Risparmio energetico: cosa sapere

TORINO ore 14:20:00 del 08/03/2016 - Categoria: Ambiente, Economia, Salute - Risparmio energetico

Risparmio energetico: cosa sapere

Non stiamo parlando dell’ennesimo “pacchetto truffa”; stiamo invece parlando di qualcosa di molto concreto e utile per tutti. Investire oggi in risparmio energetico ha ritorni eccezionali e sicuri. Sì, avete capito bene: investire in risparmio energetico.

Le banche i soldi li hanno, potrebbero organizzare questo semplice sistema doMani mattina, pubblicizzarlo ai clienti come fanno normalmente per i prodotti truffa e potrebbero, questa volta, invece di truffarli fare una cosa positiva per la banca stessa, per i clienti, per il mercato del lavoro, per i professionisti e non ultimo per l’ambiente. In Italia ci sono così tanti interventi da eseguire nei milioni di metri quadrati di superfici di ogni tipo ridotte malissimo, che se si intervenisse in questo modo si assorbirebbe la disoccupazione in un amen, si rivitalizzerebbero l’economia e anche l’agricoltura dato che uno dei migliori materiali isolanti è la canapa, materiale per il quale l’Italia aveva in passato un ruolo importante.

Non stiamo parlando dell’ennesimo “pacchetto truffa”; stiamo invece parlando di qualcosa di molto concreto e utile per tutti. Investire oggi in risparmio energetico ha ritorni eccezionali e sicuri. Sì, avete capito bene: investire in risparmio energetico.

Basti pensare ad un’abitazione che ha in media consumi molto alti e che, se coibentata a dovere, come minimo dimezza i consumi. Considerato che il riscaldamento e il raffrescamento sono i costi più alti che ci sono in una abitazione, è facile capire quanto si può guadagnare.

Si fa un gran parlare delle truffe delle banche a danno dei malcapitati clienti ed è indubbiamente giusto che i responsabili vadano perseguiti. Ma non si parla mai di quegli investimenti, eppur esistenti, che possono veramente essere remunerativi e a rischio pressoché nullo. Perché?

La banca potrebbe dare prestiti ad interessi ancora più agevolati a chi coibentasse la propria abitazione con materiali isolanti naturali.

La quadratura del cerchio sarebbe avere a disposizione un tecnico qualificato (non perché ha qualche certificazione, perché le certificazioni ormai si comprano in latteria, ma perché ha al suo attivo interventi realizzati, progetti eseguiti , formazione veramente qualificata) che la banca consiglia al cliente nel pacchetto e che ha tutti gli interessi a fare un buon lavoro perché nel risparmio energetico c’è anche il suo guadagno. In questo modo, per forza il tecnico dovrà essere preparato perché altrimenti al primo progetto fatto male o sballato, non solo non ci guadagna ma la banca lo sostituisce con un altro.

Questa sarebbe economia, finanza, occupazione con un senso; chissà se questo senso arriverà prima o poi alle menti eccelse che guidano questo paese e che ancora credono che fare autostrade e riempire il paese di case e automobili sia il futuro, un futuro che sa di preistoria

Le banche potrebbero prestare a tassi agevolati i soldi per permettere alle famiglie di coibentare le abitazioni e, bollette alla mano, si potrebbe facilmente calcolare quanto saranno i consumi in futuro e da quelli conteggiare i soldi che dovranno essere restituiti alla banca. Si potrebbe infatti ipotizzare che il risparmio ottenuto vada a ripagare il prestito con tanto di interessi. In questo modo la banca presta soldi sicuri, non inganna nessuno e la famiglia praticamente non spende nulla e si ritrova la casa coibentata. Una logica Energy Service Company ma per piccole utenze, non per grandi edifici, complessi industriali e simili.

Quindi la banca presta i soldi, il tecnico indica più ditte esperte per questi interventi a cui rivolgersi e il cliente sceglie quella che ritiene migliore e si fa eseguire i lavori. Anche la ditta dovrà essere all’altezza e con adeguato curriculum, altrimenti verrà depennata dalla banca o dal tecnico nella lista di ditte idonee a fare quel tipo di lavoro.

Il tecnico incaricato dalla banca farebbe prima un sopralluogo, poi stilerebbe un preventivo per i possibili lavori e infine seguirebbe i lavori stessi fino alla loro conclusione.

Autore: Alberto

Notizie di oggi
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!
SENZA PAROLE - I cittadini greci PIU' POVERI ​dei migranti che li hanno invasi!

-

Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra, torcendosi le mani coperte di tatuaggi. Ci prega di non rivelare il suo nome: «Altrimenti mi licenziano», spiega.
Da Atene. La capo infermiera si accende una sigaretta dietro l’altra,...

Bonus mamma 800 Euro, cosa conoscere
Bonus mamma 800 Euro, cosa conoscere

-

Le mamme lo aspettavano da gennaio, ma l’Inps non ha ancora attivato la piattaforma per presentare domanda. 
BONUS MAMMA 800 EURO ANNUNCIATO E SCOMPARSO: CODE ALL’INPS Le mamme lo...

Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE
Schedano i terroristi, MA LI LASCIANO LIBERI DI UCCIDERE

-

«Un anno dopo Bruxelles, c'è Londra, e la lista degli obiettivi non è esaurita - commenta da Washington Edward Luttwak, esperto di strategia militare e consulente della Casa Bianca - L'attentatore di Westminster era noto ai servizi di sua Maestà, il che e
Il terrore arriva fin sotto il Big Ben, e porta il nome di Khalid Masood. «Un...

Vitalizio, cosa conoscere
Vitalizio, cosa conoscere

-

E ora che sta per arrivare la stangata — con la delibera adottata, su proposta del Pd, dall’ufficio di presidenza della Camera che introduce un contributo di solidarietà progressivo per i vitalizi superiori ai 70 mila euro lordi — Armaroli dice che «agend
DAI 10 MILA EURO AL MESE DI PUBLIO FIORI AI QUASI 7 MILA DI MASTELLA. E IN...

Pignoramento Conto Corrente senza procedimento giudiziario? DAL 1 LUGLIO 2017 POSSIBILE
Pignoramento Conto Corrente senza procedimento giudiziario? DAL 1 LUGLIO 2017 POSSIBILE

-

L’articolo esamina le nuove possibilità attribuite, con decorrenza dal 1° luglio, all’Agenzia delle Entrate Riscossione, il nuovo ente strumentale all’Agenzia delle Entrate che sostituirà Equitalia.
L’articolo esamina le nuove possibilità attribuite, con decorrenza dal 1°...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati