Renzi e il suo futuro

(Roma)ore 20:45:00 del 20/05/2016 - Categoria: Denunce, Politica - Marianna Madia

Renzi e il suo futuro

Un secondo punto della direttiva del ministero all’Aran riguarda l’attuazione delle regole sulla retribuzione legata alla produttivitàinserite nella riforma Brunetta, finora rimaste sulla carta

Un secondo punto della direttiva del ministero all’Aran riguarda l’attuazione delle regole sulla retribuzione legata alla produttivitàinserite nella riforma Brunetta, finora rimaste sulla carta. La riforma prevede che il 50 per cento dei premi vada al 25 per cento dei dipendenti pubblici più capaci, il restante 50 per cento vada distribuito alla metà dei lavoratori e al 25 per cento degli statali risultato meno produttivo non vada corrisposto nessun incentivo.

Al via la trattativa per il rinnovo del contratto degli statali. Dopo quasi sette anni di blocco, il governo ha stanziato300 milioni per il rinnovo dei contratti. Una cifra ritenuta insufficiente dai sindacati e che infatti non sarà distribuita a pioggia sui 3 milioni di dipendenti pubblici perché si tradurrebbe in un aumento di una decina di euro al mese.

“COSI’ SI COMPRA I VOTI CON I SOLDI DEGLI ITALIANI”: GIORDANO STANA LA MINISTRA DI RENZI

Per evitare un micro-aumento, il ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, avrebbe deciso di privilegiare iredditi più bassi. Non né ancora chiaro se nelle direttive all’Aran, l’agenzia per la rappresentanza negoziale della pubblica amministrazione, sarà indicata direttamente una soglia di reddito al di sotto della quale concedere l’aumento o se questo aspetto sarà lasciato alla contrattazione con i sindacati.

L’ultimo punto incerto riguarda l’accoglienza dei sindacati che da tempo chiedono che nel rinnovo dei contratti entri anche la quota di arretrati relativi al 2015, l’anno della sentenza della Corte Costituzionale che ha sbloccato il rinnovo. Il governo, invece, vuole erogare gli aumenti, destinati solo ai redditi bassi, soltanto a partire dall’anno in corso.

Rimane da chiarire quando effettivamente partirà il tavolo di confronto, che non può essere convocato prima che lariduzione dei comparti del pubblico impiego da undici a quattro (SanitàFunzioni centrali,Funzioni locali,Istruzione e ricerca) sia passata per le verifiche delministero dell’Economia, poi in Consiglio dei ministri e infine abbia ottenuto un parere positivo anche dalla Corte dei Conti.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
MAZZETTE AI POLITICI mafiosi e LADRI negli appalti per i rifiuti
MAZZETTE AI POLITICI mafiosi e LADRI negli appalti per i rifiuti
(Roma)
-

Sono fradici e vengono in tv a dirci cosa farebero sicuramente chi non è ricattabile corrotto evasore gli fanno la guerra basta vedere a chi paga le tasse gli vengono aumentate chi non le paga lo fa perché sono troppe.
Sono fradici e vengono in tv a dirci cosa farebero sicuramente chi non è...

Ecco in che CONDIZIONI arriva il GRANO ESTERO: VIDEO
Ecco in che CONDIZIONI arriva il GRANO ESTERO: VIDEO
(Roma)
-

Grano che arriva da altri paesi e addirittura continenti, che percorre migliaia di chilometri e resta per mesi nelle stive delle navi accumulando umidità, muffa e quindi tossine.
E’ UN SERVIZIO REALIZZATO DAI GIORNALISTI DI PRESA DIRETTA (RAI 3).RIASSUME LA...

La Merkel ZITTITA al Parlamento Europeo: VIDEO SENZA PELI SULLA LINGUA!
La Merkel ZITTITA al Parlamento Europeo: VIDEO SENZA PELI SULLA LINGUA!
(Roma)
-

Per Sahra Wagenknecht, Vicepresidente della Sinistra Tedesca (Die Linke), le cose non vanno bene nell’ E uropa… E con convinzione profonda afferma: l’euro divide l’Europa e non porta nessun beneficio all’UE!
SAHRA WAGENKNECHT NON LE MANDA A DIRE, E CON UN DISCORSO MEMORABILE AL...

Banche italiane in utile grazie alle GUERRE
Banche italiane in utile grazie alle GUERRE
(Roma)
-

I numeri degli affari del mondo bancario nel settore degli armamenti fanno impressione
Da una parte piangono crisi e chiedono salvataggi da parte dello stato (a spese...

E' un dato di fatto: il M5S non vigila sul rispetto delle regole interne!
E' un dato di fatto: il M5S non vigila sul rispetto delle regole interne!
(Roma)
-

La vecchia morale grillina di insultare ad ogni avviso di garanzia, si è infranta non appena hanno interessato massicciamente il M5S.Ma il quel partito,le dimissioni non si usano,sanno che nelle successive elezioni non verranno più rieletti e resistono.
La vecchia morale grillina di insultare ad ogni avviso di garanzia, si è...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati