Risparmio energetico: cosa sapere

TORINO ore 14:20:00 del 08/03/2016 - Categoria: Ambiente, Economia, Salute - Risparmio energetico

Risparmio energetico: cosa sapere

Non stiamo parlando dell’ennesimo “pacchetto truffa”; stiamo invece parlando di qualcosa di molto concreto e utile per tutti. Investire oggi in risparmio energetico ha ritorni eccezionali e sicuri. Sì, avete capito bene: investire in risparmio energetico.

Le banche i soldi li hanno, potrebbero organizzare questo semplice sistema doMani mattina, pubblicizzarlo ai clienti come fanno normalmente per i prodotti truffa e potrebbero, questa volta, invece di truffarli fare una cosa positiva per la banca stessa, per i clienti, per il mercato del lavoro, per i professionisti e non ultimo per l’ambiente. In Italia ci sono così tanti interventi da eseguire nei milioni di metri quadrati di superfici di ogni tipo ridotte malissimo, che se si intervenisse in questo modo si assorbirebbe la disoccupazione in un amen, si rivitalizzerebbero l’economia e anche l’agricoltura dato che uno dei migliori materiali isolanti è la canapa, materiale per il quale l’Italia aveva in passato un ruolo importante.

Non stiamo parlando dell’ennesimo “pacchetto truffa”; stiamo invece parlando di qualcosa di molto concreto e utile per tutti. Investire oggi in risparmio energetico ha ritorni eccezionali e sicuri. Sì, avete capito bene: investire in risparmio energetico.

Basti pensare ad un’abitazione che ha in media consumi molto alti e che, se coibentata a dovere, come minimo dimezza i consumi. Considerato che il riscaldamento e il raffrescamento sono i costi più alti che ci sono in una abitazione, è facile capire quanto si può guadagnare.

Si fa un gran parlare delle truffe delle banche a danno dei malcapitati clienti ed è indubbiamente giusto che i responsabili vadano perseguiti. Ma non si parla mai di quegli investimenti, eppur esistenti, che possono veramente essere remunerativi e a rischio pressoché nullo. Perché?

La banca potrebbe dare prestiti ad interessi ancora più agevolati a chi coibentasse la propria abitazione con materiali isolanti naturali.

La quadratura del cerchio sarebbe avere a disposizione un tecnico qualificato (non perché ha qualche certificazione, perché le certificazioni ormai si comprano in latteria, ma perché ha al suo attivo interventi realizzati, progetti eseguiti , formazione veramente qualificata) che la banca consiglia al cliente nel pacchetto e che ha tutti gli interessi a fare un buon lavoro perché nel risparmio energetico c’è anche il suo guadagno. In questo modo, per forza il tecnico dovrà essere preparato perché altrimenti al primo progetto fatto male o sballato, non solo non ci guadagna ma la banca lo sostituisce con un altro.

Questa sarebbe economia, finanza, occupazione con un senso; chissà se questo senso arriverà prima o poi alle menti eccelse che guidano questo paese e che ancora credono che fare autostrade e riempire il paese di case e automobili sia il futuro, un futuro che sa di preistoria

Le banche potrebbero prestare a tassi agevolati i soldi per permettere alle famiglie di coibentare le abitazioni e, bollette alla mano, si potrebbe facilmente calcolare quanto saranno i consumi in futuro e da quelli conteggiare i soldi che dovranno essere restituiti alla banca. Si potrebbe infatti ipotizzare che il risparmio ottenuto vada a ripagare il prestito con tanto di interessi. In questo modo la banca presta soldi sicuri, non inganna nessuno e la famiglia praticamente non spende nulla e si ritrova la casa coibentata. Una logica Energy Service Company ma per piccole utenze, non per grandi edifici, complessi industriali e simili.

Quindi la banca presta i soldi, il tecnico indica più ditte esperte per questi interventi a cui rivolgersi e il cliente sceglie quella che ritiene migliore e si fa eseguire i lavori. Anche la ditta dovrà essere all’altezza e con adeguato curriculum, altrimenti verrà depennata dalla banca o dal tecnico nella lista di ditte idonee a fare quel tipo di lavoro.

Il tecnico incaricato dalla banca farebbe prima un sopralluogo, poi stilerebbe un preventivo per i possibili lavori e infine seguirebbe i lavori stessi fino alla loro conclusione.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
Dimagrire mangiando pizza, ecco la dieta
Dimagrire mangiando pizza, ecco la dieta

-

Lo chef Pasquale Cozzolino, co-proprietario a New York della pizzeria Ribalta, è ormai divenuto celebre per aver lanciato la dieta della pizza.
Lo chef Pasquale Cozzolino, co-proprietario a New York della pizzeria Ribalta, è...

Amianto, la strage infinita: 4 MILA MORTI L'ANNO
Amianto, la strage infinita: 4 MILA MORTI L'ANNO

-

Il prossimo 28 aprile si celebra, come ogni anno, la Giornata mondiale contro l’amianto. Nonostante siano passati 25 anni dalla sua messa al bando, nel 1992, l’amianto continua a uccidere.
Il prossimo 28 aprile si celebra, come ogni anno, la Giornata mondiale contro...

Dieta per Transaminasi alta
Dieta per Transaminasi alta

-

Le transaminasi alte sono dei valori che vengono rilevati dal medico nel corso di specifici esami diagnostici, mediante analisi del sangue.
Le transaminasi alte sono dei valori che vengono rilevati dal medico nel corso...

Biotestamento approvato: Memento hominem. Le forze reazionarie antitaliane a servizio del papismo
Biotestamento approvato: Memento hominem. Le forze reazionarie antitaliane a servizio del papismo

-

Siamo ancora molto lontani dall'essere un Paese civile. E lo si vede bene dal grado di libertà che viene lasciata al singolo individuo di poter decidere della propria vita e del proprio corpo.
Siamo ancora molto lontani dall'essere un Paese civile. E lo si vede bene dal...

I multivitaminici? Inutili e dannosi
I multivitaminici? Inutili e dannosi

-

A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia, una delle conseguenze è quella di andare incontro a carenze vitaminiche.
A volte può essere difficile alimentarsi nel miglior modo possibile. Tuttavia,...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati