Renzi umiliato!

(Catania)ore 12:04:00 del 07/12/2016 - Categoria: , Politica

Renzi umiliato!

Al contrario sull’isola il No ha spiccato il volo con il 71,58% dei consensi: e dire che secondo i sondaggi della vigilia la forbice sarebbe stata contenuta tra i 3 e i 6 punti percentuali.

Che "sorpresa" il NO in Sicilia...E quanto ingenuo è stato Renzi a perder tempo nell'isola..Poteva una regione come la Sicilia votare SI,quindi per il centrosinistra, quando da oltre 20 anni è un chiarissimo feudo della destra(qualcuno dimentica i 90 seggi su 90 conquistati da Forza Italia nel '94 e e il quasi pieno del 2001?).Sono arrivati addirittura a dare i voti alla Lega Nord,ai padani,quelli che detestano i meridionali...Oggi però,dopo aver appoggiato per anni il boss di Arcore la mafia sicula vota compatta la nuova estrema destra di Grillo,l'altro boss pluripregiudicato,l'ultimo "uomo d'onore" rimasto di cui potersi fidare ciecamente...

Tre visite in poco più di un mese, la Festa dell’Unità migrata eccezionalmente all’estremo Sud, il G7 a Taormina e una raffica di promesse: dai nuovi posti di lavoro defiscalizzati per il Mezzogiorno fino al sempreverde Ponte sullo Stretto. E poi non poteva mancare il solenne impegno antimafia: arrestare prima possibile Matteo Messina Denaro. Le aveva provate proprio tutte Matteo Renzi pur di provare a far cambiare idea alla Sicilia sul fronte del referendum costituzionale. Una campagna elettorale estenuante, con il fido Davide Faraone che fino all’ultimo aveva provato ad allargare il fronte del Sì, inglobando “cambiacasacca” di lungo corso, signori delle preferenze, perfino antichi nemici della rottamazione. E invece quella che secondo alcuni analisti era la Florida d’Italia ha sonoramente tradito le attese della maggioranza di governo

La Florida? È la roccaforte del No – Nel day after del voto referendario la Sicilia si scopre roccaforte delle ragioni del No, seconda in termini percentuali soltanto alla Sardegna. Nella regione più a Sud d’Italia il Sì si è fermato a quota 28,42%, dodici punti in meno rispetto alla media nazionale. Al contrario sull’isola il No ha spiccato il volo con il 71,58% dei consensi: e dire che secondo i sondaggi della vigilia la forbice sarebbe stata contenuta tra i 3 e i 6 punti percentuali. Ipotesi quantomeno moderate, dato che le uniche città siciliane che hanno regalato la maggioranza al Sì sono i piccolissimi comuni di Santa Cristina Gela e San Marco D’Alunzio. Un risultato ancor più clamoroso se si considerano i dati provenienti dai due centri più grandi: a Palermo, la città del sottosegretario Faraone, dove Renzi ha fatto praticamente tappa fissa nei week end (compreso l’ultimo giorno di campagna elettorale), il No sfiora il 73%. Batte ogni record nazionale, invece, Catania che con il 75% di No è il capoluogo di provincia maggiormente contrario alla riforma firmata da Maria Elena Boschi. E pazienza se si tratta della città amministrata dal renzianissimo Enzo Bianco, che quest’estate era riuscito a portare sotto l’Etna la festa nazionale dell’Unità: il voto di 3 elettori su 4 non ammette repliche.

Cacicchi e acchiappavoti sconfitti – Non va meglio nelle province dei cacicchi arruolati per l’occasione sotto le insegne del Sì: nella Caltanissetta di Totò Cardinale, l’ex ministro dalemiano diventato king maker della campagna renziana, il No supera i 71 punti percentuali, nella Siracusa del sindaco Giancarlo Garozzo i contrari alla riforma sono il 71,75%, poco più di quelli registrati a Messina (69,55%), città dell’ex ministro Giampiero D’Alia che pur di sostenere il Sì è uscito dall’Udc di Lorenzo Cesa. Persino a Enna, il feudo elettorale di Mirello Crisafulli, storico nemico dei renziani poi arruolato come uomo sandwich per il Sì, il No ha sbancato con il 67% dei voti. C’è da dire che il 32,65% raccolto nella provincia al centro della Sicilia rappresenta il miglior risultato per il Sì sull’isola: anche quando perde, insomma, l’ex impresentabile riesce a fare meglio degli altri sconfitti. Una magra consolazione dato che quella odierna è comunque una disfatta totale per il fronte del Sì, amplificata dalla sconfitta rimediata da Renzi in tutto il Sud, nonostante in Sicilia siano andati alle urne appena il 56% degli aventi diritto: un’affluenza ben sotto la media nazionale.

