REINTRODURRE LA LEVA OBBLIGATORIA per insegnare i veri valori ai nostri giovani

(Bari)ore 15:44:00 del 23/05/2017 - Categoria: , Cronaca, Politica, Sociale

REINTRODURRE LA LEVA OBBLIGATORIA per insegnare i veri valori ai nostri giovani

LA LEVA OBBLIGATORIA È STATA ABOLITA DAL 2005, E DA ALLORA SI NOTA VISIVAMENTE UNA GRAN DIFFERENZA CARATTERIALE E NON SOLO TRA CHI L’HA FATTA E CHI NO.

LA LEVA OBBLIGATORIA È STATA ABOLITA DAL 2005, E DA ALLORA SI NOTA VISIVAMENTE UNA GRAN DIFFERENZA CARATTERIALE E NON SOLO TRA CHI L’HA FATTA E CHI NO.

La leva obbligatoria non è mai servita più di tanto allo stato, che necessita sempre di più solo di militari professionisti, ma è stata fondamentale per i giovani che hanno avuto la fortuna di effettuarla.
La leva obbligatoria non serve per creare guerriglieri, ma uomini con la U maiuscola.

E’ solo un “periodo formativo” che aiuta i ragazzi a crescere. Li educa alla vita, insegna loro a cavarsela da soli e gli permette di vivere in una società dove bisogna rispettare delle regole, esattamente come nel mondo del lavoro.

E’ un periodo di crescita individuale e di corpo, cioè di comunità, che non lede l’intelligenza della persona.

E’ una scuola che istruisce i giovani ancora legati alle comodità del tetto genitoriale, alla mamma che vizia con la colazione già pronta ecc, a cavarsela da soli per provvedere ai propri bisogni. Taglia il “cordone ombelicale” che ancora li lega alla famiglia.

La leva militare completa i giovani di di una disciplina che non viene insegnata nel mondo della scuola (dove tutto è dovuto) e della famiglia (dove le punizioni sono diventate un miraggio).

La maggio parte dei giovani che hanno affrontato questa esperienza hanno plasmato il loro carattere tramite essa, hanno imparato cosa sia l’umiltà, in senso dell’ onore e il rispetto per il prossimo, ma non solo.
E non è vero che tutti quelli che hanno “subito” la “naja” lo ricordano come un periodo di torture e soprusi. Forse all’ inizio hanno incontrato difficoltà nell’ integrarsi “nel nuovo mondo”, ma alla fine ne sono usciti UOMINI, forse all’ inizio hanno pianto per aver lasciato la propria famiglia, ma alla fine hanno pianto di nuovo per aver lasciato i loro compagni…

Quello che serve in Italia, attualmente, è maggiore coesione fisica tra i giovani, attualmente coesi solo virtualmente tramite le nuove tecnologie, privi di esperienze “forti” capaci di plasmare il loro carattere.
La leva obbligatoria servirebbe sicuramente allo scopo, una esperienza forte e soprattutto umile per distaccarli dal mondo virtuale immergendoli in quello sociale, e per farli tornare con i piedi per terra.

Da: Jeda

Autore: Luca

Notizie di oggi
Boldrini, stipendio da 144mila euro all'anno: LA PALADINA DEI POVERI
Boldrini, stipendio da 144mila euro all'anno: LA PALADINA DEI POVERI
(Bari)
-

Ci si chiede spesso quanto guadagnano i politici italiani e le più alte cariche dello stato: non solo quindi i deputati ed i senatori, ma anche il Presidente del Consiglio, i ministri ed il Presidente della Repubblica.
Ci si chiede spesso quanto guadagnano i politici italiani e le più alte cariche...

Antiabortista CENSURATA a Roma3: DIFFONDI QUESTO VIDEO!
Antiabortista CENSURATA a Roma3: DIFFONDI QUESTO VIDEO!
(Bari)
-

Ormai siamo in mano al diavolo, simbolo del Male che attanaglia la terra. E tutto ciò in nome del nume DEMOCRAZIA messo sull'altare della menzogna
Ormai siamo in mano al diavolo, simbolo del Male che attanaglia la terra. E...

Immigrazione, ecco cosa non ti dicono
Immigrazione, ecco cosa non ti dicono
(Bari)
-

Piu' specificamente e' stato documentato come la cosca Arena, attraverso l'operato di Leonardo Sacco - governatore dell'associazione di volontariato "Fraternita di Misericordia" di Isola di Capo Rizzuto, nonche' presidente della Cofraternita interregional
Piu' di 500 agenti tra Polizia, carabinieri e Guardia di finanza, su...


(Bari)
-


Parlare di "assegno di mantenimento" e "dovere di assistenza" con queste cifre,...

EUROPA INFAME
EUROPA INFAME
(Bari)
-

Si tratta di più di 211 (duecentounidici!) chiusure al giorno, qualcosa come più di otto (otto!) aziende che ogni ora del giorno e della notte, sabati e domeniche inclusi, chiudono i battenti in Italia.
C'è perfino chi riesce a sostenere che siano dati "positivi", ma i numeri sono...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati