Renzi e il suo futuro

(Roma)ore 20:45:00 del 20/05/2016 - Categoria: Denunce, Politica - Marianna Madia

Renzi e il suo futuro

Un secondo punto della direttiva del ministero all’Aran riguarda l’attuazione delle regole sulla retribuzione legata alla produttivitàinserite nella riforma Brunetta, finora rimaste sulla carta

Un secondo punto della direttiva del ministero all’Aran riguarda l’attuazione delle regole sulla retribuzione legata alla produttivitàinserite nella riforma Brunetta, finora rimaste sulla carta. La riforma prevede che il 50 per cento dei premi vada al 25 per cento dei dipendenti pubblici più capaci, il restante 50 per cento vada distribuito alla metà dei lavoratori e al 25 per cento degli statali risultato meno produttivo non vada corrisposto nessun incentivo.

Al via la trattativa per il rinnovo del contratto degli statali. Dopo quasi sette anni di blocco, il governo ha stanziato300 milioni per il rinnovo dei contratti. Una cifra ritenuta insufficiente dai sindacati e che infatti non sarà distribuita a pioggia sui 3 milioni di dipendenti pubblici perché si tradurrebbe in un aumento di una decina di euro al mese.

“COSI’ SI COMPRA I VOTI CON I SOLDI DEGLI ITALIANI”: GIORDANO STANA LA MINISTRA DI RENZI

Per evitare un micro-aumento, il ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, avrebbe deciso di privilegiare iredditi più bassi. Non né ancora chiaro se nelle direttive all’Aran, l’agenzia per la rappresentanza negoziale della pubblica amministrazione, sarà indicata direttamente una soglia di reddito al di sotto della quale concedere l’aumento o se questo aspetto sarà lasciato alla contrattazione con i sindacati.

L’ultimo punto incerto riguarda l’accoglienza dei sindacati che da tempo chiedono che nel rinnovo dei contratti entri anche la quota di arretrati relativi al 2015, l’anno della sentenza della Corte Costituzionale che ha sbloccato il rinnovo. Il governo, invece, vuole erogare gli aumenti, destinati solo ai redditi bassi, soltanto a partire dall’anno in corso.

Rimane da chiarire quando effettivamente partirà il tavolo di confronto, che non può essere convocato prima che lariduzione dei comparti del pubblico impiego da undici a quattro (SanitàFunzioni centrali,Funzioni locali,Istruzione e ricerca) sia passata per le verifiche delministero dell’Economia, poi in Consiglio dei ministri e infine abbia ottenuto un parere positivo anche dalla Corte dei Conti.

Autore: Samuele

Notizie di oggi
In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!
In pensione a 67 anni dal 2019: SENZA VERGOGNA!
(Roma)
-

Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi, vitalizi e le super Pensioni (es Ventola 10000 mese ) e di chi ha versato pochi Contributi Perché non si fa un calcolo matematico inserendo la comparazione con Giudici, Generali dell
Prima di innalzare l età pensionistica ...dobbiamo tagliare gli sprechi,...

I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
I partiti? Ci costano 160mila euro al giorno! (M5S compreso)...
(Roma)
-

La Camera stanzia 32 milioni l’anno (50 mila euro a deputato), il Senato 21,3 milioni (67 mila euro a senatore). A ogni gruppo è assicurata una somma minima, che cresce in proporzione alla consistenza numerica.
Ogni giorno, sette giorni su sette, i gruppi parlamentari percepiscono 160 mila...

Il disastro delle FONDAZIONI BANCARIE finanziate dal GOVERNO LADRO
Il disastro delle FONDAZIONI BANCARIE finanziate dal GOVERNO LADRO
(Roma)
-

Crisi e affari 
discutibili hanno indebolito il patrimonio degli enti che ora hanno meno risorse in cassa da distribuire sul territorio. E adesso devono anche affrontare il buco del fondo Atlante, voluto da Renzi
Crisi e affari 
discutibili hanno indebolito il patrimonio degli enti che...

Vogliono dare la CITTADINANZA AGLI IMMIGRATI - NO ALLO IUS SOLI
Vogliono dare la CITTADINANZA AGLI IMMIGRATI - NO ALLO IUS SOLI
(Roma)
-

La cittadinanza non è un semplice documento ma deve essere il risultato di un lungo processo di acquisizione delle norme, usanze, consuetudini di un Paese
L'immigr azione rende più della droga. E non solo per l'organizzazione del...

Emilio Fede condannato a 2 anni: ma come mai in Italia NESSUNO va mai in galera???
Emilio Fede condannato a 2 anni: ma come mai in Italia NESSUNO va mai in galera???
(Roma)
-

È doveroso esprimere qui i sensi della più alta stima e considerazione alla brava gente perseguitata ad oltranza, espressamente Emilio Fede, Dell'Utri, Mangano, Riina, Formigoni, ecc. e purtroppo Silvio non c'è più per cambiare le leggi e liberare questi
Beati coloro che hanno fede nel Dio che tutto e tutti perdona e redime.Ma Dio...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati