più volte. Ma non ho mai invidiato la sua vita sotto scorta da 10 anni, né ho messo in discussione il valore che ha avuto Gomorra nella lotta alle mafie e ai Casalesi. Oggi resto a bocca aperta. Il sindaco di Napoli, quindi il primo cittadino rappresentante di tutta la città, accusa Saviano di fare i soldi sulla camorra e sullo sputtanapoli come se fosse l’ultimo dei troll. Io non ho più parole. Mi vergogno per lui”.

Autore: Gerardo

Notizie di oggi
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI
400000 FAMIGLIE ROVINATE PER COLPA DI RENZI. RICORDATEVELO ALLE ELEZIONI
(Roma)
-

Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del più generale fallimento del partito e dei suoi uomini nel gestire tanto lo stato quanto gli
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha...

CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
CAMPANE DA MORTO PER L'ITALIA: L'USCITA DAI MONDIALI LA GIUSTA PUNIZIONE PER IL NOSTRO PAESE
(Roma)
-

Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei mondiali di calcio come la Nemesi, la giusta punizione per un paese cantato da Dante quale regno dell’ignavia».
Campane a morto per l’Italia: «Personalmente vedo l’uscita dal girone finale dei...

TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
TRAGEDIA ITALIA? SENZA VERGOGNA, NESSUNO SI DIMETTE
(Roma)
-

A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si ergono come giganti di fronte a questa miseria.
A questo punto figure ingiustamente bistrattate come Donadoni e Prandelli si...

La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'
La FEDE degli italiani? 'CONTINUO A PECCARE, TANTO DIO E' MISERICORDIOSO!'
(Roma)
-

Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e sulla missione della Chiesa.
Si sta trascinando, da diverso tempo, un malinteso evidente sull'opera di Dio e...

Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO
Caro Mattarella: io ho SMESSO di sentirmi ITALIANO
(Roma)
-

Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo che desidero esternarle il mio sentimento di disagio che provo vivendo nella nostra amata Italia....LEGGI
Egregio presidente della Repubblica, dottor Sergio Mattarella, è da molto tempo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati