Renzi favorisce chi aggira il fisco!

CATANZARO ore 18:03:00 del 20/03/2016 - Categoria: Denunce, Economia, Politica - Renzi

Renzi favorisce chi aggira il fisco!

“Una mano tesa ai potenziali nuovi elettori del Pd”, replicano i critici. Tra cui Economist e Financial Times – di Chiara Brusini

Renzi e le leggi salva-evasori: più nero per tutti Un anno di norme a favore di chi aggira il Fisco

da Il Fatto Quotidiano:

Intanto, la lista dei provvedimenti borderline si allunga di giorno in giorno: ora è in fase di approvazione un decreto che toglie rilevanza penale alla violazione delle norme antiriciclaggio da parte degli intermediari finanziari. E le bordate non arrivano solo dalle opposizioni ma anche dalla crème della stampa finanziaria internazionale, particolarmente critica per esempio nei confronti dell’innalzamento da mille a 3mila euro del tetto all’uso del contante. “L’immensa economia sommersa dell’Italia rimane uno dei fardelli più pesanti per il Paese e nulla di buono potrà arrivare da una misura che serve solo a peggiorare il problema”, è stato il verdetto del Financial Times.

La prima condanna è stata annullata il giorno stesso dell’entrata in vigore delle nuove norme, l’1 ottobre. “Il fatto non è più previsto dalla legge come reato”, ha sancito la Cassazione mandando assolto un imprenditore che in appello si era visto invece confermare un anno di carcere per dichiarazione infedele. Uno dei decreti attuativi della delega fiscale, varato durante l’estate dal governo Renzi, stabilisce infatti che chi aggira il fisco con operazioni mirate solo a pagare meno tasse rischia al massimo una multa. ​E’ la filosofia che sta alla base di diversi provvedimenti su fisco ed evasione adottati dall’esecutivo guidato dal leader Pd. Come la depenalizzazione della dichiarazione infedele sotto i 150mila euro (prima con 50mila si rischiava il carcere​)​​ e di quella fraudolenta “mediante altri artifici”, non più reato se vengono sottratti al fisco meno di 1,5 milioni (la soglia precedente era di 1 milione): meglio badare al sodo, cioè a incassare le somme evase. Secondo i critici, un modo per strizzare l’occhio a imprenditori, liberi professionisti e commercianti e ampliare ilbacino elettorale del Pd renziano.

L’ex patron di Emmelunga, l’ex ad di Sisal, l’ex consigliere delegato di Ilva… E persino lo showman Luca Laurenti. Grazie a una serie di provvedimenti del governo che depenalizzano l’abuso del diritto, alzano le soglie di punibilità e ampliano la zona grigia delle irregolarità consentite. “Meglio incassare subito le sanzioni”, argomenta il presidente del consiglio. “Una mano tesa ai potenziali nuovi elettori del Pd”, replicano i critici. Tra cui Economist e Financial Times –  di Chiara Brusini

“Il fatto non è più previsto come reato”. Così nel 2015 sono usciti indenni dai processi imprenditori e manager. Grazie all’innalzamento delle soglie di punibilità. Vannucci: “Ricerca di nuovi consensi”

Resta da vedere se ampliare la zona grigia delle irregolarità “tollerate” sia la strategia giusta in un Paese con 122 miliardi di evasione annua stimata sui circa 1000 dell’intera Ue e meno di 200 persone condannate in via definitiva per reati fiscali. Ma a dirlo sarà il confronto tra i 14,2 miliardi recuperati dall’Erario nel 2014 e i risultati di quest’anno e dei prossimi. Di sicuro, per ora, c’è che a un anno dalle polemiche sulla prima versione del decreto sull’abuso del diritto (quello che sanava evasione e frode fiscale se limitate a somme inferiori al 3% dell’imponibile) le nuove norme varate nel frattempo da Palazzo Chigi e via XX Settembre hanno salvato dal carcere molti evasori. Anche eccellenti. Ilfattoquotidiano.it ha fatto un primo bilancio, per forza di cose provvisorio, e ha chiesto ad alcuni addetti ai lavori un giudizio sulle scelte dell’esecutivo e una “diagnosi” sulle motivazioni di fondo: rimpinguare le casse dello Stato o guadagnare il consenso di alcune categorie di elettori?

“Il fatto non è più previsto come reato”. Così nel 2015 sono usciti indenni dai processi manager e imprenditori, come l’ex patron di Emmelunga, l’ex ad di Sisal, l’ex consigliere delegato di Ilva… E persino lo showman Luca Laurenti. Grazie a una serie di provvedimenti del governo che depenalizzano l’abuso del diritto, alzano le soglie di punibilità e ampliano la zona grigia delle irregolarità consentite. “Meglio incassare subito le sanzioni”, argomenta il presidente del consiglio. “Una mano tesa ai potenziali nuovi elettori”, replicano i critici. Tra cui Economist e Financial Times.

Renzi, un anno di leggi salva-evasori. Così si alza la soglia di “illegalità consentita”. A caccia di nuovi voti per il Pd.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI
GIUSTIZIA ALL'ITALIANA – TESORIERE PD INDAGHERA' SUL PADRE DELLA BOSCHI

-

Sono un po' tutti cascati dal pero. Ma come, davvero? Davvero ve la siete presa? Eh, pare di sì, accidenti
GIUSTIZIA ALL’ITALIANA – BONIFAZI, TESORIERE PD, INDAGHERA’ SUL MANCATO SUOCERO:...



-


Un gruppo di scienziati statunitensi ha dato il via a un progetto per "riportare...

Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA
Che Guevara: LA VERITA' SUL SANGUINARIO EROE DELLA SINISTRA

-

Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale, violenta, selettiva e fredda macchina per uccidere
Propagandava l'odio come fattore di lotta per trasformare l'uomo in una reale,...

L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA
L'Islanda sconfigge l'ECONOMIA GLOBALE: la rivoluzione SILENZIOSA

-

NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA “RIVOLUZIONE SILENZIOSA” DELL’ ISLANDA CHE HA PERMESSO AGLI ISLANDESI DI RIAPPROPRIARSI DEI PROPRI DIRITTI.
NAZIONALIZZAZIONE DELLE BANCHE E DEMOCRAZIA DIRETTA E PARTECIPATA: LA...

LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum
LEGGE ELETTORALE: errare Renzianum est, perseverare Gentilonicum

-

Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge elettorale. La prima volta sotto il Fascismo (legge Acerbo) e la seconda e la terza sotto il governo Renzi-Gentiloni.
Nella storia d'Italia, solo tre volte si è posta la fiducia sulla legge...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati