Renzi ha fregato un elisoccorso per raccattare gli ultimi SI mentre il Sud rimane sguarnito per ore!

(Bologna)ore 11:37:00 del 07/12/2016 - Categoria: , Cronaca, Denunce, Politica, Salute

Renzi ha fregato un elisoccorso per raccattare gli ultimi SI mentre il Sud rimane sguarnito per ore!

Il lupo, si dice, perde il pelo, ma non il vizio. Il premier Matteo Renzi ci ricasca e utilizza un elicottero pubblico per la campagna elettorale a favore del Sì.

Ma è possibile che un elicottero adibito a fini di soccorso possa essere usato così impunemente in modo egoistico dal politico di turno? Crediamo che tra i paesi che si definiscono civili, solamente in Italia succedono certe vergogne! E se poi quell'elicottero fosse servito per trasportare qualcuno in ospedale in modo urgente? La risposta quale sarebbe stata? No, serve al presidente del consiglio per raggiungere i suoi egoistici scopi per poter acquisire in modo dittatoriale ancora più poteri? Che schifo!

Il lupo, si dice, perde il pelo, ma non il vizio. Il premier Matteo Renzi ci ricasca e utilizza un elicottero pubblico per la campagna elettorale a favore del Sì.

Solo che questa volta, al posto del velivolo di Stato, il presidente del Consiglio ne ha utilizzato uno di turno per l'emergenza nazionale, lasciando sguarnito il Sud Italia di un mezzo destinato unicamente ed esclusivamente a eventuali necessità legate a calamità naturali o esigenze di soccorso.

I fatti risalgono a sabato 19 novembre, giorno di propaganda passato dal capo del governo tra Potenza, Matera e Caserta.

Le condizioni meteorologiche non erano delle migliori, tanto che le cronache parlavano di «allerta meteo». È da Roma che partì l'elicottero presidenziale. Quello bianco con scritto «Repubblica italiana» sulla fiancata, per intenderci. Ma la perturbazione era così intensa che il velivolo fu costretto a tornare indietro poco dopo.

Pur di portare a termine la campagna elettorale, però, il premier, ligio alle proprie convenienze, fece partire un altro elicottero, quello dell'Aeronautica militare, di turno Sar (Search and rescue), ovvero il velivolo di soccorso responsabile in quel momento per l'area da Roma in giù, da una base del Sud Italia. Il velivolo caricò Renzi a Potenza e lo portò a Matera. Per un tragitto di 102 chilometri, per i quali in auto sarebbero serviti 1 ora e 20 minuti di percorrenza, il mezzo impiegò pochi minuti.

Finito il comizio elettorale, il presidente del Consiglio salì nuovamente sull'elicottero e fu trasportato a Caserta, dove parlò nuovamente per promuovere il Sì. Quindi, fu accompagnato a Grazzanise dove si imbarcò sull'Airbus di Stato per altra destinazione. Questo viaggio è costato al contribuente 39mila euro, di cui 18mila per il solo carburante. E i vari voli sono stati autorizzati, come sempre, dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, lo stesso che tempo fa fece levare un elicottero dell'Aeronautica militare per farsi accompagnare dalla caserma «Macao», nel centro di Roma, a Pratica di mare. Lo stesso che autorizzò anche il tragitto, con elicottero di Stato e sempre per la campagna elettorale pro Sì da Messina a Reggio Calabria lo scorso 22 ottobre.

Insomma, per due giornate di propaganda, visto che l'altra volta Renzi ci fece spendere 32.500 euro di cui 17mila di carburante, i cittadini italiani hanno sborsato 71.500 euro di cui 35mila solo di combustibile.

Peraltro, l'elicottero utilizzato dal premier è come quello che tre giorni dopo, ovvero il 22 novembre, ha salvato un uomo a Salemi, in provincia di Trapani, che era disperso da 24 ore in una zona impervia. Le operazioni di recupero erano state ordinate dal Comando operazioni aeree di Poggio Renatico, che aveva dato l'allarme visto che la ricerca e il soccorso, il trasporto «sanitario d'urgenza di ammalati in pericolo di vita e di traumatizzati gravi, oltre che la ricerca di dispersi in mare e in montagna, sono garantiti 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno». Emergenze, però, che non hanno niente a che vedere con una campagna elettorale, anche se portata avanti dal presidente del Consiglio.

È da chiedersi il perché la vicenda dell'uso indiscriminato dei mezzi aerei della flotta di Stato o dell'Aeronautica militare per fini non attinenti agli impegni istituzionali non siano ancora stati oggetto, come avvenuto invece in passato per altri politici, di interesse da parte di profili garanti della legalità.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
Parlamentare si vende per una legge? INSINDACABILE
(Bologna)
-

Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per scaldapoltrone insaziabili.
Un motivo in piú per odiare il parlamento europeo, altra ignobile mangiatoia per...

Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
Di giorno la manifestazione pro migranti, di notte lo straniero falcia con l’automobile il clochard
(Bologna)
-

Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato pomeriggio a Milano a favore dell’inclusione, è stata una passeggiata antirazzista in veste folkloristica
Una marcia ideologica ma astratta. La manifestazione che si è svolta sabato...

Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
Energia pulita INSABBIATA in Italia su ordine degli USA
(Bologna)
-

In questa importantissima conferenza il giornalista RINO DI STEFANO ci introduce alla conoscenza di un argomento di eccezionale interesse e le cui implicazioni potrebbero determinare profondi cambiamenti negli assetti politico-economici, socio-culturali e
LA MACCHINA DI DIO: IL MISTERO DEL RAGGIO DELLA VITA. ETTORE MAJORANA E...

Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
Malta, il NUOVO paradiso fiscale degli italiani
(Bologna)
-

Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra promessa per chi fugge dalle tasse. L'Espresso, con un'inchiesta realizzata insieme al consorzio giornalistico Eic (European Investigative Collaborations), ha potuto consultare lo
Destinazione Svizzera? Macché. Lussemburgo? Nemmeno. È Malta la nuova terra...

Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
Il carcere uccide: la situazione drammatica delle galere italiane
(Bologna)
-

Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo hanno trovato in una pozza di sangue nella sua cella di Rebibbia, reparto G9, lo scorso 25 marzo. Si è tagliato la gola ed è morto lentamente, dissanguato.
Prigionieri e suicidi: così il carcere uccide Carmelo Mortari aveva 58 anni. Lo...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati