Renzi, premio di risultato!

(Roma)ore 18:21:00 del 24/08/2016 - Categoria: Cronaca, Denunce, Politica

Renzi, premio di risultato!

Non c’è stato “target” concordato con l’esecutivo che sia stato fallito. La missione dell’organismo, che si può definire il motore dello sviluppo italiano, è quasi sempre compiuta al 100 per cento. Pressoché senza eccezioni per ogni manager è così scattat

INCREDIBILE MA VERO – Un Paese in rovina, ma non per Renzi: per lui tutti i funzionari del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica di Palazzo Chigi  hanno raggiunto gli “obbiettivi strategici” meritando un “premio di risultato” di oltre 30.000 Euro!! Lo avete capito o no che ci prendono per i fondelli???

Dicono che un leader si giudica dai suoi collaboratori. Per questo un osservatore distratto potrebbe tirare un sospiro di sollievo leggendo la “tabella delle performance” realizzate nel 2015 dai dirigenti pubblici che lavorano a più stretto contatto con Matteo Renzi. Dal documento, pubblicato sul sito del governo, si evince che gli alti funzionari del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica di Palazzo Chigi hanno raggiunto gli “obbiettivi strategici” loro assegnati. Non c’è stato “target” concordato con l’esecutivo che sia stato fallito. La missione dell’organismo, che si può definire il motore dello sviluppo italiano, è quasi sempre compiuta al 100 per cento. Pressoché senza eccezioni per ogni manager è così scattato un sostanzioso bonus.

Un premio di risultato che oscilla tra i 32mila e 900 e i 34mila e 600 euro. Cifre che, agli occhi dell’opinione pubblica, sono però difficilmente conciliabili con i risultati effettivi dell’economia italiana ora attestata sulla crescita zero dopo aver visto il debito pubblico salire di altri 77 miliardi.

Da Il Fatto Quotidiano del 20/08/2016

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Un Paese a crescita zero, tranne che a Palazzo Chigi (Peter Gomez)

Una lettura appena più attenta delle carte presenti in Rete spiega bene il perché. Di fatto a essere stati premiati sono stati centinaia di dirigenti di Palazzo Chigi, indipendentemente dal settore e dal grado di appartenenza. Nel 2015 in totale i bonus concessi dalla presidenza del Consiglio sono costati ai contribuenti circa 4 milioni di euro, una cifra in linea con quanto speso nei due anni precedenti. L’assenza di variazioni dimostra che il denaro è stato distribuito a pioggia. Non poteva essere altrimenti. Il potere burocratico, nella complice indifferenza della politica, ha giudicato se stesso. E per essere sicuro di non sbagliare ha stabilito obbiettivi semplici o scritti in maniera assolutamente incomprensibile. Esemplare è il caso di Ferruccio Sepe, il funzionario che, come spiega Thomas Mackinson suilfattoquotidiano.it, si occupa della “cassa” facendo “defluire investimenti in ogni ambito pubblico, dalle opere (Cipe) alla ricerca e ai fondi per la coesione territoriale”. Sepe nella sua missione destinata alla “crescita del paese” doveva occuparsi tra l’altro “dell’avvio di una programmazione concertata di medio-lungo termine (Agenda urbana nazionale) finalizzata ad un aumento dell’efficacia e della coerenza delle politiche urbane”. Inutile dire che il target lo ha raggiunto. Come? Tramite la “presentazione di un Progetto operativo nell’ambito del Programma Operativo Nazionale Governance e capacità istituzionale 2014-2020, rivolto al rafforzamento degli strumenti conoscitivi e di valutazione delle politiche urbane, alla definizione concertata di contenuti, obiettivi e indicatori dell’Agenda urbana nazionale e al trasferimento di conoscenze e competenze a supporto degli EE.LL. nel processo di implementazione di soluzioni tecnologico organizzative ICT abilitanti gli obiettivi dell’Agenda”. Al di là della terminologia da iniziati il fatto importante è uno solo: l’elaborato doveva essere trasmesso entro il 31 dicembre e così è stato. Il suo contenuto (c’è da sperare ottimo) appare indifferente ai fini della valutazione. I casi simili si sprecano.

Autore: Gregorio

Notizie di oggi
Ultimi 70 anni? Ecco le differenze di redditi tra operai e politici!
Ultimi 70 anni? Ecco le differenze di redditi tra operai e politici!
(Roma)
-

E’ PROPRIO VERO,PRIMA C’ERA PIÙ EQUITÀ,PIÙ EQUILIBRIO,MENO DIFFERENZA SOCIALE.ECCO  DI QUANTO È AUMENTATO LO STIPENDIO DEI POLITICI RISPETTO AGLI OPERAI
E’ PROPRIO VERO,PRIMA C’ERA PIÙ EQUITÀ,PIÙ EQUILIBRIO,MENO DIFFERENZA...

L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO
L'ultima intervista a Giovanni Falcone: UN'INQUIETANTE PROFEZIA - VIDEO
(Roma)
-

Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli uomini della scorta.
Il 23 maggio 1992 Giovanni Falcone saltò in aria insieme alla moglie e agli...

Conto Corrente bloccato il 1 luglio: ECCO CHI RISCHIA
Conto Corrente bloccato il 1 luglio: ECCO CHI RISCHIA
(Roma)
-

Le tasse vanno pagate, rappresentano la forza ed il fulcro di una nazione e di un popolo, ma vanno pagate nella maniera giusta ed equa, immaginate a quanto si potrebbero abbassare se eliminassimo gli sprechi, i privilegi e le cattive gestioni di una class
Le tasse vanno pagate, rappresentano la forza ed il fulcro di una nazione e di...

DINOSAURI IN PARLAMENTO - ecco i RECORDMAN della POLTRONA
DINOSAURI IN PARLAMENTO - ecco i RECORDMAN della POLTRONA
(Roma)
-

Per questi dinosauri non è valido il licenziamento per scarso rendimento? Oramai son lì solo a scaldar poltrone e a rubar soldi considerando la loro scarsissima produttività
Per questi dinosauri non è valido il licenziamento per scarso rendimento? Oramai...

Multicultura? NO, GRAZIE - Esplosione Manchester: 19 morti, 50 feriti!
Multicultura? NO, GRAZIE - Esplosione Manchester: 19 morti, 50 feriti!
(Roma)
-

Fino a quando gli attentatori colpiranno nel mucchio e quindi morirà solamente la povera gente anonima, non cambierà nulla perchè nel frattempo i potenti del mondo si difenderanno sempre di più in modo da non rischiare di essere colpiti.
Si scoprirà che è un inglese di seconda generazione chiamato Mohammed Abdul, ed...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati