Renzi: Ma non poteva restare a Rio?

(Torino)ore 23:24:00 del 09/08/2016 - Categoria: Denunce, Politica

Renzi: Ma non poteva restare a Rio?

In patria lo attendono un Pd dilaniato dal risorgente cannibalismo interno, una difficile decisione sulla data del referendum costituzionale e i foschi presagi di chi, dall' estero, teme che una sconfitta del premier italiano nella consultazione di novemb

Se il leader del Pd aveva sperato di aver convinto la minoranza interna a sottoscrivere una tregua fino al referendum d' autunno, ora si deve ricredere. Nella fronda interna ha vinto l' ala kamikaze di chi, D' Alema in testa, è disposto a tutto pur di sconfiggere l'«usurpatore» e di restituire agli ex Pci le chiavi del partito.

Il capogruppo dei senatori Pd, Luigi Zanda, lancia un allarmato appello: «La storia del centrosinistra italiano ha sempre visto dibattiti molto accesi. La nostra parte politica ha retto e vinto quando, dopo la battaglia interna, si è ritrovata unita. Io lavoro a questo e non mi rassegno. Sia chiaro: col Pd diviso non ci sono alternative, vincono le destre e il populismo».

Conclusa la missione olimpica a Rio de Janeiro, Matteo Renzi è rientrato ieri sera in Italia, portando con sé in aereo lo sfortunato campione di ciclismo Vincenzo Nibali, caduto ad un passo dall' oro.

L' astuto piano prevede che, dopo la sconfitta, Renzi resti a Palazzo Chigi a logorarsi definitivamente («Non vogliamo una crisi di governo», chiarisce Cuperlo), in modo da evitare elezioni anticipate e di dare il tempo al Pd antirenziano di cucinare una legge proporzionale che li metta in sicurezza.

Il presidente dei deputati Ettore Rosato invoca il «senso di responsabilità» e si appella alla «coerenza di chi quella riforma costituzionale la ha già votata». Ma dalla minoranza fanno spallucce: «Ora parte l' ultimo treno del dialogo e tocca a Renzi prenderlo», avverte Cuperlo.

Il quotidiano inglese The Guardian ieri si chiedeva se l' Italia sarà «la prossima vittima europea» dei venti populisti che investono l' Occidente, affermando che la scommessa di Renzi sulla riforma dell' imballato sistema istituzionale italiano «comincia a sembrare infausta come quella di Cameron sulla Brexit».

MA NON POTEVO RESTA’ A RIO? RIENTRO AMARO PER MATTEUCCIO - D’ALEMA, CUPERLO, SPERANZA: TUTTI ALL’ASSALTO DEL NAZARENO - NESSUNA TREGUA SUL REFERENDUM - DIMON (JP MORGAN) FA UNA MARCHETTA A PALAZZO CHIGI: DOPO IL DUCETTO DI RIGNANO, LA CATASTROFE 

E il referendum sulla riforma è visto come l' occasione d' oro per raggiungere l' obiettivo.

Il capo di JP Morgan Jamie Dimon, che con Renzi ha concordato il salvataggio di Mps, paventa uno scenario da incubo, in cui la vittoria del no al referendum italiano, unito all' incertezza delle future elezioni tedesche e alle spinte anti-euro in altri paesi come l' Olanda, potrebbero portare nel giro di qualche anno all' implosione dell' intera costruzione europea, con conseguenze politiche ed economiche catastrofiche.

CLICCA MI PIACE PER SEGUIRCI SU FACEBOOK!

Scenari da brivido che non sembrano minimamente turbare la fronda anti-renziana del Pd, che sogna la sconfitta della riforma renziana come il momento della rivincita per l' area bersanian-dalemiana.

In patria lo attendono un Pd dilaniato dal risorgente cannibalismo interno, una difficile decisione sulla data del referendum costituzionale e i foschi presagi di chi, dall' estero, teme che una sconfitta del premier italiano nella consultazione di novembre apra la strada ad un terremoto che investirebbe l' intera Unione europea.

Dopo Roberto Speranza, che ha minacciato di votare «No» se non si cambia subito l' Italicum (come, non è chiaro), ieri è spuntato anche Gianni Cuperlo, che rivendica «cittadinanza nel Pd per le ragioni del No, perché sulla Costituzione non vale la disciplina di partito».

Autore: Samuele

Notizie di oggi
La BELLA VITA Dei Leader Europei a Roma Tra Shopping e Menu' Regale.. INDOVINA CHI PAGA?
La BELLA VITA Dei Leader Europei a Roma Tra Shopping e Menu' Regale.. INDOVINA CHI PAGA?
(Torino)
-

PER ORA, L’IMPRESSIONE È CHE LA RIUNIONE DEI 27 LEADER EUROPEI A ROMA PER CELEBRARE I 60 ANNI DELL’UNIONE EUROPEA E RILANCIARNE IL FUTURO SIA STATA SOPRATTUTTO UN’ALLEGRA SCAMPAGNATA, UN WEEKEND IN GITA (DI LUSSO) TRA MUSEI, SELFIE, BELLEZZE ALL’ARIA APER
Se sarà una giornata storica, lo scopriremo tra qualche mese. PER ORA,...

Banche, la nuova truffa
Banche, la nuova truffa
(Torino)
-

Per rendersi conto di quanto siano radicali le nuove posizioni della Banca d’Inghilterra, considerate il punto di vista convenzionalmente accettato, che continua ad essere alla base di tutti i rispettabili dibattiti della politica.
QUELLA DOSE DI ONESTÀ DELLA BANCA D’INGHILTERRA CHE BUTTA DALLA FINESTRA LE BASI...

L'UE approva il glifosato della Monsanto: CANCEROGENO
L'UE approva il glifosato della Monsanto: CANCEROGENO
(Torino)
-

L’UNIONE EUROPEA AIUTERÀ LA MONSANTO AD AVVELENARCI PER ALTRI 15 ANNI CON UN MICIDIALE DISERBANTE COME IL GLIFOSATO.
L’UNIONE EUROPEA AIUTERÀ LA MONSANTO AD AVVELENARCI PER ALTRI 15 ANNI CON UN...

Virginia Raggi, cosa sapere
Virginia Raggi, cosa sapere
(Torino)
-

E non stiamo dicendo che questa notizia sulla Raggi non andava pubblicata,i giornali fanno bene a pubblicarla,ma vorremmo,a maggior ragione,che pubblicassero anche le notizie dove lo Stato perde ogni anno miliardi di euro che con qualche semplice Raccoman
Quello che A noi fa inc.nnevosire sono i GIORNALAI che con questa vicenda...

La tesi della Madia? UN CLAMOROSO COPIA E INCOLLA! DIFFONDI
La tesi della Madia? UN CLAMOROSO COPIA E INCOLLA! DIFFONDI
(Torino)
-

LA TESI DI DOTTORATO DI MARIANNA MADIA, MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NEI GOVERNI GENTILONI E RENZI, NON PARE ESSERE TUTTA FRUTTO DELLA SUA CREATIVITÀ.
LA TESI DI DOTTORATO DI MARIANNA MADIA, MINISTRO PER LA SEMPLIFICAZIONE E...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati