Referendum Costituzionale: Renzi disperato

(Roma)ore 07:42:00 del 20/09/2016 - Categoria: Denunce, Politica

Referendum Costituzionale: Renzi disperato

“La scelta della ‘concorrenza’ – si legge nell’articolo – lungi dallo spingere le pubbliche amministrazioni centrali e locali a migliorarsi a vicenda, ha generato un notevole contenzioso, con oltre 8.200 leggi regionali esaminate dal Consiglio dei ministr

Insomma, con la riforma lo Stato si prende la legislazione esclusiva su “Produzione, trasporto e distribuzione nazionali dell’energia” con l’obiettivo di far risparmiare ai contribuenti una cifra che, però, i sostenitori del Sì non comunicano (anzi, nell’articolo sono indicate solo le spese per il consumo relativo al 2011 e al 2013). Ma in realtà si tratta di una facoltà che aveva già. L’energia è una materia strategica e lo Stato può già legiferare e adottare provvedimenti amministrativi esautorando facilmente le Regioni: basta lasciar passare un po’ di tempo (cinque mesi) se i governi territoriali non sono d’accordo con quel che ha deciso il governo di Roma.

L’obiettivo, infatti, è sempre uno: eliminare il ruolo delle Regioni dai processi decisionali. Nel caso specifico, in campo energetico e per Costituzione. “Il ragionamento del comitato non sta né in cielo né in terra – spiega Enzo Di Salvatore, docente di Diritto costituzionale e autore proprio dei quesiti sulle trivellazioni – Le lungaggini non sono dovute alla Corte costituzionale, ma ai procedimenti amministrativi che se sono lunghi, lo sono per ragioni specifiche come la tutela del territorio dal punto di vista ambientale”. La maggior parte dei ricorsi riguarda i Tribunali amministrativi (Tar) a cui ci si rivolge quando si ritiene che siano state prese decisioni contro legge. “Quasi mai, però, il Tar ha concesso la sospensiva del provvedimento di ricerca o di coltivazione degli idrocarburi”, spiega Di Salvatore. Senza contare che tutte le leggi regionali vengono esaminate dal Consiglio dei ministri.

 

Referendum, l’ultimo slogan (falso) del Pd: “Se vince il Si, si abbassano le bollette”

 

C’era da scommettere che sarebbe successo e infatti il momento in cui per sponsorizzare il Sì al referendum costituzionale si sarebbe parlato anche delle bollette di gas e luce è arrivato: ovviamente, in caso di vittoria del Sì caleranno. La ‘notizia’, per così dire, è sul sito Bastaunsì.it con il titolo “Come la riforma del Titolo V alleggerisce le bollette”.

La spiegazione, però, non è chiara. La tesi è che sarà possibile risparmiare grazie alla modifica dell’articolo 117 dellaCostituzione, che attualmente stabilisce le competenze tra Stato e Regioni ed elenca quali siano esclusive del primo e quali siano quelle ‘concorrenti’, ovvero quelle su cui legiferano insieme. “La scelta della ‘concorrenza’ – si legge nell’articolo – lungi dallo spingere le pubbliche amministrazioni centrali e locali a migliorarsi a vicenda, ha generato un notevole contenzioso, con oltre 8.200 leggi regionali esaminate dal Consiglio dei ministri (che ne ha impugnate circa l’11%) e 800 tra sentenze e ordinanze della Corte costituzionale, con lungaggini giudiziarie, costi incalcolabili, paralisi della Pa, incertezza, ritardo nella realizzazione di opere e infrastrutture, fuga di imprese italiane ed estere”. Le stesse motivazioni erano già state usate per il referendum di aprile sulle trivelle.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/ultimo-spot-del-si-cosi-la-riforma-riduce-le-bollette/

Autore: Luca

Notizie di oggi
Chi finanzia il M5S?
Chi finanzia il M5S?
(Roma)
-

Trasparenza, questa sconosciuta. Il MoVimento 5 Stelle, la forza politica che ha conquistato il consenso di più di un quarto dell’elettorato italiano promettendo di trasformare le istituzioni in una casa di vetro, predica bene e razzola male
TRASPARENZA, QUESTA SCONOSCIUTA. IL MOVIMENTO 5 STELLE, LA FORZA POLITICA CHE HA...

Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
Una casa non l'avremo mai: MORIREMO IN AFFITTO...
(Roma)
-

I lavori di oggi ti permettono di aprire un mutuo per acquistare l'auto dei tuoi sogni a rate, di andare tutti i pomeriggi al bar a bere l'aperitivo o di acquistare un capo firmato al mese, ma non ti permettono più di essere autosufficiente al 100%, di co
I meravigliosi anni 90 sono finiti, nonostante si tenti in tutti i modi di...

Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
Lotta alle fake news? Il Bavaglio al web una cosa ILLEGALE! Ma non ve lo diranno mai
(Roma)
-

Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato da Adele Gambaro arriva in Senato (commissioni giustizia e affari costituzionali) e riapre la polemica sulla legge-bavaglio, tra profili di incostituzionalità, correttivi leg
Lotta alle fake news, o meglio alla libertà d’opinione: il decreto legge firmato...

Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
Le ragioni per cui NON VOTARE e' una scelta sacrosanta, OGGI COME OGGI
(Roma)
-

Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale l'argomento che chi non vota lascia decidere agli altri, ma non vuol dire che il suo non-voto non abbia significato, perché ogni presa di posizione è significativa per il politico
Il voto, come non il voto, sono sempre significativi. In astratto vale...

Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
Bergamo come il FAR WEST: violenti scontri tra ROM rivali - VIDEO
(Roma)
-

Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un regolamento di conti.
Pugni, spranghe, auto che si scontrano e quindici colpi di pistola per un...



Giornale di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Giornale di Oggi - Tutti i diritti riservati