La martellante campagna boomerang del premier – E in vista dei prossimi appuntamenti elettorali – nel 2017 si vota a Palermo, ma anche per le regionali – il segretario del Pd dovrà capire quanto e come ha influito al Meridione la sua martellante campagna elettorale. Improbabile che il continuo ritorno del premier in Sicilia abbia davvero fatto conquistare voti al fronte del Sì: in questo caso, con una campagna più morbida i No avrebbero potuto raggiungere percentuali plebiscitarie. Molto più realistica l’ipotesi che vede nel continuo presenzialismo del premier la “molla” che ha convinto molta gente a recarsi alle urne per esprimere una bocciatura nei confronti del governo. Un presupposto avvalorato dal fatto che sull’isola non si è praticamente vista alcun tipo di campagna organizzata sul fronte del No: a parte qualche evento del Movimento 5 Stelle, si può dire che i contrari alla riforma siano andati in ordine sparso. Persino i leader apolidi, senza un partito di riferimento ma con un buon consenso personale come Leoluca Orlando, non hanno praticamente mosso un dito sul fronte della mobilitazione elettorale. Ciò nonostante la Florida d’Italia non solo ha votato No, ma lo ha fatto in massa. E adesso in tanti provano a passare all’incasso.

M5s chiede dimissioni di Crocetta – Il Movimento 5 Stelle, che in Sicilia è ormai saldamente il primo partito, parte all’attacco chiedendo le dimissioni del governatore Rosario Crocetta. “Il risultato del referendum in Sicilia non è solo la bocciatura del governo Renzi, ma, soprattutto, del suo maggiore sponsor nell’Isola: il governo del Pd e di Crocetta”, dicono i grillini. Una richiesta avanzata anche da Forza Italia e da Nello Musumeci. Il governatore era un pubblico sostenitore del Sì, ma adesso cerca un improbabile asilo fuori tempo massimo tra le file dei vincitori. “Credo che in Italia se c’è qualcuno che non viene scalfito dall’esito del referendum sono proprio io: non ho mai attaccato il fronte del No, sono stato leale nei confronti del segretario del mio partito ma non penso di essere stato tra i falchi del Sì. Paradossalmente il mio governo sarebbe stato messo in discussione da pezzi della maggioranza se avesse vinto il Sì: penso a cosa avrebbero urlato i renziani di Sicilia”, dice Crocetta con una dichiarazione ai limiti dell’assurdo. Provano a mettere il cappello sulla vittoria del No anche i leghisti di Sicilia. “In Sicilia le percentuali raggiunte dal No rappresentano un risultato davvero straordinario, chiaramente merito dell’ottima campagna d’informazione che abbiamo portato avanti con determinazione”, sostiene fiero Angelo Attaguile, leader di Noi con Salvini, la costola siciliana del Carroccio praticamente scomparsa dai radar dopo alcune modestissime performance elettorali. Attaguile, però, è sicuro: se i siciliani hanno votato No è merito della Lega. Come sdebitarsi dunque? Ma ovviamente invitando sull’isola il leader Matteo Salvini, atteso il 17 dicembre per una sorta di festicciola elettorale. E involontariamente l’indirizzo del locale palermitano scelto per l’occasione sfiora la boutade: via Faraone, come il sottosegretario renziano commissario di una campagna elettorale fallimentare.

Autore: Luca

Notizie di oggi
Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
Kim Jong Un ci salvera' dalla Minaccia NIBIRU?
(Catania)
-

I teorici di cospirazione sono convinti che un mondo alieno, noto come Nibiru o Pianeta X, sta attraversando lo spazio e sta puntando verso la Terra.
Questo è un articolo che abbiamo trovato in rete, in fondo trovate la fonte...

ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
ITALICUM, ROSATELLUM, CONSULTELLUM: ma quante PAGLIACCIATE?
(Catania)
-

La designazione dei parlamentari da parte dei leader attraverso il meccanismo delle liste bloccate equivale ad una vera e propria privatizzazione della politica nazionale.
Ci iscriviamo convintamente al partito degli scettici: il Rosatellum bis, la...

Italia seconda al mondo per Esportazioni di armi leggere: ma la notizia viene censurata!
Italia seconda al mondo per Esportazioni di armi leggere: ma la notizia viene censurata!
(Catania)
-

L’Italia ripudia la guerra, recita l’articolo 11 della Costituzione. Sarà anche vero. Quel che è certo è che non ripudia la vendita di armi. L’importante, casomai, è non farlo troppo sapere
L’Italia ripudia la guerra, recita l’articolo 11 della Costituzione. Sarà anche...


(Catania)
-


Le primarie per il premier sono una grande cavolata. Come lo ha dimostrato in...

Trump si piega al compromesso per paura dell'impeachment!
Trump si piega al compromesso per paura dell'impeachment!
(Catania)
-

Sono bastati 8 mesi per trasformare Donald Trump in Donald Clinton o, se preferite, in Hillary Trump.
Sono bastati 8 mesi per trasformare Donald Trump in Donald Clinton o, se...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati